diamo un’occhiata al futuro….sigh!

venerdi scorso ci siamo presi una mezza giornata di vacanza: mezza perchè figlia grande non voleva perdere tutto il giorno di scuola (ma si può? questa ragazza non è figlia mia!) quindi siamo passati a prenderla alle 11, ora di ricreazione

siamo andati insieme a trento, c'era la giornata dedicata alle future matricole di giurisprudenza
che dire….wow!

cosa vuol dire spendere soldini nella cultura….. la sede è nuovissima, moderna, la riunione con i prof e gli studenti tutor…che dire….ma dove erano vent'anni fa????
hanno parlato delle opportunità che offre, tra stage, gemellaggi e tirocini, corsi di lingue e feste studentesche, facultiadi e campus universitario.

a figlia grande brillavano gli occhi: ho capito che il suo obietivo è il semestre in australia, nella facoltà di suo cugino, mai visto ma diventato così familiare con facebook.

per entrare nel campus dovrebbe rientrare in criteri economici che dobbiamo ancora far valutare (in trentino ci sono criteri diversi del veneto), altrimenti cercheremo un appartamento
Re Mida ha subito cercato il parcheggio dei camper…ha provato a convincerla a fare i 5 anni in campeggio, ma figlia grande non è proprio convinta dell'idea

mi fa ridere il fatto che ho sempre pensato che giurisprudenza è la facoltà perfetta per lei, ma l'avevo sempre scartata perchè non volevo che facesse la mia orrenda esperienza nella facoltà della metropoli, in mezzo a baroni e figli di papà. alla fine come al solito lei risolve i problemi pensando un po' più in la di quello che faccio io…..

la sua lucidità nei confronti del futuro mi meraviglia sempre, se penso a come ero io mi sento così stupida…non ha abbandonato l'idea del giornalismo, ma come mi ha fatto notare nessuno le impedisce di andare a lavorare in qualche ambasciata e continuare a scrivere e fotografare…se ha talento riuscirà a diventare una professionista, altrimenti rimarrà una sua passione

anche l'iscrizione alla croce rossa fa parte di questo futuro che sta costruendo: la croce rossa c'è in tutto il mondo, basta presentarsi nella sede più vicina e ci si può rendere utile.

torno dal lavoro e vedo la sua schiena china sui libri: preparo la cena e li sento discutere di arte: figlio piccolo è impantanato con la verifica di arte, figlia grande prova a recuperare qualche nozione che possa essergli utile a prendere almeno un 6.

chissà che silenzio tra 7 mesi…..

p.s. dita incrociate per domani, ho lo scontro ehm volevo dire l'incontro col prof e la preside

Annunci

16 risposte a “diamo un’occhiata al futuro….sigh!

  1. questa ragazza andrà lontano… in molti sensi.
    complimenti a tutti.

    ma sta cosa che non vuole saltare un'intera giornata di scuola, davvero, lo giuro, non si può sentire!!!
    abbattila, emily, non ci sono altri rimedi!

  2. questa ragazza andrà lotnano , te l'ho già detto, farà una brillante carriera …dai non é poi cosi' lontana no?

  3. JULLALLA  che ti devo dire? le avevo proposto un giretto a spacci….come si fa a rifiutare un po' di shopping? nulla, sono andata a prenderla alle 11, dopo aveva 2 ore di ginnastica….

    ALLE AAAAAAAAAGGGGGGGHHH  lo so che andrà lontano…..sigh mi manca già….però sono io che la spingo fuori…mi sa che nn sono tutta normale

  4. Così siete venuti nella città del concilio a 'visionare' la facoltà… E se tua figlia frequenterà qui giurisprudenza, conto in un 'incontro ravvicinato' in queste contrade, eh!  
    Intanto ti mando un grande 'in bocca al lupo' per l'incontro di domani con prof e preside. Ti sono vicina.
     

  5. Caspita tu sei sempre un gradino avanti. Che bello sentire diuna ragazza decisa per il suo futuro e una mamma e un  papà così solidali nei suoi confronti.
     

  6. Tesoro, il compito di mamma condor o passerotta è quello di insegnare a volare ai figli a costo di buttrli di sotto a beccate. Quindi stai solo facendo il tuo dovere perchè sai benissimo cosa le succederebbe se dovesse restare ancora a lungo nel buco del paesello (e a mio avviso anche a figlio piccolo tutto sto bene non fa). 

    Vuol dire che hai tempo fino a settembre per vender casa e traslocare in un posto migliore e più stimolante e meno retrogrado, sempre a una distanza casa-lavoro umana, e tutti e due possono cominicare con una fedina penale nuova.

    E magari vi prendete una casa un po'  meno baraccone (bellissima, sai che non ointendo dire nulla di male di casa tua che è splkendida, ma grande e fsticosa da star dietro`0 e viviete più tranquilli. Il tempo che risparmi nel weekend a riordinare tutto lo passate tanto sul camper.

    Mammamsterdam pragmatica

  7. MammAm for president. Sottoscrivo, parola per parola!!!

    🙂
    /graz

  8. Ehm… Mammamsterdam… non è che passeresti anche qualche giorno da me, così mi fai un'analisi della mia vita e mi dai una strategia per il futuro? Azz, ci vedi benissimo, io ne farei una professione!
    (Giuro, non scherzo!)

    Sono incrociata per l'incontro di oggi. Fai chiarezza, mi raccomando. E ricordati che la tua malattia non è una debolezza da nascondere, ma solo un elemento che può contribuire a spiegare certi aspetti del comportamento di figlio piccolo.

  9. incrocio pure le dita dei piedi per voi!!
    ma qualcosa mi dice che non ce ne sarà bisogno, e che la preside farà una sonora strigliata al suo prof!
    comunque incrocio, male non può fare!!!
    Monica

  10. È da ieri che tengo le dita incrociate….
    Aggiungo solo una cosa…..mi prenoto anch'io, come Lanterna, per una consulenza di Mammamsterdam;-))))

    Simona

  11. tip tip tip.. questo è il suono delle mie dita sulla scrivania aspettando il resoconto del match….

  12. Eh, care mie, come diceva la mia coach preoccuparsi per gli altri è tanto pi`¨facile che risolvere per sè stessi e in questo contesto vale per tutte noi, figlio piccolo ecc.Quindi premesso che la prima frase di Lanterna stavo quasi per scusarmi e dire: si, lo so che sembro supponente e rompicoglioni, poi ho capito, però io ci vengo a fare gli screening se poi qualcuno viene a farlo a me e ad aiutarmi a buttar via puttanate, che io ho questo problema.

    Intanto ho tre televisori e due stampanti che porto in Polonia venerdì (per esser noi gente che non ha allaccio TV tutti non fanno che regalarmi televisori) tanto ce n' è una nuova in arrivo, ho uno scatolone per una signora da dar via e se davvero qualcuno passa di qui mi fa un favore.

    Però ci stiamo riuscendo a vivere più ordinati e meno incasinati.

    Capite però che il discorso casa libera e facile da riordinare in questo momento mi tocca moto. Io in realtà dovrei avere una casetta con capannone a fianco.

    attendiamo notizie da tremendegerrimo colloquio.

    Mammamsterdam

  13. tua figlia è meravigliosa.
    ma che te lo dico a fare? lo sai già.
    diciamo pure… il seme non cresce lontano dalla pianta, un tantino di responsabilità l'avrete anche voi genitori o no?
    figlio piccolo sta attraversando una fase travagliata, può accadere, dagli tempo, fiducia, vedrai che sboccerà anche lui come la sorella.
    però ti faccio un mega in bocca al lupo per il colloquio….che hai già fatto a conti fatti… però….
    bhè ti auguro di aver chiarito tutto e aperto antenne insperate nel professore… chissà mai…

    un abbraccio

  14. La città del Concilio è davvero deliziosa! La tua super ragazza si troverà davvero bene vedrai.
    In bocca al lupo per tutto

  15. Mammam, se non fosse che abiti dall'altra parte dell'Europa, ti direi: affare fatto! Mi piace tantissimo buttare le cose inutili che si accumulano (lo so che l'ideale sarebbe non prenderle proprio, ma siamo umani e, oltre a sbagliare, a volte capita che una cosa che prima era utile poi non lo sia più).

    Emily, ci racconti com'è andata?

  16. Senza nulla togliere alla sua bravura e responsabilità, devo farti notare che se tua figlia ha la possibilità di puntare in alto (ad esempio scegliere la vita da fuorisede in una Facoltà più bella e lontana da casa, fare tanti corsi) è anche perchè ha una famiglia che la appoggia moralmente e la sostiene economicamente.
    Io sono poco più vecchia di lei e ho quasi finito l'uni ma non ho potuto fare una scelta simile perché i miei non potevano pagarmi l'università e men che meno un appartamento, quindi ho scelto una Facoltà vicina a casa e la vita -stancantissima- da pendolare, oltre che il fatto di dover lavorare e quindi non potermi permettere nulla che mi piacesse tipo corsi o sport, e a questo aggiungo che i miei si sono sempre interessati poco di quello che facevo.
    Adesso non voglio fare la cenerentola della situazione, solo dirti che tua figlia oltre che brava è anche immensamente fortunata.
    Bacio

    Val

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...