post vietato ai minori ( anche se è proprio di minori che si parla)

devo parlare di questa cosa che mi sta sul cuore da troppo tempo, con le dovute cautele e con il giusto senso di rispetto, o almeno ci provo.

figlio piccolo ha sempre avuto una vita amorosa intensa e ….allargata, nel senso che a una morosa ufficiale corrispondono sempre altre 3 o 4 in lista d’attesa.

e sono stufa di sentirmi dire che anche io ero così, ai miei tempi non c’era facebook e la cosa risultava più semplice eheheheh

comunque il problema di queste morose molto disponibili e disinibite si è posto già due anni fa quando stava insieme a quella morosa con la mamma appiccicaticcia; al pomeriggio io uscivo per andare in ufficio e quando tornavo capivo che c’era stata la morosa perchè la sua camera risultava quasi in ordine

ne parlo con Re Mida e la sua risposta è come al solito inconsistente e inutile: ma cosa vuoi che facciano hanno 14 anni!

bene, ora di anni ne hanno 16 e cosa fanno ormai ci è chiaro, perchè, senza rivelare cosa e come, posso dire che ho informazioni di prima mano.

che fare?

non ho nessun prurito da cattolica puritana, anche se penso che almeno alla loro età dovrebbe essere qualcosa di più puro (non so come dirlo spero di spiegarmi) e invece purtroppo con la facilità di fotografarsi parti basse e pose pornografiche il sesso si risolve velocemente in un esercizio fisico

mi angosciano i corollari, cioè le malattie e le gravidanze

ho provato a parlargli e ho ricevuto grugniti e fatti i cazzi tuoi, ho provato a istigare mio marito ad un colloquio padre e figlio, e lui ha esclamato, in ordine: “ma in questa famiglia mai problemi normali? ……ma che cosa gli parlo a fare, come minimo è lui che insegna a me…. vabbè prima o poi gli parlo…..” ovviamente non gli ha più parlato.

insomma che fare? aspettare che una tegola arrivi in testa e nel frattempo sperare nella buona sorte?

stavolta si servono consigli

p.s. sabato si è riunito il G4 ed è l’unica cosa bella di questo periodo. ragazze scusate se vi ho asfissiate con i miei problemi, la prossima volta chiamatemi lo stesso, prometto di stare zitta eheheheh ma voi non chiamatemi nonna!!!!!

Annunci

36 risposte a “post vietato ai minori ( anche se è proprio di minori che si parla)

  1. Mah. Senza voler esser brutale, direi che figlio piccolo è in media scudetto. Poi possiamo trascorrere un intero pomeriggio discutendo di sessualità precoce e quant’altro, ma non è questo il punto. Direi anche che se la cosa va avanti da qualche mese e sin qui non sei ancora diventata nonna, è altamente probabile che sappiano quel che fanno. Certo se Re Mida collaborasse, sarebbe una buona cosa. Diversamente compra un bel vademecum sul sesso sicuro e digli che non te ne può fregare di meno di quel che fa (non è esattamente così, ma fa lo stesso, puoi pure far finta, per la causa), ma che almeno lo faccia con buon senso.

  2. Senza entrare nei dettagli di quello che si può fare a 14 anni (e, a maggior ragione, a 16) direi che è indispensabile che il giovane abbia un corso accelerato e, soprattutto, molto chiaro sulla contraccezione. Se finora non è successo nulla (sicura? è cosa che alle madri, a volte, non si dice. Soprattutto alle madri dei morosi) non è detto che sia per esperienza, può essere anche solo fortuna. Insomma, sono d’accordo con iome, compresa la discussione sulla sessualità precoce (per quanto 16 anni non sia proprio così raro, e neanche 14, stando a quello che vedo).
    L’unica altra cosa che mi viene da dire è che questo, però, è un problema normale 🙂

  3. Ehm se è palese che “praticano” … se padre non parla, lasciagli nel cassetto una scatola di preservativi! E magari una puntata registrata di “16 e incinta” 😀 Scherzavo, ma fino ad un certo punto. Lo capisco, lui dico, non è facile interfacciarsi coi genitori su queste cose, ma se non gli va di aprirsi con te, non hai molte armi, se non quelle anonime. Indirizzi, consultori, biglietti da visita di medici, non perchè debba succedere chissà che, ma perchè all’occorrenza abbiano un punto di riferimento sicuro. Poi, io credo davvero che ne sappiano più di noi e che siano capaci – internet alla mano – di trovare tutto quello di cui hanno bisogno.
    Un abbraccio.

  4. Csa puoi fare? Niente, ha già aperto le danze e di sicuro non si fermerà ora.
    Compragli i preservativi e spera che li usi. Lo so che ti sembra di lasciarlo allo sbaraglio ma temo fortemente che, vista la sua indole, fargli un discorso serio sulla contraccezione non sarebbe molto utile. Lui lo sa che si rischia, sicuramente sa che deve usare il preservativo. Ma fra il saperlo e il farlo c’è un passaggio che può fare solo lui e il suo senso di responsabilità.

  5. ahahaha io so cosa hai fatto e per questo mi sono divertita molto a leggere i commenti… un abbraccio

  6. Io non dico niente….sono presa a ricamare bavaglioli 🙂

  7. Concordo: scatola di preservativi sul comodino. Punto.
    Posso dirti che mi sembra veramente assurdo che due genitori attenti, in gamba, senza pudori come voi in 16 anni non abbiano affrontato seriamente il discorso?

  8. Non so che cosa farei davvero se mi trovassi in questa situazione. Però una cosa l’ho ben chiara: mio figlio è nato con un anno e mezzo di anticipo rispetto a quando lo “programmavamo” grazie a un bel coito interrotto, complice il fatto che quel quagliotto di mio marito lo considerava un metodo anticoncezionale (e qui vi prego di astenervi dai commenti, ché ne ho già fatti a miliardi da sola).
    Visto che la mela di solito non cade mai lontano dall’albero mi immagino che anche mio figlio penserà la stessa cosa.
    Credo che dirgli qualcosa del tipo “beh, pensala come vuoi ma considera che senza coito interrotto non saresti qui” potrebbe servire allo scopo…
    Adesso però devi dirci cosa hai fatto, che muoio di curiosità!

  9. li per li pensavo che il papa’ dovesse regalargli una scatola di preservativi, garantendone anche una congrua fornitura (costano pur sempre uno sfacelo di soldini) negli anni a venire. Poi ci ho ripensato e secondo me la cosa ha maggior effetto se fatta dalla mamma.

    In piu’ si potrebbe sfruttare qualche amica con figlio neonato: lo si molla, con adeguata venale retribuzione, due giorni a far assistenza al pupo anche di notte (e’ importante la notte) e ad apprezzare l’odore della cacchina santa e del vomitino a sorpresa.

    Secondo me capisce…

  10. Ah cara Emily,

    cosa dire… quando ho letto

    “..grugniti e fatti i cazzi tuoi..”

    ho pensato subito che tra te e re mida, avete tirato su un vero lord inglese, non solo fancazzista, indisciplinato, etc etc ma anche maleducato… d’altro canto immagino il livello medio delle ragazzine attratte da cotanta feccia.

    Cooomunque… focalizzandosi sul problema principale…( quale tra i tanti … la svogliatezza .. le bocciature…. la maleducazione.. il fancazzismo .. ah ecco si .. le gravidanze indesiderate ).. dicevo la risposta piu’ ovvia te la hanno gia’ data anche nei commenti precedenti. Lasciagli una scatola di preservativi e dagli anche i soldi settimanalmente poi per ricomprarli oppure se pensi che se li spenda in altri modi ri-compragli periodicamente i preservativi sperando che li usi e non faccia come con le medicine che se non lo obblighi ad ingurgitare di fronte a te non le prende. La mancanza di interesse di re mida e le sue risposte fanno cascare le braccia.. ti conviene sperare a questo punto che le varie ragazzine “disponibili” tendano ad usare anche loro contraccettivi orali o altre forme di prevenzione incrociando le dita.

    Ovviamente rimangono sempre attive le altre simpatiche opzioni relative alle simpatiche malattie trasmissibili sessualmente .. e non serve nemmeno dilungarsi troppo su questo.

    Mah chissa’ …

    Cosa dire a te e a “lui”… boh… in bocca al lupo, speriamo che usi i preservativi, speriamo che stia attento col sesso orale, speriamo che una delle tipine non rimanga incinta, speriamo che non si becchino malattie trasmissibili di vario tipo, e non serve nemmeno l’aids, ma vuoi mettere come si diverte con una bella candidosi, gonorrena, clamydhia, infiammazione delle parti basse, prostatite, ulcerazioni varie ed eventuali … insomma .. sarebbe proprio la ciliegine che fa da corona ad una vita vissuta “fancazzisticamente”.

    Il tutto ricordandosi a fatica che sto personaggio ha 16 anni, pluribocciato senza inclinazioni naturali, tranne la figa, …. ma mi chiedo io … tra un altro paio d’anni .. verso i 18-19-20 cosa fa… !? Va a rubare ? Oppure inizia una carriera politica all’interno di Forza Italia o al massimo la lega nord.

    Basta .. ho deciso d’ora in poi lo chiamero’ il “trotino”.

    Boh….

  11. Troppo attivo questo ragazzino, se non lo fermi c’è il rischio che possa mettere incinta qualche ragazzina. Avranno anche delle precauzioni, ma la prudenza non è mai troppa. Spiegagli anche che avere una sola fidanzata è molto più sermplice che averne più alla volta. Insomma, ‘stò ragazzino mi sembra che voglia arraffare più gentilsesso possibile. Non funziona così.

  12. Leggo il tuo blog molto spesso senza commentare, ma stavolta non posso proprio trattenermi. Tutti a dire “va fermato” “che maleducato” “ma voi non gli avete spiegato come stanno le cose?”. Sicuramente Emily gli avrà insegnato sia l’educazione sessuale che le buone maniere, ma un genitore di un figlio adolescente non può mica rispondere *sempre* di lui e controllarlo ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni su sette? Cos’altro può fare se non lasciargli dei preservativi e raccomandarsi di usarli, legarlo al tornio in fabbrica (così magari la morosa lo raggiunge lì)?
    Comunque, cose che a mio avviso potrebbero funzionare: preservativi sul comodino e visione di qualche “bella” foto di organi genitali affetti da virus, efficacissima quanto disgustosa tattica di una mia prof di Biologia: vuoi che ti si riduca così? Allora, usa il preservativo!
    Anche se dal commento di Agrimonia mi pare di intuire uno scherzo da prete, tipo Cicciobello sul letto e bigliettino “Inizia ad allenarti, mancano solo 9 mesi!”

    • Con “rispondere sempre di lui” mi riferisco all’educazione e alle rispostacce, non alla responsabilità dei genitori sui figli minorenni, giusto per chiarificare 🙂

  13. cara Emily, ho commentato qualche volta offrendo la mia esperienza con un figlio un pochino difficile. non nego che il confronto con te sia interessante e a volte a anche utile. tuttavia spesso mi sono chiesta, senza però mai permettermi di manifestarlo, come mai parlassi al mondo di tuo figlio mettendo in piazza quanto di più intimo. e proponendo sempre un confronto spietato tra la figlia “perfetta” e il figlio “disgraziato”. mi pareva spesso indelicato e inopportuno offrire in pasto al mondo una immagine di tuo figlio quasi “da baraccone”. dico queste cose davvero senza desiderio di criticare ma solo per proporre un punto di vista diverso. immagino che lui non ti legga ma anche se non lo facesse quello che scrivi mi pare a volte “eccessivo” per essere dato in pasto a chiunque e mi pare adatto invece solo interlocutori intimi, almeno secondo me. ti abbraccio, simona

  14. a leggere i commenti qui sopra sembra che nessuno sia mai stato adolescente. 16 anni, ormoni in quantità industriale in circolo… avete presente sì? non posso credere che eravate tutti morigerati, attenti, sapevate tutto… si fa presto a parlare quando si è grandi, “con il senno di poi”. alzi la mano chi la prima volta l’ha fatto dopo essere andata dal ginecologo, con i profilattici a portata di mano e con l’amore della sua vita… poche mani alzate eh! oppure siete molto, ma molto fortunate, ma la vita “normale” è diversa. ci sono uomini sposati che hanno più donne di questo ragazzino, che non usano i profilattici quando vanno a prostitute… e quindi come la mettiamo? il problema c’è, come in tutte le famiglie con un adolescente. terrorizzarlo con neonati o foto? non credo servirà a molto, ma tutto si può provare. comprare i profilattici può essere una buona soluzione, di solito quando si hanno si usano. tutto il resto, i discorsetti, l’educazione etc etc quando ormai si è già in pista servono davvero a poco….

  15. X Paola.

    ( che ha suggerito di regalargli un libro )

    ma secondo te ….
    un … ehm …. L-I-B-R-O ……lo legge !?

    😀 😀 😀

  16. CHIARA, poi quando busserà alla porta di Emily una ragazzina col pancione e dirà che suo figlio l’ha messa incinta, vpoglio vedere come si complecheranno le cose. Oppure, se malauguratamente si picchia qualche strana malattia, il problema sarà enorme!
    Ovviamente non ci spero e faccio le “corna a terra”.

    • Hera, non volevo fare polemica e sono d’accordo anch’io sul fatto che il figlio deva usare il preservativo in modo da evitare gravidanze e malattie! È solo che fermarlo mi pare un po’ difficile, a meno di non sorvergliarlo 24/24. Più che parlargli dei rischi che corre e raccomandargli di usare i contraccettivi, cosa può fare Emily? Parlare con le morose potrebbe essere un’idea…in effetti sentirsi dire “o usi il preservativo o vai in bianco” potrebbe sortire gli effetti sperati…

  17. Un’idea come un’altra, eh, parlare con la mamma della fidanzatina e portarla (di peso) a farsi prescrivere la pillola? Perchè a fare certe cose sono in due, mica è solo tuo figlio…anche la madre della ragazza si deve sbattere un po’ a controllare la situazione! Se poi riesci a capire chi sono anche le altre con cui si intrattiene…stesso procedimento, trova le mamme e facci una bella chiaccherata. E date comunque i preservativi a lui, che sono importanti per le malattie e costa meno comprare quelli che aiutarlo poi a tirare su un figlio. Una cosa mi stupisce, perchè mi sembri una con gli zebedei…ti arrendi subito cosi perchè tuo marito non ti appoggia (mi fa incavolare la sua voglia di far poco e il pochissimo appoggio) e tuo figlio rifiuta di sedersi a parlare di queste cose? Prendilo, siedilo, parlaci, fagli vedere che anche se lui si rifiuta tu non molli. Riprenditi la tua autorità. Portalo in consultorio o dal medico e fateli ua ramanzina insieme. Forse si vergognerà abbastanza da pensarci…in bocca al lupo!

    • Aehm …. anna scusa la domanda indiscreta, ma sei sicula per caso ?
      Lo chiedo per via del modo in cui usi i verbi intransitivi. 🙂

      Boh .. à bientôt carissima, ci sentiamo dopo che ho impegni improcrastinabili
      per la serie “scendi il cane che lo piscio”

      😀

      • Sinceramente non capisco che cosa centri la tua domanda con l’argomento o con la mia risposta…comunque per soddisfare la tua curiosità, no, non sono sicula ma veneta. Ho vissuto a lungo all’estero, forse è per quello che scrivo “non da veneta” qualsiasi cosa voglia dire…o forse per lo “scazzo” che sento per la situazione in cui si trova la povera Emily

      • vedetta lombarda

        Ah ok. Grazie per la risposta. 😀
        Semplice curiosita’ totalmente off-topic.

        Avevi scritto “siedilo” .. in genere i siculi e i meridionali tendono a deformare i verbi intransitivi facendoli diventare transitivi.. esempi tipici.. “esci i libri dallo zaino” .. “scendere il cane”…. “ho rimasto il portafogli a casa” … “uscire le chiavi dalla tasca” .. etc etc … etc

        Sulla situazione di figlio piccolo, siamo tutti d’accordo .. poi oramai si tratta di una telenovela che va avanti da parecchie puntate. E’ stato detto di tutto e di piu.

  18. Eh, avevo usato “siedilo” perchè mi dava proprio l’idea di Emily che lo prende di peso, lo mette a forza su una sedia (volendo, lo lega alla sedia…) e in piedi davanti a lui gli comincia a elencare malattie veneree, costi di mantenimento di un neonato, importanza dell’uso di pillola, preservativo…. 😀

    • Si si …

      Ma infatti .. devo dirti la verita’ mi era anche piaciuto ! Per la serie … “siedi il figlio piccolo” e sparagli un sermone di due ore sull’uso dei preservativi.

      Che poi diciamola tutta, figlio piccolo nella sua inconscienza alle volte è anche simpatico ed il fatto che sia un figaiolo (entro certi limiti) ci sta pure alla sua eta’ fin quando prende tutte le precauzioni del caso si intende.

      La questione è che oltre a quello si sommano una serie di problemini e corollari che derivano dalla sua attitudine negativa in generale, il fancazzismo, le bocciature etc etc etc.

      Poi nel post devo dirti mi ha anche un po’ intristito il fatto che alla mamma che alla fine lo vuole aiutare, mica altro, si rivolge con un “fatti i cazzi tuoi” che proprio non ci sta… e poi la constatazione del fatto che re mida proprio se ne lava le mani completamente.

      • Il fatti i cicci tuoi di sicuro non è bello ma direi che non mi sorprende, non conosco molti adolescenti, maschi, che si metterebbero a parlare di sesso con mamma senza battere ciglio. Per lo meno è una reazione è come tale la vedo in positivo, è per lo meno “disturbato” dalla possibilità di una chiacchierata..meglio dell’indifferenza. Io quasi quasi metterei a sedere anche Re Mida sulla famosa sedia…

        non per allarmanti, Emily,ma se ne sentono un po’ di tutti i colori in giro (per dire che fai bene a farti venire gli scrupoli) io a 9-10 anni giocavo con le bambole, mentre ora giocano al dottore. Mi aggiungo alle corna rovesciate di qualche commento più sopra…
        ps:sono supercuriosa di sapere che soluzione hai adottato!! (Che spero anche stia funzionando).

      • vedetta lombarda

        Sono totalmente d’accordo sul fatto che semmai questo tipo di chiacchierate le dovrebbe fare Re Mida invece di lasciare la patata bollente a Emily che a sua volta viene a chiedere consigli e pareri sul blog. Voglio dire, se non è un classico esempio di chiacchierata padre-figlio questo caso qui .. non so cosa lo sia. La partita alla domenica con birra gelata, frittatone di cipolla e rutto libero ?

        L’ attitudine di Re Mida in tutta la vicenda ha del fantozziano…

        citando emily testualmente :

        ho provato a istigare mio marito ad un colloquio padre e figlio, e lui ha esclamato, in ordine:

        “ma in questa famiglia mai problemi normali? …
        ma che cosa gli parlo a fare, come minimo è lui che insegna a me….
        vabbè prima o poi gli parlo…..”
        ovviamente non gli ha più parlato.

  19. Concordo con i commenti di cui sopra, mi sa che qui l’unica è comprargli i preservativi (formato famiglia) e fargli capire che se mette incinta qualche ragazzina deve lavorare e mantenere sia lei che il figlio, così magari ci pensa due volte!
    Comunque io vado verso i 30 eppure ho un sacco di amiche che non usano contraccettivi o li usano solo saltuariamente, è una cosa che mi ha sempre lasciato senza parole :/

  20. Ho un caro amico cinquantenne che ancora adesso sembra figlio tuo piccolo, lui ha 16 anni ha messo incinta per sbaglio una fidanzatina e lei ha abortito. Quindi di cosa stiamo parlando, 34 anni fa?

    Detto ciò tu ti stai preoccupando per cose importanti, come si giocano la futura fertilità questi ragazzini non ci pensa nessuno, fai una cosa santa, parla con un medico/specialista di tua fiducia, ce lo trascini, esci, li fai parlare, lui torna a casa per fatti suoi.

    Oppure se vuoi ci parlo io.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...