quando prometto, mantengo……

10593048_819467438083979_3369111088882448210_n10565046_819465961417460_7937107996433080202_n10325542_819467404750649_5909893210735716785_nsabato e domenica siamo stati al mare. Siamo senza figli perchè tornano tutti e due mercoledi, e io 3 mesi fa presa da spirito samaritano avevo promesso a una mia amica che per la prima volta faceva la stagione al mare, che l’avrei aiutata con la figlia di poco più di un anno al momento dello sbaraccamento

(si, uso la parola sbaraccamento perchè quando in una piazzola ci metti roulotte, veranda, telo sopra e altro telo sopra, gazebo, tendina per il cucinotto….insomma quando mancano solo i nani da giardino io non lo chiamo più campeggio ma baraccamento)

e così siamo andati in un posto di mare che odio, in un campeggio che odio. con Re Mida che protesta e mi fa la lista dei posti belli che potremo andare. Con la previsione di diluvi universali. dove le zanzare ti assaliscono (o ti assalgono?) alle 4 del pomeriggio e oramai l’autan se lo leccano

ma ho promesso…

insomma alla mattina vado con la piccola al parco giochi del campeggio e dopo poco arrivano un branco di crucchetti prepotenti che cominciano a far dispetti pesanti alle ragazzine che sono li. ribollo, mio marito dalla panchina mi fa il segno di stare zitta, ma ad un certo punto non ce la faccio più e mi avvicino e dico: cara ragazze un giorno quando studierete la storia e leggerete del NAZISTI E DI HITLER ( alzo la voce di un ottava) allora capirete perchè questi crucchetti in branco si comportano come bestie

mio marito non sa se ridere o sgridarmi, mi dice che sono senza speranza. evvabbè

poi con la piccola andiamo in spiaggia e una signora mi racconta che ad agosto una mattina sono arrivati in spiaggia con i bambini e sulla sabbia c’era una bellissima costruzione, peccato che fosse un enorme fallo ( e fatto anche bene a sentire loro…). La prima reazione è stata di distruggerla ma i bambini si sono messi a protestare: ma come? voi grandi dite sempre che non bisogna calpestare le costruzioni della spiaggia e poi volete distruggere questo? che a proposito cosa è?

delirio, me lo posso immaginare, alla fine è arrivato il bagnino con la pala e ai ragazzini ha detto che era troppo grande, occupava troppo spazio

una bella domenica. ma tornando mio marito mi ha detto: pensa se facessimo vacanze così…brividi per la schiena! proprio non gli passa per la mente che per la maggioranza delle persone stessa spiaggia stesso mare stessa gente per tutta a vita è uno spasso. per lui è l’inferno eheheheh

 

Annunci

21 risposte a “quando prometto, mantengo……

  1. Io sono sposata a un marinaio il che significa vivere sul mare, il che significa fare vita da mare quotidianamente e non posso che ammettere che con due figli piccoli è davvero fantastico.
    Poi però le vacanze sono altra cosa e in due anni con due nani sotto i tre anni siamo andati a Zanzibar, Seychelles e Bretagna (e solo a Zanzibar in villaggio perchè costava meno)…mi hanno tutti dato della pazza!

    • Wow…. vivere su di una barca tutto il tempo… chissa’ cosa si prova a stare a contatto del mare aperto o anche dell’oceano per cosi’ tanto tempo… tutti insieme appassionatamente.

      PS.

      Questo commento mi fa tornare in mente il famoso gattino “marinaio” che hai dato alla signora sulla barca .. come si chiamava .. Cagliostro !

      EMILY HAI NOTIZIE DI COME STA !?

    • mmmmm che meraviglia di vita! chissà i tuoi bimbi come crescono sani
      macchè pazza noi ci siamo sempre andati in vacanza con i bambini, i pazzi sono quelli che rimangono a casa!

  2. Uah ah ah ah 😀

    POST SIMPATICISSIMO EMILY !!!


    “quando mancano solo i nani da giardino io non lo chiamo più campeggio ma baraccamento”

    In effetti… per la serie “come portarsi mezza casa appresso” anche in campeggio.

    Per la questione zanzare .. si dice … ti “assalgono”

    Sul fatto che oramai sono talmente assuefatte ed aggressive che si leccano anche l’ autan .. ah ah ah .. va bon.. lasciamo perdere… immagino la scena.

    E poi .. i “crucchetti” che fanno gli scherzi ( alle bambine italiane suppongo ) .. e tu che intervieni con la filippica anti-nazista deve essere stata una scena imperdibile .. peccato che Re Mida non la abbia filmata per la posterita’.

    Ma che scherzi pesanti stavano facendo i crucchetti ?

    Tipo preparare una piccola camera a gas per selezionare le bambine ariane da quelle cosi’ e cosi ? Va bon dai scherzo ovviamente… comunque sono curioso di sapere cosa hanno combinato per farti salire la pressione in quel modo, tu mi dai l’impressione di essere una persona sempre molto calma e pacata .. quindi debbono averla fatta grossa per farti saltare la mosca al naso.

    Comunque sia .. i “crucchetti” come termine per descrivere i bambini tedeschi è divertentissimo …. sembra una roba a metá strada tra le crocchette e le sturmtruppen.

    🙂

    • allora i crucchetti in questione sono arrivati al parco giochi cavalcando i loro monopattini e si sono fiondati su una giostrina che girava e hanno cominciato a farla girare fortissimo ma dentro c’erano delle ragazzine anche piccole che avevano paura ma loro nn si fermavano. quando sono finalmente riuscite a scendere quello più grosso si avvicinava con fare minaccioso e spingeva la piccola.
      nn c’è niente da fare i tedeschi nn mi piacciono x niente

  3. “e oramai l’autan se lo leccano”
    No vabbe’, muoio dal ridere! 🙂

    Grande, con i bambini crucchi! Non so com’è ma ho come l’impressione che i tedeschi vengano in Italia a fare cose per le quali in Crucconia verrebbero linciati!
    Mamma che urto!

  4. ahahah dai….. dipende anche da posto è quello in cui vai… sebbene io abbia detto a mio marito recentemente che non lo reggerei mai più un periodo in albergo e stabilimento balneare come da piccola. Troppo assuefatta alla libertà del camper e spiaggia libera

    • già, ma è anche il fatto di cambiare orizzonte, di conoscere posti nuovi, di assaggiare cibi, di sentire lingue diverse dalle tue….un posto sarà anche bellissimo ma sicuramente ce ne sono altri cento meglio…ecco quello che ti dice lui!

  5. Sei unica nella descrizione di fatti e misfatti 😉
    Il baraccamento avrei proprio voluto vederlo.
    Buona giornata, ti abbraccio
    Affy

    • guarda, una cosa assurda. persino il dondolo….stuoie x terra a coprire anche il minimo filo d’erba, stuoie sulla testa manco dovessero affrontare grandine e tornadi.. e poi si lamentano che la sotto nn passa aria….

  6. L’aneddoto dei tedeschi è proprio divertente…pagherei oro per vedere tuo marito e le sue espressioni!
    Il micio è troppo bello ed è anche cresciuto molto, si vede che ci sta bene in barca, quasi quasi lo invidio…..

    • oh si è proprio carino, e mi sembra sereno e rilassato. chissà cosa gli passa x la mente, è passato da un ambiente iperprotetto come casa mia ed è finito li, come orizzonte l’infinito. anche io lo invidio un po’!

  7. Il micio é davvero bellissimo (ma qui parla “cuore di mamma”, perchè é uguale-uguale al mio Willy).
    Per la storia dei crucchetti… uh, qui si apre una voragine! Vivo in Germania da 2 anni con tutta la famiglia (3 figli che ora hanno 12 e 10 anni)… che dire… per citare un amico “hanno l’intelligenza della termite” per cui danno il loro meglio in branco. Inoltre i bambini non li guardano… non so come spiegarlo, ma nè i genitori nè gli insegnanti si preoccupano di cosa combinano i minorenni… il primo anno di scuola qui i miei figli (soprattutto i piccoli) tornavano a casa tutti bollati! E frustrati, perché quando andavano dalla maestra, questa non diceva niente… (sempre se, al primo anno di tedesco, riuscivano a farsi capire).
    E cmq sottoscrivo il commento di chi dice che fuori dei loro confini fanno quello che vogliono… in patria sono talmente “compressi” da duemila regole, da un controllo sociale fortissimo, dalla presenza continua della polizia, che quando escono non si controllano e – invece di usare il raziocinio – fanno quello che passa loro per la testa.
    Un caro saluto (Aufwiedersehen 😉 ) dalla Baviera!
    Monica

    • monica pensati che x un certo periodo di tempo si paventava l’idea di trasferire l’azienda in carinzia….ne ero semplicemente terrorizzata!!!!
      io ho un’antica antipatia con i tedeschi, che nasce dal fatto che per 45 anni dei miei 50 ho letto praticamente tutto quello che ho trovato sulla seconda guerra mondiale e sull’olocausto….ma c’è anche da dire che da ragazzina andavo nei campeggi al mare invasi da tedeschi che si comportavano veramente male. una volta ho fatto a botte con uno….x cui, coraggio!

      • Noooooo dai Emily !!!

        Una donna saggia ed intelligente come te .. dai su .. non essere ingenerosa … le popolazioni germaniche sono alfieri in tanti campi ed hanno tantissime lodevoli qualitá e a dirla tutta le popolazioni mediterranee hanno solo da imparare.. e stendiamo un velo di caritá sul differenziale di “onestá” e trasparenza che affligge gli italioti. Per la serie .. prima di guardare la “pagliuzzen” dei germanici .. occorre assicurarsi che non vi siano “travi” che spuntano ambiguamente dal deretano italico. ( mafia… camorra… merdusconi … stato inesistente… corruzione … tangenti … inefficenza… fancazzismo .. debbo continuare !? )

        Ultima nota :

        Non ti immagino proprio a fare a botte con un tedesco da ragazza… ma eri un “tomboy” allora da piccola !! Un maschiaccio ! 😀

        Auf Wiedersehen !

        😀


        Für mich soll’s rote Rosen regnen,
        mir sollten sämtliche Wunder begegnen,
        die Welt sollte sich umgestalten
        und ihre Sorgen für sich behalten.

        Und später, sagte ich noch:
        Ich möcht verstehen, viel sehen, erfahren, bewahren.
        Und später, sagte ich noch: Ich möcht
        nicht allein sein und doch frei sein.

        Für mich soll’s rote Rosen regnen,
        mir sollten sämtliche Wunder begegnen,
        das Glück sollte sich sanft verhalten,
        es soll mein Schicksal mit Liebe verwalten.

        Und heute, sage ich still:
        Ich sollt
        mich fügen, begnügnen,
        ich kann mich nicht fügen,
        kann mich nicht begnügnen:
        will immer noch siegen.
        will alles, oder nichts.

        Für mich soll’s rote Rosen regnen,
        mir sollten ganz neue Wunder begegnen, mich fern vom alten neu entfalten, von dem, was erwartet, das meiste halten.
        Ich will, ich will

      • credimi, mi vergogno di avere questi pregiudizi ma credimi, quando sento un tedesco parlare mi sale la pressione, nn li reggo proprio. se credessi alla reincarnazione direi che sono stata un’ebrea deportata…

  8. io sono una di quelle, da stessa spiaggia e stesso mare negli anni, Cervia for ever, magari ogni tanto inframmezzata da qualche viaggio negli States, ma poi torno sempre lì per riposarmi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...