ecco come nasce la leggenda metropolitana che sono una stronza

è da un bel po’ che abbiamo problemi con la caldaia: quando le gira, si spegne. di solito ce ne accorgiamo perchè ci alziamo con 15° in casa: la pressione va giù, bisogna infilare una mano e aprire un rubinetto, operazione alla quale è deputato solo mio marito perchè secondo lui io sono un impiastro in queste cose.

venti giorni fa mi sono stufata e ho chiamato l’assistenza, e il tecnico prontamente mi cambia un pezzo e dice che siamo a posto, ma nel giro di pochi giorni siamo di nuovo al punto di prima. random, la caldaia si spegne.

ieri mattina si decide a tornare, fa un sacco di casino ma la mia impressione è che non sappia dove mettere le mani, mi dice di tenerla d’occhio (??????) e insieme usciamo da casa. torno ed è in blocco. lo chiamo e gli dico di venire subito, io non tocco nulla chissà che capisce una buona volta che succede.

torna, smanetta di nuovo, mi dice che sicuramente ho una perdita sui radiatori, mi fa domande idiote, tipo se ho acceso più di due radiatori in tutta la casa (una casa enorme e secondo te ho meno di due radiatori accesi????), il massimo è quando mi dice che potremo spegnere l’impianto per due giorni e vedere che succede

“mi scusi, ma lei vive in un universo parallelo dove in questo momento è estate e fuori ci sono 30°”?

“……”

“voglio dire, le sembra il caso di lasciarmi senza riscaldamento al 16 di febbraio?”

“vabbeh, allora torno fra 10 giorni a spegnere l’impianto ( tutto in dialetto ovviamente)”

fra 10 giorni ti spegni il cervello, IDIOTA…..

sono le 19 e sto preparandomi per uscire con amichetta e mi accorgo che la pressione è andata altissima e gocciola acqua: chiamo di nuovo l’assistenza e il tecnico mi dice, tutto in dialetto:

“infili una mano sotto la caldaia e apra il rubinetto”

“mi scusi ma in che senso lo devo girare, orario o antiorario?”

“……..non so, deve aprirlo….”

“ho capito, ma devo girarlo verso destra o verso sinistra? (proviamo con parole semplici….)”

“guardi lei deve prendere un barattolo di marmellata e provare ad aprirlo, quello è il senso…..”

allora, in una mano ho il cellulare e l’altra dentro la caldaia, se non fossi così incaxxata mi verrebbe da ridere. comincio ad alzare la voce, l’acqua scorre a fiumi, e la pressione sale.

“sa altrimenti cosa dovrebbe fare? sfiati il termosifone che c’è in sala ma attenta che esce acqua bollente…”

credo di avergli sbattuto giù il telefono

chiamo Re Mida e la solfa ricomincia, ma quando sa che ho messo le mani nella caldaia gli parte l’embolo che io non devo neanche toccarla perchè sicuramente tra pochi minuti la caldaia esplode e io morirò con i miei figli e un altro centianio di persone nella via.

“MA HAI APERTO O CHIUSO IL RUBINETTO??????”

“CHE CAXXO NE SO, IO HO GIRATO IN SENSO ORARIO…..”

“NO, TU PRENDI UN BARATTOLO E PROVA AD APRIRLO, MA GIRALO A TESTA IN GIU’ PERCHE’ SEI ROVESCIA….”

stiamo urlando a pieni polmoni, arriva figlia grande che prende il controllo del telefono, cerca di far calmare suo padre, poi gli strappo il telefono e lo chiudo

“senti, se ho giraro in questo senso e ora nuotiamo nell’acqua, provo a girarlo nell’altro senso…..”

l’acqua smette di scendere , la pressione cala. sul tavolo rimangono due vasetti di marmellata aperti e per terra un lago.

stasmattina mi richiama l’assistenza perchè ha visto le mie innumerevoli chiamate alle quali hanno visto bene di non rispondere. gli dico cosa è successo, mi risponde la signorina:

“eh, signora è lei che sbaglia, se mi apre il rubinetto invece di chiuderlo!”

“allora sa cosa facciamo? gli dica al tecnico di farmi trovare il piano di innovazione di prodotto che sto preparando, se io devo fare uil suo lavoro lui farà il mio”

Re Mida mi ha detto che lo ha chiamato il titolare dell’azienda termoidraulica e gli ha detto……”tremendina sua moglie” il che sta per “stronza“, si capiva chiaramente.

ma io non sono stronza mi ci fanno diventare.

comunque mi sono divertita tantissimo con amichetta ieri sera al wok sushi e sono sicura che sarebbe piaciuto anche a mio marito. forse se si comporta bene lo porterò, un giorno

Annunci

18 risposte a “ecco come nasce la leggenda metropolitana che sono una stronza

  1. Se vuoi ti mando i miei tecnici.
    Ne avevo uno come il tuo anni fa , carissimo e quando c”erano problemi non sapeva cosa fare o rispondeve alle chiamate in pieno inverno dopo due giorni ( l’ultima volta era appena nata mia figlia .. caloriferi spenti , e quello richiama dopo due giorni )
    Comunque, la mia caldaia era come la tua, perdeva continuamente pressione. Cosa risolta , definitivamente , dopo innumerevoli e irrisolutori tentativi dal parte dell’incompetente carissimo , dal tecnico nuovo cambiando un pezzo ( una “vaschetta” che stava sotto la caldaia che era incrinata ). Il tutto senza aprire nemmeno un barattolo di marmellata , che a casa mia si sta a dieta 🙂

    • grazie elena, adesso indago. mi hanno cambiato un disco rosso che sta in piedi sul davanti (nn ho la pallida idea di cosa sia, ma è in metallo), quella della vaschetta mi manca, lo tengo x buono!

  2. allora tu credevi ancora che esistessero idraulici competenti?
    io ho smesso prima di credere a loro che alla befana.
    chiedendo informazioni sui comandi del termoconvettore appena installato mi sono sentita rispondere “non lo so, bisogna leggere le istruzioni”!
    quest’anno ha montato al contrario un pezzo dell’impianto antincendio e pretendeva altri soldi per rimetterlo nel verso giusto perchè “è il tecnico della manutenzione che lo vuole girato, per me andava bene anche così”!
    io sono buona e ancora mi sfogo a urla ma, dovessi smettere di esserlo e mi comprassi un mitra, è su di lui che proverei la mira.
    se vuoi, per la verifica della mira puoi mandarmi il tuo.

    • ma daiiiiiiii ma daiiiiiiiii nn ci posso credere!!! io l’ho ripeto sempre, l’incompetenza è il male del nostro secolo, nessuno ha più voglia di studiare veramente le cose, tutta un’approsimazione del cavolo che genera solo che problemi. meglio nn darmi un mitra, potrei finire sul tg ehehehe

  3. p.s. intendevo la seconda verifica: meglio una prova in più, per sicurezza

  4. Assurda sta cosa.. sul fatto dei vasetti di marmellata per controllare il verso di apertura lasciamo perdere … mi sembra una barzelletta .. comunque non approfondisco,

    Per quel che riguarda la manutenzione delle caldaie pare ci siano in giro una manica di incompetenti .. ricordo il caso di mia cugina che aveva una situazione praticamente identica alla tua qualche anno fa.. stessa storia .. manutenzione da far ridere.. viene, guarda, gira un paio di manopole, smanetta.. e dopo pochi giorni punto e da capo si rispegne .. richiamano la manutenzione .. stessa manfrina… secondo me questi ciurlano nel manico .. o vendono pezzi difettati, o sono incompetenti, oppure vendono caldaie perfettamente funzionanti ma non le sanno installare bene.. oppure tutte queste cose insieme.

    E ricordo anche che mia cugina poi doveva anche pagare le uscite del tecnico ogni volta che veniva a smanettare .. io ad un certo punto le suggerii di smettere di pagare .. intanto .. perche’ se vendono prodotti che non funzionano correttamente oppure non li sanno installare perche’ sono delle capre .. devono venire e riparare tutto senza chiedere altri soldi nei termini di garanzia .. altrimenti si puo’ anche considerare una bella denuncia per truffa… almeno li fai cagare sotto.

  5. UPDATE :

    Per curiosita’ ho fatto una prova sui barattoli di marmellata .. ne ho aperti un paio .. i risultati sono i seguenti :

    APERTURA : SENSO ANTIORARIO
    CHIUSURA : SENSO ORARIO

  6. Guarda, io al posto tuo andrei MOLTO FIERA di questa leggenda metropolitana
    Altro che!

    Che gente!

  7. “vabbeh, allora torno fra 10 giorni a spegnere l’impianto ( tutto in dialetto ovviamente)”
    vabbuò, allor veng aropp 10 journ a spegner l’impiant (non penso però abbia detto l’impianto). 😀
    Beata te, qui si arriva anche a 13°…

  8. Io non ce lo porterei!

  9. ti capisco eccome, mi è successo anche a me e anch’io mi dico che non è per colpa mia che sono stronza oggi!!

  10. Anche Marito due giorni fa ha pettinato il tecnico della caldaia condominiale, il tizio era rimasto sul vago ed avevo risposto in modo supponente, così Marito gli ha detto di non permettersi più di parlargli in quel modo e di darsi una regolata e fare il lavoro che gli compete, ma lo sai che dopo mezz’ora il tizio ha richiamato scusandosi?

    p.s. ho risolto la faccenda commenti, come ha detto santaSoleil ho scaricato Chrome e adesso c’è persino la correzione delle parole e soprattutto posso commentare nel tuo blog e nel mio 😆

  11. Cioè, fammi capire, tu che pretendi solamente che la gene sappia fare il lavoro per cui è pagata saresti stronza e Re Mida che ti urla contro perché non è capace di spiegarsi no? Per me dovresti davvero fare un discorsetto pacato al proprietario su cosa ne pensi del modo in cui lavorano.

    Io da anni sostengo la teporia dellos cazzo preventivo: appena ne fanno una rispondo subito per le rime e come succede al marito di Agrimonia, poi diventano degli agnellini. Non a tutti, solo a quelli che ti fanno eprdere tempo.

    (Comunque, fuori dai denti: ma quale leggenda metropolitana, tu sei stronza. È che vorrei che lo fossi di più).

  12. E’ lo stesso identico problema che abbiamo noi, ormai dobbiamo aprire il rubinetto ogni giorno e lo stronzo della caldaia fa pure del sarcasmo sul fatto che funziona benissimo e siamo noi gli impediti, ne abbiamo chiamato un altro e abbiamo scoperto che il precedente ci ha venduto una caldaia contraffatta, che in realtà è molto vecchia… sono proprio una brutta razza!
    Il problema che hai avuto tu è dovuto al fatto che l’hai lasciato aperto e la pressione è schizzata a mille, devi aspettare che la barretta della pressione arrivi vicino al livello corretto (che di solito è segnato con una linea rossa) e poi lo richiudi, ci mette pochi secondi.
    Baci!

  13. Ehi mi ero persa il tuo post… meno male che ogni tanto ti vengo a cercare…
    La tua caldai ha scelto il momento perfetto per fare casino, come sempre tutto in casa… cambia tecnico e fammi sapere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...