piccolo osservatorio sull’occupazione

in 30 anni in azienda non c’è stato praticamente nessun turnover; stesse persone nei secoli e secoli.
poi arriva il consulente, apporta qualche modifica all’organizzazione e buuuum…persone con 33 anni di anzianità che danno le dimissioni una dietro l’altra. anzi,mi correggo, che vogliono essere licenziate per poter prendersi la mobilità.
ma questa è un’altra storia
quello che siamo stati costretti a fare è stato di assumere nuovamente il 90 % dei nostri dipendenti; nessun problema, non c’è la disoccupazione?
il primo licenziamento del 2016 è il responsabile del controllo di produzione, che appena passato a contratto indeterminato ha visto bene di falsificare le firme di mio marito facendo risultare che ha fatto da noi la stage per l’università…..
il secondo un signore rumeno di quasi 60 anni, che nei 10 anni che ha lavorato da noi è sempre stato un problema perchè non sa fare nulla. Di punto in bianco va dai sindacati perchè vuole essere licenziato. Dice che con la mobilità e con il tfr intanto va avanti due anni, poi si vedrà……
terzo abbandono, contratto a tempo determinato, ultime due settimane passate a casa in malattia (mal di schiena). dice che potrebbe tornare a lavorare se il lavoro non fosse tanto stressante…
quarto abbandono, contratto a tempo indeterminato, lascia il lavoro perchè va a tentare fortuna all’estero. speriamo bene…
quinto e ultimo (si spera) abbandono, ragazzo assunto perchè figlio di amici, un autentico lavativo. in 3 mesi che lavora ha fatto più assenze lui per malattie e incidenti che tutta l’azienda messa insieme (poi si fa i selfie al cinema dimenticando che ha il resto dell’azienda come amico su facebook, compreso mio figlio….)
ha già avuto mal di pancia, mal di testa, bronchite, mal di schiena, dissenteria (DUE VOLTE!!!!), persino un fantomatico incidente al lavoro che nessuna ha visto e che ha raccontato a sua madre una volta a casa. L’altro giorno mi ha chiesto come si fa a licenziarsi, praticamente è come se una moglie chiedesse al marito come si fa a divorziare.
io sono allibita ma comunque mi informo. Tra poco gli scade il contratto ma se vuole andarsene non lo trattengo: adesso c’è una nuova procedura per licenziarsi che non basta mandare la solita lettera, bisogna farla presso un sindacato e costa. lui non vuole spenderli e allora mi informo: dove ci fanno le paghe lo fanno costare solo 20 €
“non voglio buttar via 20 €” mi dice.Ieri sera chiede a mio figlio come si fa a chiedere le ferie.
e adesso mi è appena arrivato un sms che non sta bene e se ne sta a casa, e così forse salta il ponte per qualcuno, perchè lunedi c’è una consegna e ci manca una persona
il responsabile dell’ufficio paghe mi dice: “guarda che noi vediamo cose con i lavoratori che non hai idea….”
un’idea me la sono fatta

Annunci

10 risposte a “piccolo osservatorio sull’occupazione

  1. Ciao Emily,
    ti leggo da un po’ (adoro il tuo stile e come riesci con pochi colpi di tastiera a caratterizzare i protagonisti dei tuoi paesaggi di vita), ma non commento (quasi) mai…
    Stavolta però, ho un conoscente che cerca lavoro disperatamente da un anno senza successo: ha 10 anni di esperienza come operaio metalmeccanico, ma l’azienda in cui era ha dovuto licenziare per la crisi…
    Se può esservi utile, scrivimi in pvt, che provo a mettervi in contatto.
    Grazie.

  2. Fammi capire è in malattia e si fa i selfie per Facebook? Già solo per la stupidità lo si lascia a casa. Io in otto anni che lavoro nel pubblico sono stata a casa un mese perché con il braccio destro ingessato e sono tornata al lavoro appena scaduti i giorni di malattia perché ne avevo due palle che nn ti dico di stare a casa!
    Per fortuna quando lavoravo per conto mio sempre stata abbastanza bene.
    Se vuoi ti mando un po’ di miei colleghi che s spostare tre pratiche du lamentano a fare un po’ di lavoro…. vero
    Elisa

  3. Robe da matti . . . ma tu sai, anch’io ho chi ha davvero bisogno di lavoro! 😉

    Baci, Fior

  4. Oh guarda io per un po’ di tempo mi sono occupata delle assunzioni della mia azienda. e confermo quello che ti ha già detto il resp dell’ufficio paghe. Ho visto cose che voi umani………………….. però c’è crisi. Ah si.

  5. Ciao, sono una ragazza di 26 anni che ti legge da tempo…ma non ho mai lasciato commenti sotto ai tuoi post. Ho all’incirca la stessa etá di tua figlia è spesso mi sono immedesimata in lei quando scrivevi delle sue avventure negli Stati Uniti, in Germania o all’università. Io son laureata a Padova in beni culturali, ma son sempre stata una persona curiosa e giramondo e, dopo aver lavorato giá per 8 mesi in Germania, ho preso la decisione definitiva di trasferirmi lí a partire da gennaio 2017, assieme al mio compagno che vive e lavora lí da quasi 2 anni. La decisione é stata molto sofferta per me, anche se naturalmente non lo do a vedere ad amici e parenti (sono io che cerco di rassicurare e tirare su lo sgomento dei miei genitori per il fatto che mi vedranno poco poco…sono la piú piccola ma se ne faranno una ragione:)). Se avessi avuto la possibilitá di trovare un buon lavoro, senza stipendi da fame, qui in Italia io sarei rimasta. Ora quello che voglio dire é che mi é dispiaciuto leggere nel tuo blog oggi questo tuo post…hai scritto frasi magari di getto, ma prova a riflettere sul fatto che ci sono forse altri giovani come me che ti leggono. É avvilente è mortificante leggere frasi come “in 30anni stesse persone nei secoli dei secoli” o “ragazzo assunto perché figlio di amici” o ancora leggere di un uomo di 60 anni rimasto in azienda pur senza saper lavorare, mi chiedo ma come é possibile. Ci si aspetta queste frasi da vecchi imprenditori bigotti e conservativi veneti che non sanno parlare nessun altra lingua oltre il veneto…non mi aspettavo che queste parole venissero fuori da una mente brillante come la tua. Se é così non c é proprio speranza per noi giovani qui in Italia, questo mi viene da pensare. Perché non assumere neolaureati o neodiplomati, o anche solo ragazzi che abbiano voglia di lavorare seriamente, come operai, semplicemente su base meritocratica?Io ne conosco tanti…e anche tu sai che siamo in tanti ad essere in gamba, una prova vivente é tua figlia. Volevo semplicemente esprimerti il mio pensiero, spero ne capirai il senso, come io ho capito lo sfogo del tuo post, cioé capisco che sia avvilente dover confrontarsi con persone che pretendono di essere stipendiate pur non avendo voglia di lavorare.
    Un saluto da Padova,Lucia

    • tesoro forse mi sono spiegata male e hai ragione, rileggendo può dare un’impressione sbagliata. quando dico assunto perchè figlio di amici nn devi pensare al solito raccomandato, qui praticamente tutti vengono assunti perchè amico di qualcuno. con le agenzie non mi trovo, mi mandano a colloquio ragazzi con delle qualifiche che nessuno controlla e ho beccato dei veri problemi, come il ragazzo che ha falsificato le firme
      per quanto riguarda il signore dei 60 anni, non l’abbiamo licenziato anche se nn sapeva fare niente perchè mio marito non è proprio capace di licenziare nessuno. piuttosto li mette a pulire e poi fa i salti mortali per dare gli stipendi ma lasciare a casa qualcuno per lui è impossibile. sente la responsabilità in un modo abnorme, io un po’ meno e quando le persone se ne vanno da un giorno all’altro penso che avremo potuto farlo noi molto prima e al suo posto mettere qualcuno che ha veramente bisogno di impegnarsi
      io vorrei che fosse solo la base meritocratica ma purtroppo in italia c’è una difesa del lavoro allucinante per chi ce l’ha e una barriera quindi assurda per chi nn ce l’ha. ma il discorso si fa lungo.
      quanto ai ragazzi, sfondi una porta spalancata. e sai una cosa? adesso faccio un post sui miei ragazzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...