madre di cacca vs padre senza palle

io evito sempre il battibecco, perchè finche si discute mi sta bene, quando si scade nelle offese io ho la lingua più tagliente di uan spada e so di diventare proprio cattiva. diciamo stronza per la precisione.

per quello non mi imbarco mai in una litigata senza esclusione di colpi, difficile trovare uno che sappia usare le parole per offendere meglio di me.

però, però, però

ho già detto spesso quanto mi ferisca quando mio marito mi giudica una pessima madre: so di avere mille limiti e difetti, ma questi non fanno di me una madre di cacca, non sono così autolesionista da non capirlo: e invece non c’è verso, ogni discussione finisce sempre col solito teatrino.

di solito io incasso e friggo dentro, ma taccio

ma ieri sera te la sei proprio cercata.

figlio piccolo (sempre lui…) da un po’ di tempo ha la modalità insulti sempre accesa: che si sia appena svegliato, che ti chieda un piacere, che gli prepari da mangiare, la sua risposta nei migliori dei casi è un grugnito, ma sempre più spesso un insulto. con me e sua sorella volano parole davvero offensive.

da tempo ci siamo chiesti che fare. Io sono per la tolleranza zero, mio marito, che è fratello di sua sorella e figlio di sua madre  (e quindi lasciamo stare forse gli passa….) è per lasciar perdere.

il risultato è che questa atteggiamento è diventato sempre più aggressivo, sempre più fastidioso, e io ho cominciato da sola la mia battaglia di tolleranza zero. Mercoledi sera siamo quasi arrivati alle mani perchè non voleva mollare il telecomando e voleva costringere tutti a guardare uno dei suoi soliti film di violenza e parolacce: credo che alle 10 di sera ho diritto di guardare qualcosa che mi va e si è scatenato l’inferno: ovviamente il padre gli ha dato ragione.

ieri sera altra azzuffatina perchè mi ha usato il pc per qualche giorno e lo ha riempito di ogni programma assurdo, alcuni addirittura sono andati in conflitto e hanno inchiodato tutto; c’è voluto una sera di smanettamenti di Re Mida per tornare a usarlo e così quando lo ha voluto di nuovo ci siamo azzuffati.

re Mida interviene come al solito dicendo che sbaglio tutto….io ribadisco che io non lo insulto e pretendo rispetto…..lui dice che me lo merito di essere trattata così….io rispondo che la deve smettere di darmi contro, lui deve stare dalla mia parte….lui risponde che siamo in questa situazione perchè sono una madre di merda……e io rispondo che siamo in questa situazione perchè lui è un padre senza palle….

sbarra gli occhi e ammutolisce

silenzio per quasi due ore.

non so se è cominciata la guerra o ne è finita una, ma adesso ha capito che non mi faccio più insultare

Annunci

44 risposte a “madre di cacca vs padre senza palle

  1. Anch’io in passato me lo sono sentita ripetere spesso, dal mio quasi perfetto marito, la frase ‘sbagli tutto con i figli…’
    e senza mai dirmi come avrei dovuto comportarmi, naturalmente.
    E domandalo, a re Mida, il consiglio ‘giusto’ sul comportamento da adottare con il figlio. Se lui ha il metodo ideale, che ne renda partecipe anche te, così il problema si risolve.
    Un abbraccio solidale

  2. Lasciar correre, eh? E quando inizierà ad alzare le mani, papino gli darà manforte? Mi verrebbe da consigliarvi di dividervi, maschi in una casa e femmine in un’altra! A parte gli scherzi, hai fatto bene a rimettere papino al suo posto. Quando lo dicevano a me che ero una cattiva madre, davo di matto.

    • ci ho pensato. nessuno ha mai alzato la voce ma lui lo fa. nessuno lo ha mai picchiato ma nn posso essere sicura ch eil passo successivo sia proprio quello.
      la divisione l’ha già proposta mia figlia, a cominciare dai bagni eheheheh

  3. Uh quante volte mi sono sentita dire che sbaglio tutto .. a me dice che faccio la sceneggiata napoletana che sono teatrale e che parlo troppo e che è tutta colpa mia..
    Quanta rabbia mal digerita…
    Tu sei una mamma normale, come me, come tutte noi che ci barcameniamo tra mille cose… Loro sono padri decisamente assenti… che però pontificano…
    No carissima lasciar perdere no…

  4. e direi! ribadisco: a me re Mida sta sulle scatole! grrr scusa Emily, ma ci tengo troppo alla tua felicità :*

  5. Nessun geneitore è perfetto. Mio nipote fa la stessa cosa con mia cognata, mio fratello ha lasciato correre per un bel po’ dando manforte al figlio, un giorno mia cognata si è incazzata e gli ha detto che li spediva tutti e due fuori di casa se non la smettevano di rompere e mia madre di manforte al fratello che si lamentava della situazione: “ha ragione tua moglie, e sappi che io non ti riprendo, chiedile scusa e assumiti le tue responsabilità di padre”
    Adesso le cose stanno cambiando
    Elisa

    • io temo che quando mio marito lo capirà sarà troppo tardi. persino la figlia, sempre misurata e diplomatica, adesso è in polemica col padre. ovviamente lui dice che siamo in combutta e nn si rende conto che il problema può solo peggiorare.
      mi piacerebbe pensare che ci sarà uan soluzione come x tua cognata ma nn ci credo

  6. Io resto basito … e taccio.

    • e invece a me piacerebbe sapere la tua opinione

      • Non ho la tua elasticità e la tua capacità di sopportazione. Non riuscirei mai a dover combattere su due fronti e trovarmi a non aver una via d’uscita perché chi dovrebbe essere il mio miglior alleato è invece schierato con il “nemico”.

        Penso che lascerei da parte ogni discussione con il piccolo fino a quando non avessi chiarito la situazione con il grande. Il che avverrebbe nel minor tempo possibile perché mi attaccherei ai suoi gioielli di famiglia con zanne ed artigli di un gatto rabbioso in modo da attirare la sua attenzione il tempo necessario ad una “civile discussione”.

        Una volta chiarito che IO ho ragione e LUI torto pretenderei coerenza con questa realtà e di conseguenza il suo aiuto per sistemare anche i piccolo.

  7. Mi dispiace,ma quando i figli hanno un problema,è proprio responsabilità di entrambi i genitori.È dura da ammettere,ma in qualcosa si è sbagliato… Tutti e due troppo facile bon fare nulla e poi puntare il dito contro gli altri.
    Tieni duro,Erica

    • si lo penso anche io, anche se io sono quella che ci passa più tempo, quindi credo che la responsabilità sia più mia. ma penso che sarebbe tutto più facile se fossimo una squadra

      • non è vero che solo perchè tu hai più tempo con lui allora hai anche più responsabilità: se ReMida ha meno tempo per figlio che lo usi meglio di come ha fatto finora. E queste responsabilità sono 50/50, non relative ai minuti contati…
        Wonder

  8. Già scritto in un altro post: per me hai ragione tu. E’ un padre che non ha le palle. Tuo figlio si comporterebbe in modo molto diverso se sapesse di essere severamente punito dal padre.

  9. Purtroppo di padri che pontificano così ne ho conosciuto uno anch’io….sbagliando ho sempre taciuto, oggi forse saprei difendermi e difendere le mie scelte, ma solo forse.
    Certo che sarebbe meglio avere una linea comune nell’affrontare questa faticosa adolescenza…. sprechereste entrambi meno energie. Un saluto solidale!

  10. Occhio Emily .. secondo me, il senza palle da bravo stronzo sta meditando vendetta… tremenda vendetta… non credere che te la faccia passare liscia cosi’. Il fatto è che lo hai preso contropiede e sul momento è rimasto senza parole perche’ non se lo aspettava.. ma ora sta rimuginando… e quando mida rimugina sono cavoli amari.

    • no no eheheheh se c’è un difetto che mio marito nn ha è di esser vendicativo (forse xkè io lo sono x tutti e due). lui è capace di fare una sfuriata folle e dopo due minuti essere tranquillo come sempre. se lo conosco bene lui questo episodio lo ha già rimosso, e forse nn so se è un bene xkè alla fine nn si riesce neanche a discutere di questi comportamenti

  11. Come riconosci tu.. figlio piccolo sta aumentando in aggerssività. Forse tuo marito deve porsi serie domande. Figlio piccolo ci sguazza. E non fa bene a nessuno un clima di incertezza. Re Mida sicuramente sa che i figli NECESSITANO di confini per poter crescere adulti e autonomi!!!! Sgradevole scaricare tensione e “colpe” su chi in prima persona combatte. Non si sente più parte della squadra? Negli ultimi tempi non commento ma ti leggo sempre e da tempo mi chiedevo.. fino a quanto avresti sopportato il comportamento anomalo di re Mida.. Beh, contenta che tu lo abbia placcato. Ora a lui, alla sua intelligenza capire che deve fare un passo indietro

    • l’ho sopportato per anni, e questo mi ha logorato parecchio, soprattutto qualche anno fa quando andavamo da una psicoterapeuta che dava sempre e cmq ragione a mio marito, soprattutto quando diceva che ero una madre che sbagliava tutto. li credevo di scoppiare

  12. Emily, noi siamo uniti lo sai eppure lui cerca comunque lo scontro e apposta rigira le nostre parole per sbatterle in faccia….io non penso mai id essere una madre di cacca, ma solo di aver fatto un figlio stronzo 😉

    • Questo post mi riempie di tristezza. L’atteggiamento di tuo figlio non é scusabile in nessuna famiglia del mondo. Nemmeno di fronte alla tua ex malattia tuo figlio è stato capace di crescere un po’?
      Sei una madre sola, esautorata appena possibile. Scusa la schiettezza, ma dovresti chiederr a tuo marito se ti ama e rispetta veramente.
      A lui servirebbe della gran psicanalisi.

    • tesoro come al solito tu riporti le cose nei giusti binari…ma come ti ho già detto x sms, tu e tuo marito siete una squadra stupenda e affronterete compatti tuto quello che arriverà. invidia massima, perchè noi nn ne siamo capaci?

  13. Cazzo Emily! Non è tanto che non lo deve dire, “madre di cacca”, è che non si deve azzardare a pensarlo… Perché se questo è quello che tuo marito pensa di sua moglie, santo cielo, il problema sta lì grosso come una casa… Oddio in queste cose come si fa a dire qlc, senza conoscere fatti e persone e tutto, e soprattutto come può a te fregare di quello che ne penso io, ma hai scritto il post e allora da madre di due figli appena un po’ più piccoli dei tuoi dico che se quando tu cerchi di educare vostro figlio lui sta con il figlio contro di te, e magari ti manca di rispetto davanti al figlio, mi pare che quello che ne può uscire fuori è solo analoga mancanza di rispetto del figlio nei tuoi confronti… E se non ti rispetta, difficile che creda che sia utile farsi educare da te. Temo che la situazione vada chiarita, e non di fronte al figlio. Domanda: ma cosa ti rimprovera, come madre, Mida? Vogliamo lasciarglielo dire per benino e provare a cominciare da lì? Perché mi pare che non si possa più fare finta di nulla…
    In bocca al lupo!

    • hai la mia stessa reazione, solo che io la comprimo, ti puoi immaginare che mal di pancia….:)
      mi rimprovera di sbagliare sempre il tono, le parole, il momento…tutto, secondo lui noi siamo due cerini che si accendono e alla fine lo scontro è inevitabile e nn si arriva da nessuna parte. forse lui ha ragione, ma visto che lui ha dinamiche diverse credo che dovrebbe intervenire in modo diverso, senza screditarmi, xkè lui è parte del problema

  14. Son due giorni che scrivo commenti e poi li cancello, perché mi rendo conto che non posso dire ció che desidero dire nei termini che vorrei. Re Mida é pur sempre tuo marito, ed il fatto che tu ti sfoghi non implica che noi possiamo dire proprio tutto quel che ci pare. La situazione però é assolutamente intollerabile. Un’indecenza. Per te e per figlia grande. Lui insulta te perché sei una madre di cacca e lei perché? Perché è una sorella di cacca? È suo padre, non difendendola cosa fa? Avalla questo giudizio? Cioè Re Mida ci faccia capire: ritiene più degno sostenere un maleducato fancazzista che una figlia praticamente perfetta? È ridicolo, assurdo, grave e pericoloso. Così facendo da un lato convince figlio piccolo che i suoi comportamenti sono difendibili (e non lo sarebbero, bada bene, neppure se tu fossi realmente una madre di cacca) e dall’altro inculca a figlia grande il sereno concetto che tuo figlio o tuo fratello (o un domani tuo marito) può insultarti così, a prescindere. Se per tuo marito una madre é di cacca perché la sua lo è, o se una sorella é di cacca perché la sua mononeuronata sorella lo è, é un problema suo. Vada in psicoterapia, se ne faccia una ragione, decida lui. Ma questo comportamento non è da padre senza palle, é inqualificabile e basta. Questo ragazzino é una bomba ad orologeria. O lo disinnescate adesso o saranno guai. A te un abbraccio, solidalissimo.

    • hai colpito nel segno, sono cose che penso anche io. quando mia figlia si incaxxa xkè suo fratello la insulta, mio marito nn vuole che interveniamo, devono trovare un equilibrio da soli, ma io credo che almeno una parola di disapprovazione dovremo dirla. e invece nn posso altrimenti sono sempre dalla parte di figlia grande, noi due abbiamo un fronte comune che lei non ha bisogno della mamma che la difende bla bla bla bla
      sono secoli che me lo sento ripetere e questa cosa mi ha proprio stancato, nauseato, xkè se c’è uno che fa sempre l’avvocato difensore è lui con figlio piccolo.
      sulla bomba ad orologeria mi si è strizzato lo stomaco. lo so bene e la vivo con un’angoscia profonda

  15. chissa’ perche’ commenti indecenti e pesanti come il “sei una mamma di cacca” provengono SEMPRE dal genitore assente quando le cose non girano bene. Se i figli si comportano bene il merito e’ di entrambi i genitori, eccerto! quando “svicolano” dalla retta via invece guarda caso, la colpa e’ sempre della mamma, mai che il padre workaholic debba rendere conto. A casa nostra lo stesso, tale e quale. che tristezza questi uomini

  16. sono d’accordo con iomemestessa che qui anche l’equilibrio di figlia grande, per quando grande, potreebbe essere compromesso. Le si insegna che l’abuso in famiglia e’ accettabile, che un marito puo’ non supportare la moglie, e anzi offenderla e rinunciare alle sue responsabilita’.. immagina che cio’ che succede a te ti venisse raccontato, un domani, da tua figlia. Sarebbe una situazione famigliare accettabile per lei come moglie o compagna? Probabilmente ti uscirebbe il fumo dalle orecchie. Pensa a che consigli vorresti darle. Poi metti in pratica tu stessa quei consigli ora.
    Gio (UK)

    • ci penso spesso a questo. a che immagine do/diamo a mia figlia, che mi guarda con l’occhio di chi ti vuol bene e ti stima ma con una lucidità tremenda.
      si sa che i consigli siamo capaci a darli ma nn a seguirli….io spero proprio che nella vita faccia il contrario di quello che ho fatto io, orrendo a dirsi ma è la verità

  17. Ah, Emily cara, ti capisco. Nel piccolo, ma ti capisco.
    Sono nella fase “figlio piccolo, piccoli problemi”. Eppure io e mio marito già ci scontriamo parecchio su come trattare il nano. Lui sostiene che io sia troppo severa e autoritaria. Di contro, quando vedo che cerca di condirsi via il figlio a furia di moine e di “facciamo così: al posto di giocare con i coltelli andiamo a fare la doccia” (esempio campato per aria, eh), inizio a friggere: se fare una determinata cosa è sbagliata o pericolosa non ci sono giri di parole: solo un *no*, semplice e secco, magari condito da una spiegazione. Ma sempre no dev’essere. Punto. Non sopporto che si cerchi di distogliere l’attenzione da una cosa senza prima aver detto chiaramente “no”, senza se e senza ma.
    L’altro grosso problema, poi, è che ci guardiamo in cagnesco nel momento in cu ci scontriamo (ovviamente davanti a lui), ma poi non ne riparliamo mai.Va da sé allora che ripetiamo di nuovo il teatrino di cui sopra. Io dico di noi, lui mi dice “su, poche rotture”, il nano capisce che non siano una squadra unita e compatta e… ciao ciao alle regole.
    Se ripenso alla mia esperienza di figlia, devo dire che i miei genitori mi hanno vietato molte cose. Questo però mi è servito ad avere un senso del limite. Altri miei cari amici non hanno avuto la stessa fortuna: sono cresciuti con genitori che non vietavano e soprattutto non punivano. Il risultato sono stati figli che hanno sviluppato patologie di disturbo alimentari che si portano dietro anche oggi, dopo più di vent’anni. I miei genitori, però, mi hanno sempre dato l’impressione di essere una squadra. Poi tra di loro spesso non si sopportavano e venivano a dirmi “non sopporto più tuo padre/tua madre”. Ma quando si trattava di me, tanto di cappello: più coesi di una legione romana.

    (Non so se questo commento ti è servito, in ogni caso scusa la lunghezza).

    • certo che è servito, xkè mi ci sono rivista. secondo me la dinamica è sempre quella; io vado allo scontro pensando di insegnargli qualcosa e mio marito preferisce confondere le cose x evitare la rissa. vedo che succede lo stesso da te.
      occhio xkè mi sa che tra qualche anno li scriverai tu questi post eheheheh (scherzo!)
      idem con i miei genitori, nemici tra di loro ma compattissimi contro di noi figlie.

  18. Tuo figlio ti puo’ anche insultare ( si fa per dire , , da figlio ribelle etc etc … magari poi passa , ovviamente fino ad un certo punto ) ma tuo marito proprio no. Madre di cacca sarà la sua , anzi è la sua come ben sappiamo. Tu potrai avere mille difetti ma madre di cacca proprio non lo doveva dire. Io una volta tanto lascerei lui a gestire la situazione DA SOLO. E vediamo che ne esce.

  19. Mi sento di cuore di condividere un pensiero in merito….Quando mi è stato urlato e ripetuto a più riprese “madre di Cacca” ho avuto la semplicità illuminante di ritenerlo o meglio renderlo un appellativo onorevole ….magari smetti per prima di considerarlo e di metterlo sul trono dandogli del RE MIDA…. poi rendi semplicemente noto che in natura….che è per altro Madre….. la Cacca è un elemento di gran valore nutre e alimenta la Vita……mettete sul vostro campo/figlio piccolo tutta la vostra cacca e lasciate che “lui cresca” ma non fatevi prendere dalla fretta ci son campi che han bisogno di tanta cacca……di tutto il peggio di voi si potrebbe pensare o forse stan solo chiedendo di essere coltivati anche arati in profondità pur di non essere lasciati soli.

  20. Outstanding post, I believe website owners should larn a lot from this web blog its real user friendly. So much wonderful info on here :D.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...