scelgo di essere felice

non ho parole, sono passati due mesi dall’ultima volta che ho scritto.
una bella estate carica, con figlia grande partita per nuove avventure in Polonia, (dopo aver fatto un mese e mezzo da mia madre su cui ci sarebbe da scrivere un libro), su figlio grande che, lavorando indefessamente notte e giorno con temperature africane ci ha permesso di fare una vacanza lunghissima, su mio marito, su cui c’è ancora tanto da scoprire dopo 37 anni di vita in comune.
meglio parlare di vacanze, finchè ho ancora la pelle colorata dal sole -finalmente , dopo 6 anni dalla radioterapia- finchè ho ancora il mood andamento lento che mi piace tanto
sono state vacanze fantastiche, non mi ricordo di averne fatte così belle nella mia vita
e sono partite come tutte le altre, con me e mio marito carichi di tensione, risentimento e rabbia repressa, a cui si aggiungeva il fatto di partire con l’azienda aperta, per due settimane. mio marito ha deciso per le ferie scaglionate, per chiudere solo una settimana e fare tutti tre, un complicato gioco di scambi per garantire continuità anche se il problema più grosso era lui: chi sostituisce il capo?
un paziente lavoro di programmazione e poi via, verso il Portogallo.
già subito è uscita la voglia di azzannarsi: 3 false partenze perchè – l’uomo ordinatissimo che non dimentica nulla e non perde mai nulla salvo quando gli spiriti maligni, tipo io e la signora delle pulizie mettiamo le mani sulla sua roba…._ ha dimenticato e poi non trovato i passaporti, il cavo della corrente e altre cosucce non indispensabili.
dopo 3 ore di giri e rigiri, tra casa e azienda alla ricerca di quello che si era dimenticato, la tentazione di esplodere come un vulcano era al limite.
ma poi mi sono detta: ti aspettano 3 lunghe settimane chiusa in un minuscolo spazio vitale con lui, se cominciamo a litigare apriamo le cateratte e non è più finita, smettiamo solo al ritorno…vuoi davvero che finiscano così le vacanze?
no, mi viglio bene, ho bisogno di stare bene, se non ci penso io a stare bene chi ci pensa? ecco, tutto il resto passa in secondo piano, obiettivo essere felice, perchè essere felici è una scelta che bisogna fare con consapevolezza e soprattutto dipende da te …e allora ho un dannato bisogno di essere felice, non ne posso più di incazzarmi come una biscia perchè mio marito, i figli il lavoro, la casa, le amiche il mondo non è come lo vorrei, non mi aspetto più nulla dagli altri, sono felice a prescindere.
oh, ha funzionato. non so ancora come ma ha funzionato.
e per la prima volta dopo una vacanza non avevo nessuna voglia di tornare a casa

Annunci

8 risposte a “scelgo di essere felice

  1. Sono sempre contenta di leggerti, sei simpatica e concreta ,ti abbraccio.

  2. Che bel post! ❤
    Che bella filosofia! 😉
    Che bella persona che sei! 🙂

    Ciao, Fior

  3. Sticazzi: sono in vacanza. Da stampare sulla maglietta.

  4. sei stata saggia…a volte è megio evitare di innescare tensioni inutili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...