ma chi me lo ha fatto fare????

anche quest’anno si replica. l’anno scorso, più o meno in questo periodo (era aprile) scrivevo che mi ero imbarcata in un incredibile progetto: il mio prof di italiano delle superiori, ci aveva contattato trentanni dopo e ci aveva proposto di rimettere in scena una serie di parti di commedie dell’800, che avevamo fatto in terza superiore.

le forze non erano sufficienti, qualcuno se l’è data a gambe levate, altre volevano partecipare ma non recitare…insomma per farla breve avevo coinvolto figlia grande nell’impresa, e faceva la parte di checca nelle baruffe chiozzotte, che era la parte che avevo fatto io a 17 anni. l’anno scorso ci siamo divertite da matti anche se l’impegno era stato grande

ma quest’anno il prof ci ritenta, dice che potremo portare in scena il ‘900 e dopo un po’ di esitazione si riparte.

lui assegna le parti e a me e mia figlia ci da un ruolo che è tagliato su di noi e sulla fortissima assomiglianza: si recita l’Enrico IV, di Pirandello; io sono Donna Matilda e mia figlia fa Frida, mia figlia appunto

la storia forse non la conoscono tutti; un gruppo di ricconi, siamo ad inizio secolo, fa una cavalcata in costume: lui, che impersona Enrico IV appunto, cade da cavallo e quando si risveglia crede davvero di essere il personaggio storico. Gli amici fingono per vent’anni, finchè per il matrimonio di Frida, figlia della donna che EnricoIV amava, si decide di consultare un dottore per farlo rinsavire. Centrale è un quadro, fatto a Donna Matilde il giorno di quella famosa cavalvata: il piano è di svuotare il quadro e metterci Frida vestita come il quadro e di far prendere un colpo al povero Enrico IV; ma invece si scopre che lui ad un certo punto è rinsavito ma ha continuato a prenderli in giro per tutto quel tempo. alla fine lui ucciderà il rivale in amore, in una scena che dovrebbe essere drammatica e invece ci fa sempre sbellicare dalle risate.

in questa opera recitano una ragazza che vive a Milano, una che vive ad Udine e mia figlia che vive a Trento, due a Padova e io al paesello…..vi lascio immaginare che fatica fare le prove, e vi lascio anche immaginare quanto siamo ancora boccheggianti…..io cammino per casa declamando, ho seminato copioni dappertutto, ma la memoria è quella che è e comincio a farmela sotto…..stasera devo assolutamente fare due tomboli per le baruffe, e visto la mia abilità col cucito userò la cucitrice…..ma chi me lo ha fatto fare???????

Annunci

20 risposte a “ma chi me lo ha fatto fare????

  1. Wow però, che brave! E che bello questo sodalizio con tua figlia!

  2. Mamma mia Emily, da un lato ti dico brava che fai tutte queste cose.. dall’altro .. appunto .. “ma chi te lo fa fare”.. tua figlia poi ha anche gia’ gli esami che la stressano .. e poi i preparativi per la partenza che incombe … e tutto l’ambaradan annesso e connesso.

    Quanto tempo vi siete dati per mettere in scena questa cosa ? … occorre una bella memoria per ricordare tutte le battute, i tempi etc etc.

    Auguri 😉

  3. ……..grazie per il “ragazza”!!!!! 😉

  4. Coraggio Emily, ce la farete senz’altro! Io faccio parte di un coro e ho fatto di peggio: ho scritto una storia, con 12 personaggi, e da quella è nata una commedia musicale con canzoni degli anni ’30-‘60. I coristi per la prima volta in vita loro hanno anche recitato, inizio prove novembre, debutto marzo.
    Piccolo particolare: età dai 53 ai 91 anni con zoccolo duro dai 60 ai 78 (“attori” e solisti compresi). Per cui in fatto di memoria ecc …
    Però è andata benissimo, grande successo, due repliche per quest’anno e richieste per l’anno prossimo. Un po’ di sana incoscienza e tante risate oltre alla condivisione di un progetto che non abbia fini di lucro fa tanto bene alla salute. Anche se ogni giorno ti viene voglia di scappare! In bocca al lupo Ami

    • HAI CAPITO BENISSIMO…SONO QUESTE LE COSE CHE DANNO SENSO ALLA VITA!
      certo che anche tu…me lo immagino che ti sgoli con quello da 91 anni…però credo che tu gli abbia fatto un regalo immenso, far parte di un progetto del genere ti da una carica pazzesca

      • Proprio così, cara Emily, la carica l’abbiamo avuta tutti e tanti piccoli malanni dovuti all’età sono stati superati di slancio, io per esempio neanche un raffreddore in tutta la stagione. In fatto di sgolamenti … a chili per tutti ma ne valeva la pena: ridere e sorridere insieme è bellissimo! Un bacio Ami

      • me lo posso immaginare! ma quante risate immagino….

  5. Guarda, posso solo farti i complimenti. Fare entrare un progetto complesso come quello all’interno di esistenza già incasinate per conto loro merita un applauso.

  6. complimenti davvero per la voglia di metterti in gioco così. Ti ammiro molto

  7. dai dai se vieni qui te le faccio ripere io le battute!! 🙂

  8. Mi sembra troppo bello come progetto, anche il condividerlo con tua figlia. Bravissima a buttarti con questa energia in una cosa così speciale!

  9. Ho letto dello spetattacolo su un trafiletto del giornale locale(te lo già scritto un’altra volta….credo che viviamo nello stesso posto!!!) e mi sei tornata in mente tu e i tuo bellissimo post .
    Da quello che ho letto, è stata una serata veramente riuscita!ma non avevo dubbi…..
    complimenti

    Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...