il lavoro deve stressare!!!

se c’è una cosa che non si può rimproverare a mio marito è che sia un fancazzista sul lavoro: arriva alle 6.30 di mattina e se ne esce alle 20.00, così da almeno 30 anni.

il suo pensiero fisso è l’azienda, la materia prima che sale, i fornitori che non consegnano, il personale che non si trova, le consegne che saltano, i camion che non consegnano, gli insoluti che arrivano, le banche che chiedono sempre di più e danno sempre di meno, i dipendenti che sbagliano in continuazione: tutto concorre al suo umore altalenante e faticoso, ma certo non si può dire che lui prenda alla leggera nulla di quello che riguarda il lavoro

….finchè non è arrivato suo figlio

quel ragazzino fancazzista e problematico dell’adolescenza, un bel giorno ha deciso che voleva lavorare in azienda e così per 5 anni di fila lo abbiamo messo in produzione, a fare i lavori più faticosi e duri, alle prese con i nostri peggiori operai: lui non ha mollato e questo natale ha detto di essere pronto per occuparsi di commerciale

ovviamente noi genitori demmmerda abbiamo pensato che fosse una scusa per sottrarsi all’officina, ma gli abbiamo concesso il beneficio del dubbio e tre mesi per vedere i risultati, sapendo benissimo che non sarebbe stato possibile vederne

io gli ho dato la lista dei nostri clienti “piccoli” che non chiamavano da tempo per farsi le ossa, mio marito gli somministra le sue perle di saggezza (le mail non servono a niente e non le legge nessuno…)

figlio piccolo ascolta tutti e poi fa di testa sua: per un mese ha studiato i nostri concorrenti, ha capito chi erano i clienti e cosa producevano per loro e si è proposto con una mail molto semplice e chiara.

bam, bam, bam…da gennaio abbiamo cominciato a vedere preventivi, a febbraio un paio di giorni a visite e ora fioccano ordini tutti i giorni; per noi tutti è un caos, ogni cliente ha le sue richieste e le sue specifiche, ma c’è un entusiasmo che non c’era da anni

stasera arriva l’ordine di un cliente importantissimo a cui mio marito gli stava dietro da anni; la sua faccia perplessa mi ha intenerito tantissimo, probabilmente si sta chiedendo come diavolo ha fatto il nostro piccolo fancazzista a produrre tutti questi risultati

ma me lo chiedo anche io!!

ma la cosa che mi ha fatto più ridere è stato lo sfogo di stasera di mio figlio, contro suo padre che non ci mette abbastanza impegno a fare preventivi e a produrre il materiale: lui mi dice che vuole lavorare con tranquillità, ma non esiste! il lavoro deve essere stressante altrimenti si chiama vacanza!!!”

oddio, l’avesse saputo la me stessa di 10 anni fa….

Pubblicità

16 risposte a “il lavoro deve stressare!!!

  1. Confermo: magari stressante è meglio di no, comunque il peggio nelle giornate di lavoro è quando non c’è lavoro, quando devi affrontare tempi morti o ripetere le stesse operazioni senza nuove sfide

  2. “Bisogna festeggiare!” Però ecco, lo stress apposta anche no. Lavorare non è perdere energie per stare male, quello è autolesionismo!
    La routine invece quella si’ stressa parecchio.
    Cerco di immaginare il figlio che interroga gli spiriti su cosacompranoiclienti dal capannone vicino.

    • però tieni conto che noi siamo i titolari, lo stress fa parte del lavoro da sempre. quando facevo la dipendente e avevo finito le mie ore, dimenticavo di avere un lavoro fino al giorno successivo: questo è un lusso che puoi permetterti solo da dipendente

      • Quindi re Mida è già stressato senza che lo ristressino, pover’uomo! Idem famiglia (-: Magari non vuole affastellare le cose, e si tiene libero il sabato mattina (-;.
        Comunque, beata te che dimenticavi, è una leggenda che « il dipendente » in quanto tale « si dimentica »: magari esce, magari è demotivato, ma dimenticare sul serio il lavoro o l’ambiente che ci sta intorno è un altro paio di maniche.

  3. Serviva una ventata di freschezza! Sono contenta che abbia trovato la sua strada, pure mio figlio sta lavorando come cameriere, mercoledì ha firmato il contratto fino a novembre e porta delle belle mancette 🙂
    Eh sì, bisogna festeggiare!

  4. Bel post. Mi hai fatto ridere, ciao.

  5. Festeggerete??? Ve lo meritate proprio, il brutto anatroccolo è diventato un cigno!
    Spero di riuscire a sentirti presto Un abbraccio

  6. Mi sembra che Delphine abbia descritto molto bene la situazione. I ragazzi “difficili” riservano spesso belle sorprese, noi che lavoriamo alle medie lo sappiamo ed è sempre bello essere stupiti e contraddetti con effetti speciali ^__^
    Ma ho una richiesta per te: hai qualche recapito utile e affidabile per aiutare gli animali in Ucraina? Come si dice in questi casi posso dare poco, ma quel poco lo darei volentieri.

    • si, lo diceva anche Pennac….
      per quanto riguarda gli aiuti, ci sono varie associazioni che partecipano
      col ns gruppo abbiamo fatto un primo invio di materiale e cibo e sono tornati indietro con molti animali a cui stiamo provvedendo, nn credo che a breve manderemo altro, dobbiamo smaltire gli animali che sono arrivati.
      so che sono riusciti ad arrivare da Andrea Cisternino ( mi sono commossa quando ho visto le foto) ma nn so chi se ne occupa, mi informo e poi ti dico

    • eccomi, il volontario che aiutiamo è andrea cisternino, lo trovi anche in facebook, la sua associazione si chiama unitiperloro, sempre su facebook trovi tutte le indicazioni
      altre realtà sono locali, è più difficile collaborare, noi ad esempio non siamo nemmeno associazione

  7. No vabbè!!!! Ma pensa te…questo dovrebbe leggerlo ogni mamma di adolescente problematico sulla faccia della terra!

    • oh cara, se me lo avessero detto non ci avrei mai creduto…vedevo solo nero, un futuro faticoso e problematico, anche se a dire la verità qualche amica molto in gamba me lo diceva che mi avrebbe riservato molte sorprese!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...