sono diventata allergica alla mia vita

ecco, mai pensare che peggio di così non può andare, la vita ti smentisce sempre

una decina di giorni fa mi sono accorta di avere alcuni ponfi rossi sulle braccia, prudevano, ma all’inizio non ci ho fatto caso. ma col passare delle ore questi ponfi si sono estesi dappertutto e mi davano un fastidio cane.

come al solito io affronto il male fisico negandolo, ossia facciamo finta di non sentire nulla magari passa da solo, così per magia.

e diventava sempre peggio.

allora si passa alla fase di mostrare a chiunque i tuoi ponfi e a raccogliere i pareri più disparati: “chissà cosa hai mangiato in marocco…..di sicuro sono le pulci dei gatti…..con la vita che fai è il minimo che ti può capitare….forse i farmaci che prendi ti sono andati in disgrazia….è il sistema immunitario che va in malora….ma hai avuto la varicella?…..cambia bagnoschiuma….cambia marito (eheheheh)….”

insomma tutti hanno una ricetta. dopo una settimana mi sono decisa ad andare dalla dottoressa (dovevo anche prendermi le ricetta altrimenti chissà per quanto tempo avrei rimandato….) e lei è stata chiara, orticaria alimentare, antistaminico immediatamente e cortisone sempre in borsa, se mi sento soffocare corsa in ospedale, mangia in bianco.

cosa può essere stato? io mangio di tutto e assaggio tutto, non sono metodica nemmeno in questo, se escludiamo il fegato e l’avogado.

per non saper ne leggere ne scrivere intanto ho messo l’antipulci ai gatti, ho cambiato bagnoschiuma e ho preso l’antistaminico. i ponfi scendono e ne vengono sempre meno di nuovi. peccato non sapere cosa mi ha ridotto così, adesso ogni volta che apro il frigo vedo solo minacce!

amico guru ha sentenziato, dall’altra parte del mondo: tu sei diventata allergica alla tua vita, altro che antistaminico…..

ussignur

Annunci

14 risposte a “sono diventata allergica alla mia vita

  1. Marò, che botta di ottimismo!

  2. può essere che abbia ragione il tuo amico guru, nell’ultimo periodo non mi sei sembrata proprio rilassata (e visto il motivo ne hai anche avuto rqgione)

    • agri, in questo periodo sconto scelte fatte dieci anni fa. una parte di me accetta le conseguenze come giusta punizione, l’altra parte invece vorrebbe mandare tutti a…

      • E senti, le scelte di 10 anni fa dovrebbero andare in prescrizione, no? comincia dalle cose piccole e reintroduci un cibo alla volta per tre volte, come si fa con i pupi in svezzamento. Piano piano capisci anche cos’ è stato.

  3. in parte ha ragione
    quando l’organismo e’ sotto stress il sistema immunitario puo’ reagire in modo bizzarro a sostanze comuni credendoli allergeni.
    I buoni allergologi sanno che non bisogna mai fare i test in condizioni fisiche fortemente perturbate, altrimenti risulti allergica a tantissime cose 🙂

  4. Non so se da donna razionale e pratica come credo tu sia credi a queste cose.. ma copio e incollo dalla prima pagina internet tovata con google sulle allergie e simbolismi…. trova a cosa sei allergica (per esclusione) e capirai cosa devi risolvere

    Allergia: cos’è?
    L’ allergia è un’alterata risposta del sistema immunitario che si attiva quando l’organismo viene a contatto con una o più sostanze dell’ambiente esterno, chiamate antigeni (per esempio: polline, polveri, peli di animali, alimenti, composti chimici, metalli, farmaci ecc.), che non creano nessun disturbo alla maggior parte degli altri individui. L’organismo dell’allergico riconosce in tali sostanze estranee un pericolo per la propria integrità e le combatte producendo anticorpi in modo abnorme e dando vita a sintomi principalmente di tipo cutaneo (orticaria, pomfi), respiratorio (asma, rinite), oculare (congiuntivite) e intestinale.

    Allergia: che cosa vuol dire?
    L’ allergia esprime il tentativo inconscio di “non far entrare” nella propria sfera elementi sentiti come pericolosi e perturbanti, al fine di proteggere la propria identità. Ci sono infatti ambiti relazionali e incontri con l’esterno verso i quali il soggetto allergico è ipersensibile, si sente vulnerabile e si pone quindi in modo ambivalente, oppure difensivo ed evitante. Le sostanze che provocano l’ allergia spesso non sono casuali. I pollini primaverili, per esempio, sono i portatori dell’energia sessuale e riproduttiva della Natura, e chi ne è allergico presenta in molti casi delle difficoltà a vivere l’eros con pienezza e spontaneità.

    Quando invece l’antigene è costituito da latte e latticini, è probabile che il soggetto abbia avuto una relazione controversa con la madre o con tutto ciò che presenta un aspetto “materno”.
    I nuclei originari di queste problematiche, quando la componente genetica dell’ allergia non è in primo piano, sono molto antichi: riguardano l’adolescenza e soprattutto la prima infanzia o talora la vita neonatale ed embrionale. Non sono costituiti da specifici traumi ma piuttosto da “atmosfere” pericolose e sofferte: potrebbero essere stati rimossi dalla coscienza fin da piccoli e si sarebbero radicati nel corpo, dove trovano espressione attraverso questa iper-reattività immunitaria. È da sottolineare, infine, come il collegamento simbolico possa derivare dall’inconscio collettivo e non dalla storia personale. Nell’ allergia da contatto o da farmaci, ad esempio, appare evidente una crescente avversione per l’artificiale e il sintetico che dominano la nostra epoca.

    Allergia: le diverse tipologie
    Ecco un elenco delle allergie più frequenti, affiancate dal loro significato.

    – Allergia ai pollini primaverili: rappresentano la piena vitalità e l’eros, sia in senso sessuale che riproduttivo. Quando si è allergici a tali sostanze, significa che la primavera viene temuta perché chiama a vivere chi sente di non poterlo fare o ne ha paura.

    – Allergia alle polveri della casa: l’ambiente in cui viviamo non ci piace, ci disturba, non lo sopportiamo.

    – Allergia ai peli di animale in genere: l’eros si associa a desideri animaleschi e istintuali rifiutati.

    – Allergia ai peli di gatto: non si tollerano l’intimità morbida e avvolgente e i rituali di amoreggiamento.

    – Allergia ai peli di cane: si rifiuta la componente aggressiva, mordace, talora intransigente delle relazioni.

    – Allergia ai peli di cavallo: non si riesce a vivere l’istintualità e il senso di libertà espresse nella loro pienezza.

    – Allergia ad alimenti in genere: si teme il mondo esterno, soprattutto se impregnato di una valenza affettiva.

    – Allergia alla frutta: si soffre la mancanza di una relazione di coppia vera e completa. Il frutto è infatti il simbolo della piena unione tra il maschile e il femminile.

    – Allergia al latte: rappresenta il rapporto con la madre e con tutto ciò che rappresenta il mondo materno; l’allergia è dunque in relazione a tali ambiti.

    – Allergia ai cereali: i legami familiari e parentali vengono percepiti come invischianti e invasivi.

    – Allergia al glutine: quando la presenza e l’aiuto della madre sono percepiti come ambivalenti: essa si pone a volte come madre, a volte come figlia ed è sempre molto ansiogena.

    – Allergia da contatto: in genere, emerge quando si è ipersensibili a oggetti sintetici, espressione perlopiù collettiva di un’avversione a un mondo sempre più innaturale.

    Allergia: chi è più a rischio?
    In molti individui allergici è presente una predisposizione genetica, sulla quale il vissuto può agire in modo favorente oppure inibente. Sono quindi più a rischio:

    -persone che interagiscono con il mondo esterno con diffidenza e in stato d’allerta, in tutti gli ambiti o solo in alcuni. Lasciano “entrare” l’altro, ma non oltre un certo limite “insuperabile”.

    -Persone con conflittualità antiche e irrisolte verso la madre o con la famiglia di origine, che si traducono in ambivalenza rispetto all’idea di indipendenza e alla possibilità di amare ed essere amati.

    -Persone con spiccato senso dell’ordine, della pulizia e della moralità, che costituiscono i pilastri della loro identità. Fanno fatica a dire di no e manifestare rabbia.

  5. O mio dio che rispostona quella sopra. Io ho imparato che non c’è limite al peggio..

  6. mai provata la riflessologia?

  7. ricordi il mio autoimmune??? kiss cogny

  8. Due o tre anni fa ho sofferto improvvisamente di una forma allergica che in alcuni momenti diventava fortissima, sono andato avanti a cortisonici e antistaminici mentre i medici vagavano in cerca delle cause a vuoto (e quando smettevo di prenderli non ti dico come mi riducevo di colpo…): poi alla fine si sono accorti che avevo contratto la mononucleosi e un pò alla volta tutto si è risolto naturalmente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...