la calunnia è un venticello…il bullismo invece?

un giorno mi deciderò a scrivere un post come nella mia azienda siamo partiti da un gruppo di dipendenti di circa 50 anni che lavoravano da noi da 25 anni e oltre a cambiarli quasi tutti in ragazzi da 24/25 anni. in un solo anno…ne parlerò prima o poi
uno dei tanti aspetti che sta emergendo è la patetica paura dei “vecchi” rimasti di questi ragazzi che arrivano con il coltello fra i denti sapendo benissimo che il mondo gli darà solo contratti a chiamata, in nero a vaucer, e quindi ben determinati a rimanere in un posto dove gli hanno fatto subito un contratto regolare.
uno dei tanti ragazzi appena arrivati è uno del sud, molto…compatto, diciamo così.
nano, hanno subito sentenziato in officina.
le battute sono ovvie: avete messo un bambino alla macchina? mettetegli la pedana sotto! non si trovano i guanti della sua misura! (questo è vero…) e via di seguito
ma il ragazzo non si è perso d’animo e ha fatto subito capire che lui il lavoro lo conosce e sa muoversi in officina.
ehhh allora cambia tutto. perchè i pochi “vecchi” che sono rimasti si sentono minacciati e tendono a diventare molto fetenti.Passi il ragazzino che fino al mese scorso faceva il cameriore, ma uno che zitto zitto dimostra di saper fare magari meglio di loro….ehhhh no!
e così continuano a dire a mio marito che non sa far nulla, che è imbranato, lo prendono pesantemente in giro in continuazione. io ci ho parlato, ho cercato di farli ragionare, ma sono anche vigliacchi e negano tutto
ieri un episodio allucinante: il più vecchio degli operai, quello prossimo alla pensione, butta malamente il materiale che sta producendo rischiando di provocare un incidente serio al ragazzo nuovo. poi parte una filippica che lui è stanco, ha caldo, non ne può più di fare straordinari, che quello è un lavoro di merda e che è stufo di essere cronometrato, perchè lui è sempre in ritardo perchè lo facciamo lavorare col nano idiota.
mio marito lo toglie dalla macchina e lo manda a casa seduta stante.
io preparo la lettera di richiamo
mio marito prende il suo posto davanti alla macchina e con tutto quello che ha da fare si mette a lavorare.
io mi scuso con il ragazzo, gli dico che siamo mortificati e che domani gli diamo un giorno di ferie all’altro operaio per fargli riflettere sul suo atteggiamento. Lui mi risponde che non mi devo preoccupare, lui ci è abituato…..
non so davvero come fare, è veramente difficile ragionare con certe persone che credono sempre che gli spetti tutto di diritto, anche offendere gli altri.

Annunci

9 risposte a “la calunnia è un venticello…il bullismo invece?

  1. La pensione di questo individuo è vicina vicina vero?
    In ogni caso se è prossimo alla pensione perché deve mobbizzare così questo ragazzo??? Ormai lui la sua carriera l’ha fatta. A volte è proprio cattiveria.

  2. E’ bello che tu lo scriva, che abbiate preso le sue difese…è bello e non così scontato…

  3. Allibita che sia un “anziano” del mestiere a farlo …cosa ha paura di perdere ?? cmq la cattiveria che riscontro in giro è davvero allucinante , sopratutto da over 60 e non solo in ambito lavorativo …. se possono ti asfaltano …che brutto mondo 😦

  4. Siete dei grandi. Nient’altro da dire.

  5. Mi si stringe il cuore, perché mi capita la stessa cosa. Certe persone fanno schifo alla vergogna, senza se e senza ma.

  6. In effetti è strano, se l’altro operaio è prossimo alla pensione dovrebbe avere razionalmente un livello di “competizione” prossimo allo zero… poi di solito i dipendenti italici in qualunque settore non brillano mai per attaccamento o zelo lavorativo, Chissá cosa “scatta” nelle menti delle persone alle volte … se tu lo hai intuito condividilo… a me potrebbe solo venire in mente il campanilismo nord-sud .. pero’ dai uno di 60 che si mette a fare il bullo con uno di 25 mi sembra una cosa di una tristezza allucinante.

    Sul fatto del “ricambio” tutti insieme .. è una rivoluzione da un lato.. dall’ altro è anche naturale se siete partiti con un gruppo compatto di operai veneti 25 anni fa e li avete fidelizzati nel senso che c’e’ un basso turnover nella vostra azienda perché gli operai tendono a trovarsi bene… a un certo punto il nocciolo duro della vecchia generazione arriva al traguardo tipo gruppo di ciclisti che si sono allenati insieme e formano una squadra e arrivano alla fine della corsa piu’ o meno insieme ..

    saluti

  7. Ho l’impressione che si tratti del buon vecchio tradizionale nonnismo, condito magari con due dita di razzismo e un po’ di arroganza, di quella che si imputa sempre ai giovani ma dalla quale spesso e volentieri anche i meno giovani non sono immuni

    In bocca al lupo, a voi e al “nano” 🙂 che sarà senz’altro più alto di me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...