ma come sei brava con i figli degli altri….

siamo appena usciti dalla banca io e Re Mida e incontriamo mia nipote; giusto la sera prima una parente mi ha detto che ha abbandonato la scuola. E’ vero che ha l’età di figlia grande e frequenta ancora l’istituto tecnico per le varie bocciature ( e non è in quinta, tanto per dire) ma onestamente penso che la scuola sia ancora l’unica risposta per lei.

madre disoccupata, padre disoccupata, fratello disoccupato….immagino che sia più comodo rinunciare ad alzarsi ogni mattina alle 7 e rimanere invece in fb tutta la notte, ma a vent’anni mi angoscia pensare che non ci sia già più futuro.

Re Mida cerca di evitarla; non è un cuore di pietra, ma dalla sua famiglia arrivano sempre e solo rogne e lui ne ha già abbastanza delle sue per occuparsi di quelle degli altri.

io invece ho uno strisciante senso di colpa nei confronti di questi nipoti, ad un certo punto anche io ho rinunciato con loro e non riesco a perdonarmelo.

e così vado dritta al punto, le dico che mi addolora la sua scelta, perchè capisco che sia demoralizzante alla sua età essere ancora così indietro ma non ha un piano B e allora si continua col piano A, che riuscire a finire la scuola non è una mission impossible, basta metterci un po’ d’impegno: che se a casa sua c’è il macello che vada a studiare in bblioteca, oppure guarda, sei vicina a me, vieni in azienda e ti metti li tranquilla in un ufficio. Se hai bisogno d’aiuto ci sono, se vuoi che ti interrogo ci sono, se vuoi un calcio nel sedere ci sono

questa ragazzina è un tesoro, è solo abbandonata a se stessa; chiunque le dimostra un po’ di attenzione fa breccia nel suo cuore. mi abbraccia e mi promette che ci penserà

quanto sei brava con i figli degli altri, fossi così brava anche col tuo….”

il tono sarcastico di mio marito mi colpisce come uno schiaffo.

ovvio che sarebbe bello essere la persona giusta per i nostri figli, ma col tempo ho imparato che è meglio capire quando si fa peggio  e a chiedere aiuto a persone che hanno la mia stima e che possono mettersi in mezzo tra me e mio figlio e fare quello che io non sono capace. è duro non essere la persona giusta per loro ma incapponirsi è peggio. ergo posso essere io quella persona per i figli degli altri. o no?

Annunci

26 risposte a “ma come sei brava con i figli degli altri….

  1. a me sembra chr Re Mida abbia perso un’ottima occasione per stare zitto.
    e scusami se mi sono permessa

    • ehhhhhhhhh permittiti eccome!!! io gli ho detto di peggio! ma sai, io sono una pessima madre x lui, quindi il sarcasmo ci stava tutto!

    • Quoto Laperainbilico! Si sa, è più facile entrare in sintonia con i figli degli altri, ci sono dinamiche diverse! 🙂
      Hai fatto bene come hai fatto, magari anche tuo figlio troverà qualcuno sulla sua strada a cui dar retta (che, magari, gli dirà le stesse cose che dici tu, ma lui le ascolterà con orecchie diverse!) 😀
      In questo periodo la FigliaGrande è seguita da una Psicologa, ogni tanto dice: “Ha detto la psicologa qua, ha detto la psicologa là!” e io guardo gli altri della famiglia e mi morsico la lingua per non dire: “Sono anni/meso/settimane che dico la stessa cosa e mi dici di farmi i fatti miei!” 😉
      Ciao, Fior

      • già è vero. dici le stesse cose, con lo stesso tono ma a quanto pare sono diverse se dette da altri. è meglio accettarlo xkè come genitori credo che sia più utile che nella loro strada i figli trovino qualcuno a cui dare retta e che possibilmente dica le nostre stesse cose!

  2. tu almeno ci provi.
    e non aggiungo altro.

  3. E difficile fare il genitore in qualunque caso, ma se puoi fare la differenza per una persona fallo! E poi concordo con agrimonia, almeno tu ci provi e ci metti il cuore, re mida puo’ dire lo stesso?

  4. Tu hai seguito l’impulso del cuore, offrendo la tua disponibilità alla nipote. E le parole del consorte, così aspre, probabilmente riflettono l’amarezza nel vedere quanto sia difficile aiutare il vostro, di figlio. Certo, un bel tacer (da parte sua) sarebbe stata una saggia scelta.

    • caute carissima, se avessi seuito il mio cuore me li sarei portati tutti a casa 15 anni fa. e invece me ne sono andata senza voltarmi indietro e ancora me ne sento in colpa.
      siamo venuti a mangiare al pedavena domenica sera e ho visto il negozio e ci sei venuta in mente…

  5. offf. re mida sta volta perde tanti punti… sono stra sicura che tutte queste cose le hai gia proposte anche a tuo figlio… anzi prob. solo TU le hai proposte…. e RE MIDA??? cosa propone ? é bravo con il suo figlio?

    • a volte faccio un bilancio proprio duro sulla sua presenza in questa famiglia. poi penso che lui c’è, che non si tira indietro quando ho bisogno e che smussa i miei lati duri. però troppo spesso rema in senso contrario e faccio doppia fatica

  6. Qualche volta è meglio tacere, caro ReMida!
    Se tu non fossi la sua mamma forse le tue parole le ascolterebbe,

  7. A Re Mida mi permetto di dire che sarebbe meglio tacere, a volte…
    Poi io sono d’accordo con Alessandra e Agri..

    Edoardo avrebbe detto “Stai zitto!” (ultimamente è la sua frase preferita;-))

  8. Ma come campano questi?
    Sapere che alcune delle tue parole cadono su terra fertile invece di andarsene col vento è una gran soddisfazione. Tuo figlio è semplicemente un’altra persona. Se tua nipote è un tesoro, coltivala e fregatene delo zio.

  9. Re Mida, tacendo, avrebbe reso un servizio a se stesso. A volte ha delle uscite che lo mettono sullo stesso piano della sua famiglia d’origine. E scusa se mi sono permessa.

    • a volte penso che sia farina di quel sacco, anche se nn mi piace quando lo dicono a me sulla mia famiglia…la realtà è che forse ci portiamo dietro molto della famiglia d’origine, anche se nn ci piace x niente!
      e permettitti ci mancherebbe ehehehehe

  10. ma è normale, gli adolescenti non ascoltano i genitori, ma altri adulti di fiducia si, Biddulph nn l’ hai poi letto? Re Mida sarà amareggiato che figlio piccolo non gli da retta, ma sono percorsi, diglielo, cosi non si sfoga cos`i poi.

  11. credo che Re MIda non si sia reso conto di che cosa terribile ti abbia detto, come un pugno nello stomaco. Perchè tu senti già acutamente il problema di tuo figlio… Per altro, io credo che tu anipote abbia bisogno di un piccolo lavoro umile prima di ricominciare con la scuola…

  12. Io mi ritrovo un po’ con il discorso “lui ci ha messo altro” perche’ mio padre ha fatto lo stesso, ma e’ grazie a mia madre che ci ha messo tempo e pazienza che sono diventata una pianta dritta. E’ l’amore, dosato con ampi cazziatoni( e ai miei tempi anche a qualche manrovescio , parlo di me e dei diversi metodi educativi che usavano i nostri genitori) che fa crescere non certo l’altro.. é molto facile delegare se poi il lavoro sporco lo dobbiamo fare noi mamme

  13. Io credo che ci siano cose che un genitore non può fare per una semplice questione di ruoli.

  14. I am very happy to read this. This is the type of manual that needs to be given and not the random misinformation that’s at the other blogs. Appreciate your sharing this greatest doc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...