non guarderò mai più un cestino dell’immondizia con la stessa innocenza

eh già ogni tanto la facciamo una cavolata così.
abbiamo preso l’auto e siamo andati a Parigi.
domenica era il compleanno di figlia grande e le abbiamo detto di prendere un bus fino a Parigi, mercoledi sera abbiamo prenotato un albergo e giovedi pomeriggio tardi siamo partiti.
rivedere mia figlia mi fa sempre scoppiare il cuore, passare due giorni in sua compagnia è un regalo della vita.
ci ha fatto scarpinare in lungo e in largo: le quantità di cose che abbiamo visto non è nemmeno immaginabile….abbiamo fatto a piedi ogni giorno almeno 15 km (ma lei da sola lunedi ne ha fatti 20…)
ci siamo divertiti tanto e abbiamo passato un compleanno speciale; alla sera hard rock cafè perchè non siamo una famiglia tradizionale ma abbiamo le nostre tradizioni.
non tornavo a Parigi da qualche anno e ho trovato una città fortemente segnata dalla paura del terrorismo: controlli ovunque, anche molto accurati, polizia dappertutto.
non ti fa sentire più sicura ma alla fine non si può neanche rimanere inermi dopo quello che è successo.
tantissimi mendicanti, di qualunque età, c’era persino una vecchietta con un gattone in braccio
un freddo terribile, però niente pioggia
ma la cosa che mi ha veramente scioccato sono stati i cestini dell’immondizia, che alla sera si riempivano di topi…una cosa terribile, vedere questi animali che brulicavano fuori e dentro i cestini….blah mi fanno uno schifo tremendo!
“ma cosa piangi che tra 20 giorni torna?”
“Re Mida non rompere che ti viene da piangere anche a te”
“si caxxo….”

Annunci

4 risposte a “non guarderò mai più un cestino dell’immondizia con la stessa innocenza

  1. Oddio sta faccenda dei topi non me l’aspettavo….in effetti si dice che a Parigi è pieno di topi, vedi anche il cartone Ratatuille, ma non credevo fino a questo punto….ci sono stata, ma moltissimi anni fa e all’epoca non vidi neanche un topo.
    Non mi lamentero’ più per qualche topo che passa nel mio cortile, tra l’altro uno di questi topi si è pure suicidato venendo sul mio balcone a mangiare il fertilizzante dei fiori. Topi poco furbi.
    Dai che fra poco figlia grande torna x Natale!

    • guarda…una cosa terrificante…ogni tanto sentivi degli strilli ma ormai avevamo capito che era qualcuno che aveva fatto un incontro ravvicinato….che poi la città che ha tra i simboli il gatto nero e poi nn vedi un gatto manco x sogno

  2. Allora, un tipo in Tv ha detto che a New York, agli incroci ci sono pantegane (topi di fogna), ben più che a Roma, tu dici che ce ne sono anche a Parigi . . . allora, noi che siamo una piccola Città sulla Costa, non ci possiamo lamentare, ci teniamo buoni i nostri topi, grossi in città e al porto (salgono e scendono anche dalle barche da pesca, come da tradizione), piccoletti quassù in campagna . . . e, a volte, in cantina!!! 😉

    Contenta che, malgrado i topi, vi siete goduti il compleanno della FigliaGrande con la FigliaGrande . . . un caloroso grazie e un baciotto al FiglioPiccolo che ha permesso tutto ciò! ❤

    Ciao, Fior

    • no no santi numi nn erano pantegane ma erano belli grossi e tantissimi….sinceramente in tanti anni che viaggio nn mi era mai capitato! cmq è stato bellissimo stare con mia figlia, è così speciale che spesso penso che nn sia possibile che l’ho fatta io!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...