le mamme sono tutte uguali

cena insieme ieri sera, figlia grande è tornata con un giorno d'anticipo perchè alcune lezioni non sono ancora cominciate
……stavamo quasi per apprezzare il silenzio…..no scherzo ovviamente, gli uomini si alzano e io e lei rimaniamo sedute a raccontarcela, non mi ero accorta che qui al paesello fossero successe tutte le cose che nota lei: il vicino sistema il tetto, hanno aperto il passante, ha chiuso il supermercato,

ehhhh che botta di vita!

ovviamente voglio sapere come se la cava nelle cose di cui mi occupo io di solito e si parla di cibo. mi racconta che hanno mangiato panini e qualche pastasciutta

"ma le vitamine? niente vitamine? verdura? pesce?????"

mentre scruto se la mancanza di queste cose fondamentali hanno lasciato tracce indelebili nel suo fisico, le dico perentoria che stavolta si porta via un po' delle mie preziosissime marmellate (fatte da me, dalle mie manine sante, nelle insonni notti d'estate) e che per l'amordidio, le dia anche alle sue amiche, cosa ne dici se ti do una cassa di melograni? li metti li in mensa, chi vuole se li prende…

"mamma ma sei assurda non vorrai mica che sfami tutto il convitto!!"
"ma cosa c'entra di sfamare? i ragazzi sono figli di tutti…"

due secondi dopo le arrivano due messaggi in contemporanea, li legge, si sganascia dal ridere. sono delle sue compagne di convitto, quelle con cui ha fatto amicizia subito. mi legge:

"mia madre è inorridita che non abbiamo mangiato verdura, dice che ci prepara un bel po' di piselli che li mangiamo anche nella pasta. a te piacciono?"

"mia madre rompe che senza carne non possiamo sopravvivere e vuole darmi una secchiata di ragù: tu lo mangi? perchè ne fa per tutte e tre"

ahahahahah le mamme…..
 

Annunci

25 risposte a “le mamme sono tutte uguali

  1.  che bello, che bello, che bello! anche a me succedeva non più di 5 anni fa, mi viene un po' di nostalgia…
    Valestitch sloggata

  2. Già, le mamme sono sempre…. le mamme!!
    E che bella l'idea di condividere cibi (e ricette)…
    Brave!

  3. Beh ti ricordi la coppia che abbiamo incontrato sabato sera al ritorno dalle giostre?
    La loro unica figlia 19enne otto anni fa è andata a Bologna per studiare al Dams, non si è laureata, perchè nel frattempo ha iniziato a lavorare alla Decathlon ed è diventata capo reparto. Adesso si è trasferita a Faenza e lei ha detto chiaramente che non tornerà mai qui in pianura.

    Tutto questo per dirti che ancora adesso quando vanno a trovarla loro in macchina caricano arrosti, torte salate, sughi di pesce e lei abita in una casa da sola  ed è diventata bravissima a cucinare

    p.s. Comunuqe quando Prince è via in trasferta per tornei la prima cosa che chiedo è cosa hai mangiato
    Siamo davvero tutte uguali

  4. io a dire il vero alla mia chiedo se è andata in bagno…

  5. Le mitiche mamme che sono il supporto vitale durante i lunghi anni di studio matto e disperatissimo.. siete proprio delle tenerone…

    Comunque sappilo… i panini ( in particolare quelli col tonno ) costituiscono la base portante, direi addirittura la dorsale nutrizionale dello studente universitario.. Fate bene a riempirle di verdura, carne, vitamine, marmellate, etc..  comunque nel tuo caso .. trattandosi di studentessa convittuale part-time ( nel senso che si fa il part-time verticale dal lun-giov / ven col fine settimana lungo di vacanza a casa ) la tua figliola potrai rimpinzarla di verdure, piselli, carne etc durante il week-end … piu' le cotolette preparate per il lunedi .. quindi scommetto che non morira' di fame.

    Simpaticissime le due amichette con relative mamme al seguito .. 

    Ma davvero le ha smessaggiato una secchiata di ragù (per tutte e tre) .. testuali parole mammesche della amica .. confermi ?

    Ad ogni buon conto .. sono contento per voi .. mi sembrano che le cose procedano alla grande.. in maniera liscissima .. che pretendi di piu-

    Una sola cosa .. ma come mai per tutte e tre ? Sta in una camera tripla con altre due amichette ? Pensavo si trattasse di doppia .. comunque come si dice .. the more .. the merrier…

    At saludi

    il mitico UT (5) 

     

  6. Viva le mamme con tutti i loro cibi preparati….
    a mia figlia ci ha pensato il nonno di 86 anni a riempirle la valigia di marmellate e passata di pomodoro fatte da lui rigorosamente dall'orto……
      ….ha condiviso tutte le cibarie con mezzo studentato… e in Austria  è diventato un mito…(il nonno)…   stanno aspettando che venga a fare un giro a casa per riempire ancora la valigia…
    Che tenerezza tutto questo… e che belle esperienze…anche condividere il cibo rafforza l'amicizia
    FLY

  7. E quindi l' anno prossimo divideranno le spese di un appartamento almeno si possono cucinare tutte le risorse che gli mandate. ai miei tempi andava così e almeno i possono fare pure qualche botta di vita, tipo un cineforum che finisce a mezzanotte e 10 senza dover restare fuori o fare atto di cotrizione.

    Mammamsterdam

  8. Sottoscrivo in pieno l'idea di Mammamsterdam.. l'ideale e' avere un appartamentino condiviso .. tipicamente un 3 persone .. ciascuno con la propria stanzetta e condividono cucina e servizi. Ed hanno molta piu' liberta'.. naturalmente anche il convitto se lei dovesse trovarsi bene nel lungo termine e si trova bene con tutte le nuove amichette e si crea una buona atmosfera potrebbe andare bene.. pero' in generale i convitti e i pensionati studenteschi tendono ad essere un po' pallosi .. insomma vi sono un po' di aspetti negativi .. in genere una minore privacy.. le lavatrici, le docce, la stireria .. insomma e' un po' una vita comunitaria da casermetta.

    il mitico UT (5) 

     

  9. I primi mesi, il primo anno anch'io mi organizzavo ogni volta che tornava a farle riportare cose buone, fatte in casa ecc.

    Una volta mi ha fatto esplicita richiesta di olive ripiene all'ascolana, perchè poi nel "student village" facevano le feste a tema "regionale" . . .

    Poi, incominciava a stufarsi a protare avanti e indietro barattoli e contenitori di plastica . . . quando poi ha trovato l'appartamento, più lavoro per tenere a posto, più studio, più periodi a Roma più che a casa, più tempo da passare con le amiche romane, e richiesta di  ricette invece che di cibo!

    In tutti i casi, sì, anch'io quando le preparavo qualcosa da portarsi pensavo anche alle sue "coinquiline", persino per i regalini di Natale e Pasqua, perché se la convivenza va bene stanno bene anche loro!

    Ciao, R

  10. Che cosa confortante sapere che le mamme son fatte tutte così! *_*
    Quella languida sensazione di calore e di nido, perchè come ti coccola la mamma ti coccola solo lei, fisicamente e non.
    E' splendido.

  11. VALE  e adesso ti tocca arrangiarti????

    CAUTE mi sa che presto ti chiederò ti tenrmela d'occhio…magari me la pesi eheheh!!!

     ahahahah AGRI  hai ragione…..neanche fossero denutriti….

    MADAMA….. anche io ahahahaha e le ho raccomandato di portarsi via le prugne….beh insomma mi consolo!!!!!

    MITICO UT5 è in camera con una ragazza ma questa conosceva già un'altra che è dentro al convitto e che fa la stessa facoltà e quindi hanno fatto subito gruppo. il termine secchiata credo che sia della figlia eheheh e cmq hai ragione, su 4 pasti che ha fatto due erano a base di scatolette di tonno….domani gliene compro una secchiata ahahaha

  12. Comunque, non facciamoci prendere dalle generalizzazioni facili ..
    ad esempio .. la perfida suocera.. ( che non pare una donna particolarmente alla mano .. anzi piuttosto stronza ) .. come si comportava con Re Mida e con gli altri fratelli e sorelle .. quando lui andava all'universita?

    il mitico UT (5) 

     

  13. FLY  hai ragione, anche xkè ogni famiglia ha le sue abitufini alimentari, ad esempio x noi sono normali il mais, o il gomasio, l'aceto balsamico, il lattte di riso, mentre altri nn li conoscono nemmeno.
    che dolce il nonno, come mancano a me queste cose…

    MAMMAM ci va ci vaaaaaaa al cineforum tranquilla, e se torna tardi le faccio la giustificazione ehehehe

    ut5 si è vero ci sono molte più regole ma forse x un tipo come mia figlia è un posto dove concentrarsi e organizzarsi lo studio
    penso che come primo anno sia una buona sistemazione, poi vederemo! (anche xkè il convitto è costosetto!!!!)

  14. sono un po' stravolta a vedere che le mamme italiane generazione dopo generazione si riproducono… a me questo aspetto è mancato, mia madre lavorava e non era mai a casa, perciò era molto dificile che mi preparasse delle cose da portar via e poi io ero a Bologna, la città dove si mangia meglio al mondo, vivevo con ragazze romagnole ed era molto divertente fare la spesa a turni, preparare e invitare amici. Ovvio che nei periodi di studio matto e disperato ci si cibava a mozzarelle e pomodori, ma l'autonomia insegna ad organizzarsi, a dividersi i compiti, le pulizie, la spesa e insomma, son cose che nella vita poi servono. Ed è servito anche ai nostri fidanzati, abituati sin da allora a collaborare e mutatisi  poi in mariti capaci. 

  15. Dalla mia esperienza è meglio concentrarsi sullo svuotamento del frigo che sul suo riempimento! Ho visto muffe di ogni genere …
    Ho passato 4 anni a riempire contenitori mono-bidose di ragù e arrosti per sfamare pallavoliste fameliche.
    Vedo che sei sopravvissuta alla prima settimana . 

  16. Che poi riflettevo: io ho fatto l'università nella stessa città dove son cresciuta, e mi è mancata tantissimo l'esperienza "fuori porta".
    Insomma, quando sono uscita di casa l'ho fatto per andare a vivere per conto mio, con l'affitto e le bollette e tutte quelle cose da vita adulta e responsabile.
    Mi sarebbe piaciuto provare prima l'esperienza più ludica e goliardica dell'università fuori sede…

  17. #15 : ero Lorma.   Era un pò tardi quando ho scritto il commento.

  18. E' proprio vero,abbiamo sempre bisogno delle mamme!!!

  19. Chissa' Emily come si sta godendo sto fine-settimana con la stanza della figlia grande di nuovo tutta in disordine ! .. approfitta del disordine adesso, anzi fai un paio di foto ricordo cosi poi lunedi prossimo quando sara' di nuovo tutto vuoto e asettico puoi consolarti guardando le foto .. ( puoi anche metterle come salvaschermo sul computer in ufficio.. cosi' ogni tanto escono fuori)
     
     

  20. FIORE  penso anche io che sarà una cosa die primi tempi; anche la direttrice ci ha detto di nn darle niente che il venrdi l'immondizia si riempie di vasetti di cibo!

    ALAHAMBRA…. centrato in pieno…nn è la paura che salti i pasti ma l'idea di accudimento che è talmente connaturata da spostarsi con lei….

    UT 5  mia suocera nn è una madre….è una perfida suocera…..lei fa una cosa assurda col cibo: quando vai li a mangiare (anzi parliamo al passato…) lei ti "costringe " a mangiare. tu le dici no grazie sono piena e lei ti riempie di nuvo il piatto….il cibo come violenza insomma…io dopo 30 anni ho finalmente imparato che se dico di no poi te lo lascio sul  piatto….

    DANY  io sono più stravolta di te a sentirmi fare questi discorsi!!!! nn l'avrei mai creduto ma è proprio vero che l'esperienza bisogna farsela x capire ehehehehhe ma cmq hai ragione su tutto.

  21. No ma io dicevo ai tempi dell'universita'.. ammesso che il povero mida ce lo abbiano mandato quegli schiavisti dei suoceri .. magari invece il poverino si e' dovuto smazzare la fabbrichetta subito dopo il diploma… 

    Per quel che riguarda il cibo "imposto a forza"… sai io sono di quelli che queste violenze non le subisce cosi' tranquillamente .. io direi che una bella piattata in faccia chiarisce subito e definitivamente le rispettive posizioni… e poi vuoi mettere la soddisfazione ? Forse e' un po' troppo drastico .. 

     

  22. Ooooooooooo sì sì sì, comunque io e l'Uomo siamo due supercuochi, ognuno con le sue specialità, e ce la caviamo egregiamente . Poi tutto ciò che viene donato è manna dal cielo e se non abbiam voglia di cucinare pizza. Che poi ti dirò, per la legge del contrappasso quando torno a casa tocca a me cucinare, perchè mamma spesso tarda (a causa del lavoro) 
    Valestitch sloggata

  23. Emilyyyyyyy!!!! adesso però t'aripigli eh??!!! mi stai facendo venire il diabete

    (swoshhh evitata la ciabatta sul muso!1)

    😛 /graz :-)))))))))))))))))

  24. Direi che noi mamme italiane non ci smentiamo mai! (io sabato mi son dovuta sorbire critiche da una mamma inglese perché dice che noi siamo iperprotettive) va be’, l’importante è che figlia grande faccia il pieno di cibi sani almeno fra venerdì e domenica!!!!;)

  25. mia madre veniva a riempirmi il frigorifero anche dopo 10 anni di matrimonio. ma che meraviglia sono le mamme! moglie (mia suocera invece veniva a svuotarlo) 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...