sono la mamma di un bullo (?????!!!!!!)

ci sono poche cose che mi disgustano come la soppraffazione nei confronti dei più deboli. Da piccola mi chiamavano "l'avvocato delle cause perse" perchè difendevo tutti quelli mancando di aggressività venivano schiacciati. Io sono un caterpillar ma mi scontro sempre con quelli più grossi di me

ecco perchè alla consegna della pagelle sono andata letteralmente fuori di testa: il prof di mio figlio mi dice tre cose, uscendo di corsa dalla sala e inchiodandomi davanti a tutti ( e facendomi saltare la fila di mamme incaxxate che aspettano da ore)
1. che lui è contrario a fermare i ragazzi e ripetere l'anno, ma con una pagella del genere mio figlio verrà bocciato di sicuro (ha quasi tutti 5)
2. che mio figlio ha danneggiato la bici di un compagno, di passar in segreteria a ritirare il modulo per pagare il danno  e mi raccomando di farlo pagare a lui, che non faccia il solito genitore che paga i danni dei figli, deve usare la sua paghetta (compagno che a inizio anno ha spaccato il cambio della bici di mio figlio, 90€, non ho chiamato la scuola per questo)
3. che mio figlio è finito in presidenza perchè ha avuto atteggiamenti gravi di bullismo nei confronti di un ragazzo inerme, indifeso e vittima che non ha saputo difendersi: al prossimo problema verrà sospeso
la prossima settimana vuole vederci, tutti e due, lo sa che siamo impegnati a far schei, ma una volta tanto dobbiamo occuparci del figlio, qui la situazione è gravissima

sono uscita che non vedevo nemmeno dove mettevo i piedi

chiamo mio marito che si incaxxa di brutto, col prof, col figlio, con me, col mondo
per due giorni ci siamo interrogati e abbiamo cercato di capire, lo stomaco mi si arrotolava ma non ne venivo a capo.
sollecitata dalle persone con cui mi sono sfogata chiamo la preside.

sorpresa

1. ci mancherebbe altro che a gennaio abbiamo già deciso chi viene bocciato
2. non è chiaro cosa c'entra la scuola con questo danno: se è fuori dalla scuola dobbiamo arrangiarci tra noi genitori, se è all'interno c'è un'assicurazione
3. nessuno ha mai parlato di bullismo. nei confronti di questo ragazzino mio figlio ha avuto delle attenzioni pressanti, lo ha infastidito con battute e prese in giro. La preside ci ha parlato e ha capito che siccome non aveva reazione di fastidio, ma rideva sempre (per usare le parole di mio figlio) mio figlio non ha agito con cattiveria, ma solo con leggerezza. Non mi ha chiamato perchè non ha reputato la cosa così grave da chiamare i genitori, noi abbiamo le nostre regole e cerchiamo di agire prima sui ragazzi e poi di coinvolgere i genitori. Questa era una situazione risolvibilissima, mi sono informata, era tutto rientrato, anzi, il ragazzino vittima andava in cerca di suo figlio, segno che tanti traumi non ne ha lasciato questa situazione

ecco, adesso riconosco mio figlio. pesante, irritante, fastidioso, non capisce quando supera il limite, non capisce come relazionarsi. Ma non violento. Non bullo.
e allora? allora voglio parlare col prof e con la preside insieme, perchè il prof si è espresso in tutt'altri termini.

in settimana ci sarà questo colloquio.

nel frattempo è successo altro, credo che la situazione stia degenerando. per fortuna è tutto scritto e difficilmente interpretabile in altra maniera, sarà più difficile per il prof cercare di svicolare, dovrà dare delle risposte.

e intanto il mio stomaco brucia, Re Mida affila le armi, figlio piccolo sembra tornato indietro di mesi.

che fatica

P.S. vorrei chiarire che non ho nulla contro i prof in generale. Anzi. Salvo piccolissime eccezioni la mia esperienza nella scuola pubblica italiana è sempre stata di grande professionalità e intelligenza. Però non posso dimenticare quando io ero insegnante….ho visto cose…..e non posso chiudere gli occhi davanti a continue situazioni di disagio, create non si sa bene per quale scopo. Abbiamo rimesso in gioco anche la psicoterapeuta, qui ci vuole l'artiglieria pesante

Annunci

25 risposte a “sono la mamma di un bullo (?????!!!!!!)

  1. Cara Emily,
    ti leggo da tanto e scrivo da mai perchè odio la parola scritta quando sono io a doverla fissare, se si tratta di parlare non mi tiro indietro eh! Ma oggi ci provo perchè questo tuo rapporto col figlio piccolo mi sembra sempre più il mio col figlio "quasi" grande e leggendoti, oggi, mi è venuta forte la voglia di gridarti NO! No: tuo figlio non tornerà indietro perchè ora che hai tempo, anche se sei impegnata a "far schei", ti siedi un momento sulla poltrona, prendi un lungo e profondo respiro e fai venire in superficie tutto l'amore intenso e profondo che nutri per tuo figlio e lo trasformi in fiducia in lui e poi gliela comunichi, comunichi questa fiducia e gli racconti che purtroppo ha un prof. che non lo apprezza e che lo osteggia ma che tu sai che lui, il prof., non ha ragione e che quindi lo aiuterai a dimostrargli che si sbaglia, e alla grande. E poi al prof. gli dirai che se non riesce a rapportarsi con tuo figlio allora che parli pure con te , ogni volta che vorrà, che tu la tua fabbricchetta la metti anche da parte per il benessere di tuo filglio, certo non per le paturnie di un docente incompetente.
    Sono sicura che tornerà indietro lui di qualche passo mentre tuo figlio andrà avanti più sicuro perchè il sentirsi spalleggiato dai propri genitori ha un valore infinito.
    Per me Simone e la maestra psicopotica ha funzionato alla grande. Mannaggia sto fatto che mi leggeranno in tanti mi manda un po' in palla ma avevo così tanta voglia di parlarti e ringraziarti per i tuoi scritti che ora chiudo, non rileggo e spedisco.

    Un abbraccio forte forte!

    Sabrina 

  2. Ci sono diversi tipi di insegnanti e nella mia vita di mamma di un ragazzo di 20 anni anch'io mi sono scontrata con alcuni diverse volte.
    Da chi diceva che trovare del materiale per bambini di 4^ elementare era molto difficile e allora forniva fotocopia delle fotocopie delle fotocopie….
    Da chi non riuscendo a tenere a bada la classe dava la colpa solo ai ragazzi.
    Da chi difendeva colleghi che arrivavano in ritardo alle lezioni, che durante le gite scolastiche avevano un comportamento poco consono……
    E poi ci sono insegnanti come "Milady de Winter " e come tanti altri che si fanno in  quattro per insegnare a ragazzi che non hanno voglia di studiare ma solo di cazzeggiare e che in alcuni casi hanno dei genitori che sarebbero da prendere a calci.
    Anche noi ne abbiamo trovati di questo genere e nonostante siano passati anni, li ricordiamo sempre con piacere.
    Il colloquio che hai avuto con l'insegnante di tuo figlio è vergognoso e fate bene a volere un incontro con presente la preside che mi sembra più sensata.
    Antonella

  3. Sicuramente non tutti i comportamenti del figliolo non saranno sempre stati irreprensibili ma proprio per questo motivo credo che compito di insegnanti e scuola sia quello di "capire" e "intwervenire" nella maniera appropriata.
    L'atteggiamento della Preside mi sembra quello corretto, mentre nel professore riesco a intravedere quel senso di prevaricazione titpico di chi ha in mano un certo potere ma ne fa l'uso più sbagliato possibile.
    Ovviamente la chiacchierata sul divano con il figlio seduto in mezzo a te e Re MIda è assolutamente indispensabile ma prima voi due adulti (soprattutto il Mida) dovete promettere di tirare due o tre sospironi come si deve!

  4. Ero rimasto un pò indietro con i tuoi post e ora mi sono aggiornato: mi permetto di dire soltanto che sto leggendo tra le righe un avvicinamento, una solidfarietà, una forza reciproca tra te e Re Mida che, oggi, San Valentino, mi piace chiamare AMORE!

    E mi piace molto!

  5. Mi colga la folgore se io ho mai difeso i miei figli contro l'istituzione scolastica e/o il singolo insegnante. Vorrei davvero che tu potessi chiederlo a loro e sentiresti le risposte!!

    Ma … nella vita scolastica dei nostri figli insegnanti ne passan proprio tanti e sono tutte persone prima che insegnanti, in quanto persone ci sono quelli fantastici, meno che fantastici ed alcuni, purtroppo, proprio stronzi.

    Anche figlia grande se non ricordo male ha/aveva il suo bell'osso da sgranocchiare, no?

    Ergo, quannu ce vò ce vò soprattutto in un periodo in cui un ragazzo ha bisogno innanzitutto di credere che ce la può fare, che non è bacato dentro e pertanto destinato al peggio, un periodo in cui voi lo state sostenendo in tutti i modi che conoscete (dalla cazziata alla psicologa passando attraverso tutto l'amore del mondo) … ecco in un periodo così delicato un insegnante della categoria stronzi può fare un gran danno.

    Io, per quel poco che ti conosco, vedo che ti comporti sempre in modo equilibrato, raccogliendo tutte le informazioni che puoi prima di emettere dei giudizi ed anche in quel caso senza sparare ad alzo zero ma sempre con cognizione di causa e cautela. Ergo se tu ti rendi conto che, malgrado le innegabili immaturità di tuo figlio, il signore in questione la sta facendo fuori dal vasetto, ecco, secondo me, tu hai il dovere di difendere figlio piccolo e soprattutto di farglielo capire che ha davanti una persona che si sta comportando male ma non per questo lui è solo.

    Sbaglierò e sicuramente non sono una gran maestra visto che il mio scarrafone non è certo roba da manuale ma, come già sai, questa è una delle cose che mi fa davvero diventare matta dal nervoso…

    (e se continuo a ripetertelo chiederai che mi zittiscano in qualche modo eheheheh..!)

    :-)))

    /graz

  6. Emily lungi da me l'intento di angosciarti ma leggendo anche la Milady ( e visto che la leggi anche tu ) ho "imparato" che spesso i presidi .. insomma .. preferiscono stare dalla parte dei genitori per evitare problemi di altro genere.
    Per cui ( anche se te lo dico sto prof di italiano mi sta proprio sulle palle ) la cosa migliore sarà quella di cercare di parlare sia con il figlio che con il prof il piu' serenamente possibile per capire fino in fondo dove stanno i torti e dove le ragioni , ovviamente mostrandoti fiduciosa nei confronti di figlio piccolo ma anche magari aperta verso le posizioni del prof. Credo che ora piu' che mai sia importante capire veramente.
    Un grosso in bocca al lupo.

  7. Eh, ti hanno già commentato come si deve. Sopratutto Sabrina!
    Certo che non si deve spalleggiare con un figlio per un insegnante, però mancano cinque mesi alla fine dell’anno, ha tutto il tempo di recuperare, potresti fargli prendere lezioni private, un sei è fattibile. Sprona tuo figlio a concentrarsi su quello, non colpevolizzarti mai, e responsabilizzalo al fine di ottenere voti al sopra del cinque.
    Daiiii! Ce la farete!!!!!

  8. Hai ragione, ci sono prof e prof, e questo insegnante arrogante che ti dice, tra le altre cose, che tuo figlio sarà bocciato, è un demente. Si, perchè:
    1. con dei 5 non si è per niente spacciati
    2. è gennaio
    3. ma come si permette?
    Adesso ci saranno i corsi di recupero, poi tuo figlio deve dimostrare che ce la sta mettendo tutta, ma proprio tutta. Poi sei una ex prof, quindi sai come vanno queste cose.
    Per il discorso del bullismo, bisognerebbe sentire la presunta vittima, comunque basta fare un discorso chiaro al figlio, direi.
    E la puntura?

  9. SABRINA  e invece dovresti scrivere perchè hai la rara capacità di esprimere la tua opinione senza sposare una parte o l'altra e l'equilibrio spesso nn è il mio forte…!!!!
    grazie delle parole, il valore dell'esperienza degli altri è il senso dei blog (almeno x il mio). fiducia ed equilibrio dunque, speriamo che sia una formula vincente anche con mio figlio. e scrivimi ancora!

  10. Domanda probabilmente inutile (se uno è stronzo, prof o no, lo è e basta): la scuola sa quello che stai passando? Intendo dal punto di vista della salute. Anche se tuo figlio fa finta di niente, non passi attraverso un tumore di tua madre senza provare nulla. E un insegnante decente dovrebbe tenerne conto.
    Ti abbraccio, tanto tanto forte

  11. mi censuro sull'insegnante… a volte sono così rigidi sulle loro posizioni e presunzioni che fanno solo danni. e mi danno la nausea.
    anche io come innoallavita sentirei la presunta vittima, solo x avere la prova concreta che non è successo niente…
    le medie sono un campo minato o_O

    Nakin

  12. Concordo con Lanterna è chiaro che tu sei wonderwoman invincibile e non vuoi essere compatita e ci mancherebbe, ma mi dico da un bel pò che nonoostante sia recidivo, molte insicurezze di figlio piccolo forse derivano dal fatto che non avendo il coragghio di fare domande vere si dà risposte sbagliate e si incarta da solo (ne ho due così).

    Quindi mi chiedo, ma la scuola sa? Perché senza nulla togliere ai votaccio, alla voglia di lavorare saltami addosso ecc. LO CAPISCE UN BAMBINO DEFICIENTE che avete una situazione particolare e magari dire in faccia al prof che gli schei ti tocca spenderli per salute grave, magari intanto gli tappa la bocca, non per sensibilità ma per vigliaccheria, e indip-endentemente da tutto, parlate con la preside.

    Baciotti's Ba 

  13. ANTONELLA  se ci fossero più insegnanti come milady la scuola ne avrebbe solo vantaggio….e infatti quanti ne conosci come lei? gli esempi che porti tu sono quelli che potremmo fare tutte.
    mio figlio è faticoso e sono la rpima a dirlo e la pazienza che ho io nn è richiesta ai prof, ci mancherebbe, quello che però sta mancando in questi giorni è il più elementare rispetto e questo mi fa andare fuori dai gangheri.
    la preside mi è sembrata allibita….staremo a vedere!

    PALUCA  x paura di dire parole inopportune lo abbiamo chiuso in camera due giorni…..eravamo talmente stravolti da questa storia che lo guardavamo come fosse un estraneo. sono andata in tutti i siti che parlavano di bullismo e quando ho letto che i genitori dei bulli di solito sono persone violente, dedite ad alcool e tossici, separati con guerre in corso…..giuro mi faceva male da morire, x fortuna come dici tu le cose con mio marito sono tanto cambiate, fosse successo qualche anno fa probabilmente saremo riusciti solo a litigare tra di noi senza venirne fuori, accusandoci uno con l'altro di essere il colpevole.

    GRAZ idem. nemmeno quando si è trattato di figlia grande, che è sempre stata iper responsabile e con un senso del dovere ultrasonico, abbiamo rpeso le sue difese davanti all'insegnante. mai, l'insegnante ha sempre ragione a prescindere, che se si comincia a insegnare ai figli che possono buttare all'aria tutta l'autorità sarà dura poi fagli accettare anche le regole della strada.
    ma di fronte a palese situazioni di mancanza di rispetto? di fronte a enormi ingiustizie? mio marito alza il soppraciglio e tace, io calcio di sotto figlia grande che esclama improperi.
    ma quanta fatica si fa???

  14. L'insegnante doveva parlare con te a quattr'occhi, innanzitutto. E magari con calma e il giusto tatto (sempre che ne sia provvisto).
    Purtroppo, temo che il rapporto del prof con tuo figlio non sia dei migliori e questo probabilmente spiega la sua 'aggressione verbale' nei tuoi confronti.
    Per il bene di tutti e soprattutto del giovane studente, bisogna trovare la giusta via di comunicazione, parlando con prof e preside, con prof e figlio, tra voi e figlio, senza accuse, scontri e recriminazioni.
    Non sarà facile, ma si deve fare…

    P.S. spero di essere stata chiara, perché a quest'ora sono un po' fusa….

    Un grandissimo augurio.

  15. Forza. E basta.Nella scuola come in ogni altro lavoro ci sono persone eccezzionali e persone orrende. IN questo periodo ho visto tante persone che portano nella scuola le loro frustrazioni personalie questo è un guaio grosso. Si rischia di non essere obiettivi

  16. MEB ci avevo pensato anche io ma al telefono mi è sembrata perplessa dalla situazione, e onestamente sorpresa che il prof avesse ingigantito la cosa. mi ha rassicurato sul fatto che in altri casi più gravi i genitori sono stati informati, nn è la politica della scuola escluderli dalle situazioni. nn so davvero cosa pensare

    ILMARE era quello che pensavo anche io fino a poco fa, ma le cose stanno logorandosi giorno dopo giorno, sono veramente disorientata, nn riesco a capire che atteggiamento tenere.

    INNOALLAVITA  la puntura è stata una passeggiata di salute in confronto a come mi sono sentita con questa storia! l'infermiera è stata splendida ma ha sostituito l'ago, che secondo lei era troppo grosso….mah speriamo che sappia quello che fa!
    quanto ai corsi di recupero, per i prossimi mesi tutti i giorni della settimana saranno impegnati col recupero….certo che se gli mettono in testa che tanto sarà bocciato sarà dura che si impegni….tu lavoreresti se ti dicessero che nn ti pagheranno?

    LANTERNA…. discorso delicato. tra le insegnati di quella scuola c'è una mia cara amica e so che ne ha parlato con una prof di mio figlio (una prof splendida) che allo scorso colloquio mi ha detto parole di conforto ma nn credo che nessuno metterà in collegamento le due cose. odio il vittimismo ma questa cosa mi toglie tante di quelle energie che nn hai idea.

    NAKIN  la vittima è un ragazzino di quelli che di solito viene evitato da tutti. un compagno di scuola mi ha confermato che è sempre in cerca di mio figlio, probabilemnte all'inizio era lusingato da tante attenzioni, chissà. forse tutto questo can can si è gonfiato xkè spesso tutti ci mettono la bocca ma nessuno cerca di capire come è la situazione veramente.
    io ho imposto a mio figlio di evitarlo in tutti i modi, ma mi racconta che lui lo cerca a ricreazione, gli va incontro in fila e i prof alla fine sgradano mio figlio. vorrei parlare con la mamma ma la conosco poco e so che sta affrontando una separazione dolorosa, temo di nn saper gestire la situazione.

  17. maccheccazzo, scusa, però che bastardo

  18. scusa, elaboro meglio, mi è partito il commento prima che finissi. questo prof è veramente un bastardo! in primo luogo perché a fronte di comportamenti da lui ritenuti così gravi doveva chiamarti prima e privatamente affrontare la questione. in secondo luogo, ma – con tutto il rispetto per l'abusata classe insegnante – ma non si rendono conto dei danni che una conversazione del genere può fare all'equilibrio famigliare? ma loro sanno della tua malattia? no, perché a volte – pare assurdo – ma segnalare lo stato di particolare debolezza in cui si versa rende gli altri leggermente meno elefanti quando si tratta di dire le cose. e magari li aiuta a pensarci due volte…chissà

  19. un coglione. nella sostanza.
    continuo ad essere dell'opinione che non a tutti quelli che vogliono fare i prof (magari perchè non trovano di meglio-pagato) si dovrebbe permettere di relazionarsi coi ragazzi.

    la scuola purtroppo di suo appiattisce
    non ci sono risorse per dedicarsi con attenzione particolare a ragazzi e bambini che ne avrebbero bisogno.

    Noi lo abbiamo sperimentato in maniera simile, ma più contenuta vista l'età, col nostro figlio più grande ai tempi della scuola materna. Purtroppo non avevano gli strumenti per gestirlo.

    non demordere
    A.

  20. BARBARELLA….ho riscritto questo commento troppe volte, adesso nn ci penso più su e ti dico che nn gliene frega nulla. certo che  lo sa, glielo ha detto una mia amica, il commento che ha fatto nn lo riporto ma è chiaro che nn ha la minimo idea di cosa vuole dire avere tua madre che sta male…gli auguro che sua moglie sia sempre sana….

    CAUTE  tu sei un'insegnante e sai che la pazienza ha un limite io credo che mio figlio abbia esaurito il suo bonus con tutti. però il rispetto dovrebbe esserci a rpescindere, soprattutto nei miei confronti che nn ho mai detto nulla contro i prof, anzi, nn ho mai messo in discussione l'autorità della scuola. mi sono sentita così umiliata che nn hai idea, è stato così pesante quello che ha detto e come l'ha detto…..nn ci penso xkè la pancia va in ebollizione

    ROSE  già. la sensazione che sia prigioniero di un pregiudizio è semprepiù lampante…pensare come siamo lontani da essere accumunati agli altri industriali!

  21. WIDE  nn voglio difenderlo a tutti i costi ma credo che lui sia davvero convinto di agire x il suo bene. si ritiene un educatore esperto e competente, mai farebbe qualcosa che ritiene poco corretto, però nn sono d'accordo con i suoi metodi d'urto, in questa settimana ci sono stati degli episodi inteollerabili di cui gli chiederò spiegazioni
    tu credi che cambierebbe qualcosa se gli dicessi cosa stiamo passando? no, te lo assicuro.

    PUFFOLA… ripeto che secondo me lui nn pensa di comportarsi male. però stanno tutti alzando le mani, nn sanno come risolvere la situazione e mi dicono: io ci rinuncio con suo figlio.
    bella roba. piacerebbe anche a me poterlo dire con certi dipendenti…e invece cerchi di valorizzarli e capirli …e sto parlando di adulti

  22. assolutamente NO, tuo figlio non é un bullo, ma solo un ragazzo vivace..stop!! faglela vedere a sto prof per favore!!

  23. vedremo ALLE io correi solo chiarire…dentro ribollo ma mi trattengo!

  24. Il bullismo non è soltanto quello appariscente fatto di botte e soprusi evidenti, e non è importante che dietro il ragazzo ci sia una famiglia sregolata o meno: è una manifetsazione dlel'adolescenza molto diffusa e che colpisce dove meno te lo aspetti.nella mia scuola da anni faccimao progetti di prevenzione che passano attraverso l'apertura agli altri, il dialogo tra i ragazzi e tra i ragazzi e gli insegnanti.
    certo questo non toglie che alcuni ragazzi riescano ad essere insopportabili con l'insegnante, comportandosi in modo del tutto diverso da come sono a casa.
    Quanto ai presidi, purtroppo sono i più lontani sia dal mondo dei ragazzi che da quello dei prof! 
    Sicuramente tuo figlio ha sofferto della tua situazione, ma ora si sta risolvendo tutto, perciò anche lui dovrebbe tornare alla vita normale 🙂

  25. Io dò sempre contro a mio figlio, pochissime volte ho preso le sue difese, ma a volte ci sono delle situazioni paradossali.lo scorso anno sono stata convocata con altre 7 famiglie per l'alto nr. di note ( 8) prese. da notare, note perchè disturba nei laboratori, ( e fin qui ci siamo) perchè ha dimenticato il materiale, la riga, il foglio,perchè si dava manate per scherzo con il suo compagno. Gli altri avevano note per i ritardi, uscivano all'intervallo e rientravano in ritardo. Sembrava di essere al plotone di esecuzione, tutti i prof schierati più il preside, che ha avuto solo parole di sollecito perchè ha visto che erano tutte situazioni sotto controllo. ma io mi sono vergognata a morte per l'esagerazione della situazione, bastava aver portato una squadra e non si sarebbe trovato in quella situazione, ero furibonda per la sua stupidità.e Morale 3 giorni di sospensione " perchè è meglio che imparino" e gli è andata bene,gli altri hanno avuto una settimana, mi è sembrato un provvedimento esagerato ma lui ha capito la lezione e ha iniziato a comportarsi meglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...