genitori di serie A, genitori di serie B

ieri ho finito il giro dei prof dei figli: tra poco inizio le terapie, poi ci sarà pasqua e feste varie, arriveremo a maggio senza accorgerci. Casomai ci sarà bisogno di un altro giro per figlio piccolo, ma per figlia grande con la maturità credo che questa sia l’ultima vlta che vedo i suoi prof.

ci pensavo con un po’ di malinconia quando sabato (azzzz, si di sabato……io ho da fare altro il sabato mattina!!!!) ho parlato con gli ultimi due. Come al solito i prof di mia figlia esordiscono tutti alla stessa maniera: “oh come mi piace sua figlia!!!”

e poi passano i successivi 10 minuti ad elogiare me e Re Mida per tutte le opportunità che le abbiamo dato e che ha come risultato una ragazza solare, disponibile, interessata, curiosa, equilibrata e giù un sacco di complimenti. Si vede che è una ragazza che ha viaggiato tanto, che è stata stimolata tanto, che è stata seguita tanto…..

chiunque andrebbe in brodo di giuggiole sentendo queste cose, io invece rimango a guardare i prof con aria asettica, nemmeno un sorriso riesco a fare. Perchè ultimamente  mi chiedo se davvero quello che facciamo con i nostri figli da così automaticamente certi risultati….vedendo figlio piccolo direi proprio di no.

e se io e mio marito siamo sempre le stesse persone perchè i risultati sono così diametralmente opposti?

e poi, lo devo ammettere, gongolare e sentirmi brava per i risultati di figlia grande mi dovrebbe portare a sentirmi automaticamente in colpa per quelli del figlio.

allora decidiamoci, sono un genitore di serie A o B?

poi un altro pensiero attraversa la mia mente: per i prossimi 5 o chissà quanti anni…..parlerò SOLO CON I PROF DI FIGLIO PICCOLO!!!!!  non ce la posso fare….non ce la posso fare…..

Annunci

23 risposte a “genitori di serie A, genitori di serie B

  1. Carissima che tenerezza che mi fai!!! Fossi qua davanti ti abbraccerei forte forte :-)))) Mia suocera usava (e usa tutt'ora) dire "Li avessi fatti con le mani non avrei potuto farli più diversi" (con la variante "Li avessi fatti con le mani li avrei fatti meglio"). Mia mamma invece diceva "Se li metti tutti e tre insieme capace che ne esce uno benfatto".

    Mio figlio sta a mia figlia come acqua all'olio ….  Sai quante volte mi sono chiesta come caspita viene sto fatto????

    Sai cosa? Io ho smesso da tempo di farmi le pare chiedendomi quanto male/bene ho fatto. In realtà, nella loro diversità, sono fiera di entrambi, sono loro, con i loro vizi e virtù, faranno quel che meglio riusciranno a fare ed io sono certa di aver seminato qualcosa che ha già dato / darà i suoi frutti.

    Ho seminato al meglio che ho potuto ed in totale buona fede, questo è certo, per i sensi di colpa … mica sono Mago Zurlì, no????

    Un abbraccio
    /graz

  2. no, dico, avevo scritto un commento lunghissimo ma è saltata la connessione e non si è salvato… provo a sintetizzare… voi vi siete impegnati molto come coppia e come genitori e figlio piccolo non può non aver notato il Re Mida degli ultimi mesi, ha certamente scoperto altri aspetti di Emily e a settembre figlia grande starà fuori casa… vedrai, le cose saranno ancora diverse, avrà i suoi 5 anni da figlio unico… vogliti bene, relativizza… ciao

  3. GRAZ  lo so che tu mi capisci! quindi capisci che è normale farsele certe domande, nn ti pare? perchè? perchè? perche????? l'unica spiegazione che mi sono data è che x fortuna c'è il maschio altrimenti chissà che madre presuntuosa e supponente sarie diventata….

    OCEANO grazie, mi dispiace x il tuo commento, anche a me ogni tanto capita e che rabbia!!!!
    sai che questa cosa del figlio unico nn ci avevo pensato?

  4. Tu sei mamma AB oppure BA
    ma se ti piace di più tu sei A
    e Re Mida B…tanto non legge 🙂
    ciao
    extra

  5. A prescindere dal fatto che non siamo tutti uguali e che quindi non è detto che ciò che va bene per un figlio necessariamente non è detto che vada bene anche per l'altro, io penso che tu debba essere contenta, fiera e orgogliosa di tua figlia e allo stesso tempo che non debba buttarti giù per tuo figlio che ha le stesse qualità e deve solo trovare, con il vostro aiuto, le chiavi per accedervi!

  6. Noi ci stiamo accorgendo di certe differenze già adesso, è anche vero che già solo l'anno scorso mai avrei pensato di scagliare su Prince le saette di madre inveperita, quindi Bimba è un'incognita bella grande.

    Una delle frasi più vere dei miei anni spirituali e fors el'unica su cui non ho cambiato idea è che loro sono persone indipendenti da noi, potranno prendere qualcosa da noi, un'espressione, un modo di fare, ma saranno persone diverse e quindi sul fatto di essere un genitore A o B mi piace molto l'idea di extramamma  oppure potrebbe essere A- e una B+ così sei in mezzo

  7. emily, è la diatriba di qualunque madre, credo.
    ho scoperto solo quest'anno come siano profondamente diverse nell'approccio scolastico le mie bambine.
    cerco di fare del mio meglio, il resto… vedremo.

    non lo so, se sono mamma di serie A o serie B.
    forse sarà come dice extra, un pò dell'uno e un pò dell'altro, perchè nessuno è perfetto, nemmeno le mamme che apparentemente sembrano esserlo.
    ognuno ha le sue debolezze. i problemi ci sono per essere superati.
    non credo agli stereotipi, siamo tutti in evoluzione continua, forse anche quando avremo 70 anni sarà così.
    e tuo figlio, proprio per questi motivi, finite le medie e al liceo magari riuscirà a dare il massimo… forse non si è semplicemente trovato con i prof, forse è una fase che passerà, forse.
    ognuno dei nostri figli va accettato per ciò che è. forse è proprio questa la parte difficile, dopo i primi anni di pappette e teletubbies, quando il loro carattere esplode e li rende unici, speciali.

    (ehm, sono stata un pò prolissa ahime, ma era argomento scottante anche per me)

  8. Mi accodo a Graz ed altri e ti ripeto quello che ci ha detto la terapeuta di E la settimana scorsa: che a parte il carattere diverso fa molto a parità di genitori educazione e opportunità, pure l'ordine di nascita nella famiglia.
     Quello che seminiamo nei figli spunta davero fuori sulla lunga distanza, sia che decidano di adeguarvisi che di opporvisi.

    Quindi non ti sentire in colpa per figlio piccolo, molte cose stanno cambiando in famigli e fra un po'ti avrà tutta per sé nella settimana e questo conta anche a livello di responsabilizzaizone (basta che a 19 anni si leva di torno per imparare a diventare utonomo anche lui, on che ti si appiccica finché non si sposa).

    Datevi tempo tutti, pensa alle terapie, è giusto che lo seguitate e supportiate ma alla fine le cose le deve fare lui e se ha bisogno di una bocciatura per arrivarci con tutti i crismi a capirlo, peggio/meglio per lui. Ma è più fubo di questo e ci arriverà prima a smuoversi.

    Come ha detto mio marito di lui:
    ma mi è sembrato un ragazzino così perbene. Ecco sarà stronzo e rompicoglioni e semplicemente piccolo in cerca di un ruolo, ma il bello che avete fatto di lui finora è che è un ragazzino molto perbene (e il capo ha naso per quste cose) e troppo male nn dovrebbe uscire manco lui.

    Mammamsterdam

  9. Non saprei cos'altro aggiungere alle parole piene di saggezza di tutti i precedenti commentatori se non che potresti delegare re Mida per quanto riguarda le udienze del figlio piccolo.
    O almeno, un quadrimestre per ciascuno.
    Qui, a casa nostra, le udienze del figlio2 al liceo erano diventate compito precipuo del consorte, che vi si era dedicato con zelo encomiabile, andando più volte al quadrimestre a colloquio con i docenti.
    Secondo me, quando lo vedevano, i prof avevano un mancamento…

  10. EXTRA  come mi piace!!!!! questa si che è un'equa spartizione ehehehe

    PALUCA  hai ragione…lo so che i figli nn sono ricette, che con gli stessi ingredienti viene fuori sempre lo stesso dolce…..ma così diversi!!!!!

    ehehehe AGRI ne vedrai delle belle con quella signorina!!! ma nn massacrare tuo figlio, nn è certo paragonabile al mio!!!

    eggià ILMARE accettarli x quello che sono, ma spingerli a dare il meglio. amarli nonostante ti facciano impazzire, ma fare in modo che nn si rovinino la vita…..insomma, durissima….

    MAMMAM ma lui ha l'aria perbene….ma è anche un furbetto!!! cmq hai ragione, dipende da tante cose, anche l'ordine di…apparizione, diciamo così. in quanto a levarsi dai piedi….nn vedo l'oraaaaaaaa

    CAUTE  sai che hai avuto una bella idea? ci mando mio marito ai colloqui…in fin dei conti nn l'ha mai fatto…anzi una volta si ma con dei risultati talmente esilaranti che prima o poi racconterò!

  11. io ti dico che meriteresti una A per la preoccupazione che ci metti.
    Vedrai le cose cambiano e poi comunque la vita ci dirà cosa abbiamo fatto per e dei nostri figli. NOn dei professori che li conoscono solo per un pezzettinoe in un piccolo momento della loro vita. Ascoltiamoli, spesso hanno esperienza e ci possono aiutare ma poi…. ai posteri ….

  12. io ti do sicuramente una A.
    e poi fr un p' di anni non parlerai neanche più con i prof di figlio piccolo e chissà magari sarà un sollievo ma magari avrai anche un po' di magone!
    worldwidemom

  13. Beh, mettiamola così. Secondo me, saresti un cattivo genitore se tu non avessi dato a nessuno dei due quegli stimoli e quelle opportunità.
    E cmq direi che le somme si tireranno tra 15 anni, quando figlio piccolo avrà finito il suo percorso di formazione: allora potrai dire se è un fallimento o un successo. Conosco persone che a 13 anni erano proprio immature e sciocche, mentre adesso hanno una vita felice e soddisfacente come e più della mia.

  14. secondo me siamo genitori e punto . E ce farai e ce la faremo…uuuu se ce la faremo :o)!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. Non scrivo mai, ma ti seguo sempre e tifo anche io per te.

    Mi sono ritrovata, mutatis mutandis, nell'esperienza della tua dicotomia genitoriale 🙂 da figlia però, che ora che si avvicinano i quaranta si rende conto di un sacco di cose che vent'anni fa non capiva proprio.

    Io e mia sorella somigliamo molto ai tuoi due figli, e la mia analisi a posteriori è che la modalità genitoriale che si è rivelata funzionale per uno (me, tua figlia) era adatta alla sua già innata disponibilità. Figlia grande farebbe una splendida riuscita anche con genitori un po' sfigati, penso: e non è per togliere merito a te e Re Mida, ma per renderne a lei.
    Nell'altro caso, i secondogeniti già naturalmente diversi per indole si sono trovati forse anche a confronto con il 'mito', anche questo può contribuire.
    Io ho avuto una famiglia non poco disastrata e insensata, ma per me è stato il terreno migliore per far fiorire quello che sono: mia sorella invece ne ha sofferto profondamente a tutti i livelli. Ovviamente per voi è diverso, ma ecco, era per dare il mio centesimo 🙂

    E tieni botta, che mi piaci proprio 😉

    Avalon

  16. guarda, secondo me non è questione di cattivi genitori. i figli non sono scatole vuote da riempire, non è che una l'hai riempita bene e uno male. secondo me tu, interessandoti ai tuoi figli, dando loro opportunità, facendo sentire che ci sei, ecco, fai già bene il tuo lavoro. il resto sta a loro. e se tuo figlio non va bene a scuola non è la fine del mondo: se lui è un 4 come studente, non vuol dire che lo sia come persona!
    un abbraccio
    polly

  17. Eh, già, anche io mi chiedo come mai, pur essendo figli degli stessi genitori, siano così macroscopicamente diverse… che le abbiano scambiate nella culla???!!!

  18. ce la fai, ce la fai!! 😉

  19. ROSE forse ce ne metto troppa di preoccupazione….

    WWM….colpita e affondata! mi sa che hai ragione

    LANTERNA  le stesse possibilità a tutti e due…ma sai che i prof mi dicono di smetterla di dargli che questo ragazino nn si merita niente? come se si potesse decidere una cosa del genere! e nn parlo di cose materiali, parlo di opportunità…

    ut14 genitori e punto. quanto mi piace questa cosa!

    AVALON  grazie, sei un tesoro, mi piace tanto sentire come se la sono cavata le altre famiglie! su una cosa hai ragione, credo che mia figlia sarebbe così anche a prescindere da noi…..spesso i suoi prof mi dicono che ha preso da me ma loro non mi conoscono e nn sanno che io dentro sono molto più complicata di quello che vedono all'apparenza, mentre mia figlia è proprio così. ben piantata nel suo io e felice del mondo. 

  20. Che scemenza! Le opportunità gliele dai per il solo fatto di vivere con loro. Io non so se le opportunità che sto dando ai miei figli saranno "spendibili" nel loro futuro, ma sicuramente non potrei evitare di dargliele. A meno di snaturarmi.

  21. POLLY…. grazie. questo è un pensiero che fa partire le strategie giuste. i figli nn sono scatole da riempire. bellissimo

    ehm…INNOALLAVITA lo penso anche io di mia figlia…che ci azzecca questa qui con noi????? dico sempre che da qualche parte c'è una brava donna con un mostro di adolescente che ci litiga tutti i giorni e si chiede da dove è arrivata ahahahah

    LERINNI…. nn ho altra possibilità!!! devo!

    LANTERNA  esatto! nn è che gli diamo vesititi firmati o giochi elettronici, gli diamo vacanze tra musei e natura, gli diamo quello che nn possiamo nn dargli visto che vive con noi….questa è proprio un'assurdità!

  22. ero io il genitori e punto che nella fretta non si e' manco firmata!!!
    :o)  Chicca

  23. ahahahh grazie chicca, io ooooooodio scrivere ut!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...