30 giorni

“ho fatto le corse per arrivare prima alla conferenza per paura di stare in piedi ed è deserta”
“forse è per la paura di attentati”
“ma mamma cosa vai a pensare! se la pensi così non ti dico neanche il titolo della conferenza”
“DIMMELO SUBITO”
“I DIRITTI DELLE DONNE AFGANE”
“ragazzina, torna in convitto subito”
“mammmaaaaaaaaaa stai tranquilla”

figlia grande ha finalmente preso il biglietto per tornare a casa.
non serve nemmeno dirlo, mia figlia in questi mesi mi è mancata tantissimo. Mi manca il suo sorriso, la sua voce, i suoi abbracci, e quando il pensiero va a lei devo essere veloce a distoglierlo, perchè mi viene una malinconia pazzesca
lo so benissimo che non è dall’altra parte del mondo, lo so benissimo che tra skype e ws ci si sente e ci si vede lo stesso, ma niente riempie la mancanza fisica che ho di mia figlia.
ma so anche bene che questo è la vita che si è scelta, che tornerà presto per ripartire poco dopo, e così sarà per sempre.
non ha per fidanzato il vicino di casa che sposerà dopo la laurea e che vivranno a pochi passi da me, che vedrò la domenica a pranzo, che seguirò nella gravidanza e poi aiuterò con i nipotini….questa è la vita che hanno scelto altre ragazze ma non lei
ed è inutile dire che comunque le sue scelte mi riempiono d’orgoglio, perchè non sono mai scontate, facili, “normali”….ma il mio pensiero va anche ai genitori di quella ragazza veneziana morta a Parigi. mio marito ha continuato a dire sgomento che poteva essere nostra figlia: io non l’ho detto ma l’ho pensato
mi riempie di angoscia pensare che i miei figli, ma i figli di chiunque, possano finire la loro vita per colpa di 4 imbecilli imbottiti di droga e propaganda.
e sentire i francesi che uscendo dallo stadio intonavano la marsigliese mi ha commosso
e mi irrita vedere tutti i pecoroni che velocemente cambiano il loro profilo fb con la bandiera…rispetto per le idee di tutti ma questi sono fenomeno di psicosi di massa e mi mettono ansia
fra 30 giorni andremo a prenderla all’aeroporto, l’abbraccerò, e per pochi giorni avrò l’illusione di avere il controllo su quello che può succederle.
fino alla prossima partenza

Annunci

20 risposte a “30 giorni

  1. Ma lei dov’è ora?

  2. la vita “casa e lavoro al paese, fidanzato del liceo, ecc-…” per altri versi potrebbe essere mortale…per la frustrazione e la noia
    Elisa

  3. “e per pochi giorni avrò l’illusione di avere il controllo su quello che può succederle.
    fino alla prossima partenza”

    È così . . . e quando sono via il pensiero corre! 🙂
    L’altra sera ho chiamato la FigliaPiccola, che sta a Roma, le ho dato dei consigli (non usare la metropolitana, non andare dove c’è troppa gente, stai attenta agli sconosciuti) . . . lei ha ridacchiato e si capiva che stava facendo le facce, qualcuno in sottofondo ridacchiava . . . mi ha detto “mamma, non vivo più???” 😉
    Ma ha detto che prima di fine mese torna, poi ritorna per il matrimonio del fratello e, se non ha impegni di lavoro, resta fino a fine anno . . . e la speranza aiuta la mia tranquillità! Tra l’altro, non posso far notare troppo la mia ansia, suo padre è più ansioso di me! 😉

    Ciao, Fior 🙂

  4. Emily,

    Tra te e tua figlia è un teatrino unico !

    “I DIRITTI DELLE DONNE AFGHANE”

    E sappi cara emily che la Caccola ancora non ti ha detto tutta la storia che c’e’ dietro quella conferenza, per non farti preoccupare anzitempo anche se prima o poi dovra’ comunicartelo ovviamente…. va be’ dai .. una piccola anteprima mi sembra doverosa … sappi che un gruppetto di studenti e studentesse altamente selezionato tra i migliori in tutta europa potrá partecipare l’ estate prossima ad un campo umanitario di volontariato internazionale direttamente in Afghanistan, il tutto gestito dalla Croce Rossa.

    Si tratta di una occasione irripetibile !!!

    Rendiamoci conto !

    PS.

    Emily sei sei arrivata viva e vegeta fino alla fine del post … sappi che era uno scherzo !!! 😀 😀

    Va bon che con la caccola non si puo’ mai dire… pero’ .. l’ afganistan dai meglio di no.

    Saluti cordiali e complimenti per lo spirito civico della figlia, che evidentemente deve aver preso da te.

    😀

  5. Io sono come tua figlia e mia sorella a 40 anni è diventata dalla figlia vicino casa a un’altra figlia lontano da casa. Leggere le tue parole mi fa venire voglia di abbracciare la mia mamma…

  6. Già immagino la tua preoccupazione ad averla lontana.
    Per adesso io questo problema non ce l’ho ma che vuoi, coi tempi che corrono non penso proprio che i miei figli resteranno in Italia a lungo dopo gli studi. E per quanto riguarda il Ric non manca poi molto come sembra…… mamma mia. Quindi ti sono vicina in spirito, sorella 🙂

  7. Tua figlia è una ragazza in gamba che guarda al mondo con la freschezza dei suoi anni e nello stesso tempo con la profondità del suo pensiero. La ammiro sinceramente.

  8. Davvero avresti voluto per lei quella vita? Sposare il fidanzato dei 16 anni e vivere al paesello accanto alla mamma? Io non lo augurerei ai figli di nessuno, figurati ai miei.
    Lo so che fa paura saperli liberi. Ma potrebbero morire domani, mentre sono in macchina con me: è decisamente più probabile. Oppure il pulmino della scuola potrebbe finire in un fosso, nessuno di loro porta le cinture. Oppure la casa del polacco potrebbe decidere che è stata in piedi fin troppo e caderci sopra la testa (questo lo ritengo altamente improbabile, ma solo perché tra noi e quella casa c’è l’amore folle che hai visto).
    Pensa a ciò che ti rende fiera, non al resto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...