guidate con prudenza

Re Mida deve andare a teramo per fare delle firme: andata e ritorno in giornata, 1000 km
 

decido all'improvviso di organizzarmi e andare con lui: non sono necessaria, ma l'idea di saperlo sempre solo non mi piace ( e diciamo la verità, averlo inchiodato al mio fianco per tante ore mi permette di decidere un sacco di cose!)
 

partiamo verso l'una, un paio di fermate di lavoro, poi centinaia di km senza interruzioni, arriviamo addirittura con un'ora di anticipo e ci godiamo una passeggiata sul lungomare e un gelato.

un'ora di riunione in azienda, ripartenza alle 20

inchiodati mezz'ora dopo sopra un cavalcavia: siamo dentro un tamponamento tra camion e auto e l'autostrada è completamente bloccata in entrambi i sensi.
passano decine di mezzi di soccorso e noi rimaniamo inchiodati sul cavalcavia

dopo pochi minuti però, io esco dall'auto e comincio a chiacchierare con gli autisti dei tir; Re Mida rimane in auto, chiuso nel gelo dell'aria condizionata
con gli autisti io faccio subito comunella, si passa velocemente a raccontarsi i fatti propri: seduti sul guard rail di cemento, con la pancia vuota e la vescica piena.

dopo una buona mezz'ora mio marito ci raggiunge, un attimo prima che io chieda all'autista di farmi vedere la cabina del camion…si lo so sono curiosa come una scimmia, in compenso però gli faccio aprire il camion per vedere una montagna di gelati stipati…..

le ore passano, i ragazzi sono a casa da soli, noi abbiamo una fame da morire.

verso le 23 si sblocca, ci fanno uscire sull'altra corsia, il disastro per uscire (ovviamente), andiamo all'altra uscita (torniamo sempre più giù, dobbiamo salire!!!!) ma la statale è in delirio: altri incidenti, altra coda, nessuno si muove.

a mezzanotte decidiamo, fermi in un bar mangiando un tramezzino fetente (sigh, mi aveva promesso una cena di pesce a senigallia, al caterraduno di radio2!!!) , guardiamo la cartina e capiamo che o si attraversa dall'altra parte e andiamo a roma oppure ci si posiziona all'entrata dell'autostrada e aspettiamo che la riaprano.

decidiamo per la seconda e ….incredibile, quando arriviamo l'hanno riaperta. ma dopo poche centinaia di metri siamo bloccati di nuovo….deve smaltirsi la coda fatta per l'uscita obbligatoria.

Delirio.

quando si sblocca questa coda 10 km dopo siamo in coda nello stesso punto del cavalcavia per l'incidente, finalmente all'1.30 riusciamo a passare.

ci sono camion e auto distrutte, un pensiero va a quelle persone che alla mattina hanno salutato le famiglie e non torneranno più a casa. terribile.

un pensiero a Piero, autotrasportatore, che in 3 ore mi ha raccontato la sua vita.

il pensiero di figlia grande, che non voleva andare a letto finchè non gli ho scritto che eravamo finalmente passati, e che mi ha chiuso l'sms scrivendo: guidate con prudenza.
"ok mamma staremo attenti"
gli ho risposto

non posso scrivere come mi ha riposto

siamo arrivati a casa alle 5.30, stamattina sveglia alle 8, io ho un impegno col tribunale che non posso rimandare.

che fatica lavorare, la prossima volta nasco ricca di famiglia

Annunci

8 risposte a “guidate con prudenza

  1. La prima reazione in questi casi è sempre di rabbia verso coloro che hanno provocato tutto il disastro, poi passato il momento di rabbia ci si rende conto che quelle persone potrebbero non esserci più o magari ci sono ma rimarranno per sempre segnate fisicamente e moralmente dall'accaduto e allora davvero si pensa "forse bastava semplicemente guidare con un pò più di prudenza…"

  2. La prudenza è un'ottima virtù che talora viene dimenticata. E basta un attimo per trovarsi la vita sconvolta….
    Anch'io mi sento molto più tranquilla se posso accompagnare il consorte quando deve spostarsi per lunghi tragitti in auto, come se la mia sola presenza  bastasse per tener lontana l'imprudenza propria e quella altrui.

    P.S. e com'è andato l'esame del giovanotto?

  3. Eh si basterebbe la prudenza…meno fretta e meno distrazioni…

  4. Noooooooooo! Sei andata a Teramo, per cui mi sei passata sui piedi  (S.B.Tr) . . . spero non ti sia fermata sul viadotto del "Salinello" . . . io sarei morta di paura . . . peccato non saperlo, quel gelato sul lungomare (Giulianova???) potevamo gustarlo insieme e farci un po' di chiacchiere!

    In effetti, quando qualcuno è in viaggio, le ansie non sono solo delle mamme!

    La prossima volta che sei in zona, fischia!

    Ciao, R

  5. Come la prossima?
    Azz… e io che ero convinta di esserlo in questa!!! eheheh
    cogny

  6. PALUCA  quando vedi questi bestioni che si buttano in sorpasso anche dove nn si può. che superano allegramente i limiti, la rabbia è normale. ma di fronte a disastri come questi…

    CAUTE  il giovane virgulto ha abbandonato il caldo e comodo mondo della scuola media con un calcio nel sedere e l'augurio dei prof di andare a far danni in altre parti!
    hai ragione, anche a me pare che solo con la mia presenza posso evitare problemi, e in questo caso è stato così perchè altrimenti si sarebbe addormentato!

    MANU  io nn dico niente, io sono una che guida facendo altre cento cose….

    FIOR ma daiiiiiiiii! questo lavoro è concluso ma credo che ce ne saranno altri, ne terrò conto, mi organizzo meglio, stavolta ho deciso all'ultimo momento. cmq c'è un litorale meraviglioso, ci è vneuta voglia di venirci in camper!

    COGNY…… zitta e finisci ste dichiarazioni che l'astinenza mi pesa!

  7. sia lunghi che brevi tragitti, l'importate è rimanere attenti e prudenti.
    davanti a me, stamattina, uno ha sorpassato una colonna di macchine (dietro alla quale c'ero anche io) semi-bloccate mentre dall'altra parte sopraggiungeva un tir… che dire, gli è andata bene perchè il tir ha rallentato di parecchio cristonando a più non posso…e qualcuno l'ha fatto rientrare in tempo per evitare il tamponamento. Non oso immaginare cosa sarebbe potuto succedere….
    e non ero molto lontana da casa…e avevo lasciato le figlie a casa per andare a ritirare i libri di scuola… non lo farò mai più!

  8. ILMARE  io nn dico niente, alla guida sono distratta e spesso mi accorgo di cavarmela xkè sono fortunata. sono proprio un pessimo esempio x i figli, c'è una pubblicità che dice che in auto nn sei nel salotto di casa tua. penso proprio che sia rivolto alla gente come me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...