irresponsabili all’ennesima potenza

a volte mi sembra così assurdo il comportamento di mia cognata Zucca Vuota da sembrare impossibile. e invece è sempre tutto vero!!

un anno fa traslocano, dopo aver litigato per anni con tuttii vicini, da una casa con giardino. lei mi dice che dove va a vivere ora non accettano cani e non sa a chi lasciare i suoi due (sempre legati a una catena cortissima…..) cerca di rifilarli a tutti, poi si “perdono” il giorno prima del trasloco….spero per loro che siano andati in un canile, è capace di averli abbandonati diosadove

quando arriva in casa nuova si prende subito un gatto: micio di qui, micio di la, foto in facebook, accorati appelli sul non poter vivere senza questo gatto.

ma poi decide di prendersi un doberman

“ma non avevi detto che non potevi tenere cani? e col gatto come fai?”

“oh non c’è problema, diventeranno amicissimi…mai detto che non si potevano tener cani”

sono diventati talmente amici che il giorno dopo se ne è andato, il gatto ovviamente. il cane è diventato un problema enorme, perchè non si sono preoccupati di addestrarlo e di educarlo. basta pensare che i suoi bisogni li fa in casa, dove capita. e aggredisce tutti quelli che entrano, abbaia in continuazione tanto da far fare a tutti i condomini una petizione per sbarazzarsi al più presto del cane. ma questa è un’altra storia

ma c’è questo gattino che gira, e l’ultima volta che figlia grande è andata da sua cugina l’ha visto fuori, spelacchiato magro e triste. e allora ho chiamato mia cognata e le ho detto che vengo a prendermelo io.

Re Mida dice che non devo aiutare sua sorella, ma non si rende conto che non lo faccio per lei: sono sicura che a lei non importa un bel niente del gatto. che gente di merda

Annunci

18 risposte a “irresponsabili all’ennesima potenza

  1. Zucca vuota è talmente idiota che incanta… Prendi quel povero gatto, prima che faccia una grama fine col dobermann.Tra l’altro, son pazzi. I dobermann son pericolosi anche quando sono educati ed addestrati. Allo stato brado sarei terrorizzata.

  2. Sicuramente il gattino starà meglio in casa vostra.
    Certa gente non ha davvero testa.

  3. … capisco l’intervento pro-gatto innocente, ma qualche scherzo molto malvagio io lo organizzerei proprio.

  4. Salvalo, presto!!! 😦

  5. eh lo so lo fai per il gatto… brava

  6. ma certo scusa prendilo quel gatto! che male ha fatto x meritarsi di essere cacciato di casa?

  7. Ma ovvio che lo fai per il gatto! Non ha fatto niente, povera bestia.

    Inoltre mi preme spezzare una lancia in favore del cane: non ci sono più i dobermann degli anni ’80, quelli col cervello troppo piccolo e l’aggressività spiccata. Ormai lo standard della razza si è evoluto in modo da sfavorire quella tipologia di cane.
    Purtroppo qualsiasi cane può essere pericoloso, se non educato. Una mia amica si è ritrovata con una specie di chow, bellissimo e affettuosissimo con lei, ma aggressivo e pericoloso con chiunque non fosse di casa. Io stessa avevo un cane impossibile, ma nessuno se lo filava perché era un cosino di 7 kg.
    Quando mi prenderò un cane, il mio primo impegno sarà educarlo in modo che possa felicemente convivere con il resto del mondo, comprese le gatte e il coniglio. E so che è possibile, potrei citare decine di esempi, anche di cani solitamente catalogati come “cattivi” (vedi alla voce rottweiler).

  8. Scusa Emily ma mi preme chiarire la faccenda “dobermann”.
    Io ho avuto un dobermann per 12 anni (è morto di tumore quest’estate). Prima ho avuto altri cani, di altre razze e ti posso dire solo questo: sono cani molto intelligenti ed estremamente sensibili.
    Quello che sta facendo tua cognata è allucinante. I dobermann imparano in pochissimo tempo, nel bene e nel male. Inoltre un cane come questo ha una forza enorme, non è semplice gestirlo se lasciato a sé stesso e la sua capacità di apprendere se applicata “nel male” rende il recupero molto difficile.
    La storia del cervello piccolo non è vera. Il cervello e la scatola cranica crescono come nelle atre razze (insieme). Negli anni 80 privilegiavano le caratteristiche di “agressività” più o meno controllata. Poi fortunatamente sono tornati normali (gli allevatori…).
    Tutto questo per dire che non solo il gatto è da salvare, anche il cane per evitare che finisca al canile o venga soppresso perché morde sul serio qualcuno.

    Roba da matti… e scusa per lo sfogo ma per me (e per mio figlio) il nostro dobermann è stato un compagno eccezionale:-)))

    Simo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...