tutto cambia in 7 giorni

nella top ten delle frasi che dico più spesso, sicuramente c'è: la farò in un ritaglio di tempo, e adesso che lo so mi organizzo.

E alla persona che mi ha chiamato per darmi le date dell'operazione, la mia unica risposta è stata: grazie, adesso che ho le date mi organizzo. E invece volevo dire…..così presto? non sono pronta!!!!?

nel giro di una settimana, da un lunedi all'altro, ho avuto gli esiti della risonanza, ho fatto un'altra visita dal radiologo, una visita dal chirurgo, sono andata ad una conferenza dove c'erano entrambi e ho conosciuto una signora che si occupa di un'associazione e infine lunedi mi hanno fissato la data dell'operazione

tutto in una settimana

7 giorni prima accettavo un lavoro nuovo e 7 giorni dopo la mia vita è completamente stravolta.

in questi 7 giorni la vita ha continuato ad andare avanti con la quotidianità (casa, figli, lavoro, mestieri di casa, cene e pranzi, giardino cane, gatto, stirare) ma nello stesso tempo mi sono fatta una cultura veloce su un argomento di cui fino a 7 giorni fa non ne sapevo nulla

ma se da una parte c'è l'aspetto informativo, necessario per capire come muoversi, dall'altra c'è un aspetto emotivo, psicologico che ha bisogno di trovare interlocutori: marito, sorelle, amici sono disorientati quanto te, puoi stressarli per 10 minuti ma quando chiudi il telefono sei sola con le tue angoscie

conoscere la presidentessa dell'associazione è stato un gran colpo di fortuna; di solito lei viene in ospedale a conoscere le pazienti dopo che hanno fatto l'operazione, io invece, grazie alla conferenza, ho avuto la possibilità di conoscerla prima

le spiego brevemente la mia situazione: la mia voce è ferma, i miei occhi sereni, ho l'aria spavalda di sempre. Lei mi prende le mani e sorridendo mi dice: non aver paura, vedrai che superi tutto

azzo. mi si sono riempiti gli occhi di lacrime e volevo abbracciarla….nessuno osa dirmi di non aver paura, io non ho mai paura e se ce l'ho sto bene attenta a non farlo capire. Ma lei sa benissimo cosa mi passa per la mente e sa trovare le parole giuste

comunque, …mi sono organizzata

seduta di estetista, perchè non voglio farmi trovare in disordine. camicia da notte nuova che sono 40 anni che dormo senza. ho stivato il congelatore e la dispensa. ho fatto il cambio di stagione. in settimana vado a parlare con tutti i prof dei figli. ho preparato la causa che dovrò discutere ai primi di novembre. ho deciso i regali aziendali. sto finendo di preparare l'Assemblea generale dell'Associazione. se faccio, tengo a bada la paura. è cominciato anche il corso di scrittura creativa, credo che ne verranno fuori delle cose da matta ma pazienza

e comunque io sono sempre la solita sbruffona, prepotente, gradassa e spavalda Emily e non ho paura……..arggggggghhhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 

Annunci

34 risposte a “tutto cambia in 7 giorni

  1. Carissima mi riporti a quanto ho vissuto con due mie carissime amiche, Entrambe scoprirono il cancro alla mammella mentre io ero incinta una della mia prima figlia e l'altra della seconda. Ho vissuto le mie gravidanze con una specie di senso di colpa: per la mia gioia contrapposta alla loro sofferenza.Nei momenti del dolore ci si sente soli. Anche se si è attorniati di amici, parenti…Io penso che riuscirei a trovare conforto, forza e grinta al pensiero delle mie figlie che rimarebbero in mano di un imbranato di marito e nonni incapaci (senza parlare degli zii inaffidabili…).Solo chi ha già vissuto l'esperienza può consolare.So che ce la farai.Lorma

  2. sono Raffa, che ti leggeva con le dita incrociate e che tali resteranno fino a che ne avrai bisogno.Un abbraccio.

  3. A muso duro. No Pasaran!:-)/graz

  4. Certo che hai paura, ma chissà perché facciamo tanta fatica a dirlo e chiederlo. Cavolo e pure io a fare l'ottimista per non metterti la mia di angoscia, che deficiente. Il fatto è che davvero non so cosa dire.Emily per cortesia, non farla la spavalda. Non tanto per te, che sappiamo che sei capace, ma per chi ti sta intorno e che manco sa cosa deve dire, fare, pensare. Magari s ti vedono piangere sclerano un pochino, ma sapessi quanto gli fa bene. Ecco, mettila così, è educativo per i maschi di casa (mmh, meglio che ne penso una meglio).Fantastica la parte dell'estetista e chissà che fatica la camicia da notte. Ma una tuta dentro-fuori dal letto no? E mi raccomando, portati assolutamente il tuo cappello antipioggia, come ti sta bene quello, null'altro, guarda secondo me con quello potevi anche fare a meno dell'estetista, non ci faceva caso nessuno.Un bacio e mordili,Ba

  5. non aver paura di aver paura.un abbraccio, andrà tutto bene.sciaca

  6. E' proprio da te, quella di darsi da fare per riempire il frigo e l'estetista e tutto il resto :-)Non lo so se riuscirai a non aver paura con tutto questo gran da fare, io lo spero. Poi magari la paura ti verrà più in là, quando qualche angolino del tuo cervello avrà avuto il tempo di abituarsi e metabolizzare e rendere tutto un pochino meno brutto da guardare.Sei una gran donna, e sono sicura che ce la farai :-)(E per le paure c'è sempre il blog)Un abbraccio

  7. ci sono anch'io.sei una grande donna, come tutte quelle che hanno paura, piangono, poi ricominciano, poi hanno nuovamente paura, poi ripartono e poi ripiangono.ti sono vicina con affettomy

  8. mi dispiace che ti devi operare spero non sia una cosa seria comunque avere paura è umano e tu sei una persona coraggiosa, fai bene a tenerti impegnata e ad avvantaggiarti col lavoro così in ospedale non ti stresserai pensando a tutte le cose da fare, e portati il pc così ci mantieni aggiornate un abbraccio

  9. son frastornata!!!… .. avevo capito che c era in ballo qualcosa …. ma speravo fosse niente….percio un grandissimo abbraccio…e ribadisco il non aver paura della paura…. buttala fuori tutta con le lacrime….. e sarai ancora piu forte!!UN GRANDISSIMO ABBRACCIO

    beffy2

  10. Hai presente il libro "Io non ho paura"??? La situazione, i personaggi, era tutto diverso. Ma il grido era lo stesso.Fai bene. Fa parte di te. Ma permettiti anche anche di essere fragile, prenditi il lusso di non affrontare le cose da sola. Anche se in fondo in fondo di fronte a queste cose si è soli. La "pelle" è la tua … e poi so quante delle paure che hai riguardano gli altri e non te stessa

  11. C'era una grande donna che conosceva bene la paura, una che abitava un po' più a ovest di te ma più o meno la zona era quella. Si chiamava Isabella d'Este e, anche se era una gran signora, ha provato un sacco di paura: per suo marito al fronte e poi prigioniero, per se stessa e la sua città, per suo figlio bambino ostaggio del papa, per tutti gli amici che vivevano nella sua stessa epoca di guerre.Ci ha giocato, con la paura, ne ha fatto più di un motto: Nec spe nec metu è il più famoso, quello che ricorre nei soffitti dei suoi appartamenti.Se non l'hai ancora fatto, ti consiglio di leggere Rinascimento Privato della Bellonci: per me è il libro dell'anima, quello in cui trovo tutto. Non dà risposte, ma almeno ti senti in buona compagnia.Altrimenti, segui il consiglio di lettura che mi diedero i miei librai di fiducia quando mi struggevo di paura per il parto: fatti il pieno di gialli della Vargas e ti garantisco un buon numero di ore senza pensieri.

  12. In bocca al lupo! Un abbraccio SilviaB

  13. ti ho pensato tanto in questi giorni di silenzio da parte tua…come si dice dalle nostre parti "muso duro e barèta fraccà", forza!ti mando un caldo abbraccio, che paura o no, non fa mai maleaspetto tue notiziebaci MammaTuttoFare sloggata

  14. ti hanno già detto tutto e condivido… però… quando è stato diagnosticato a mia madre in autunno del 2001 lei all'inizio non ci ha messi al corrente perchè anche lei è abituata a non avere paura e ad essere forte etc… poi a 15 gg dall'intervento ha dovuto parlarne e la squadra si è messa in moto… e ieri abbiamo festeggiato con lei l'ennesimo controllo andato bene… hai un Re Mida che ha dato più volte prova di essere anche un ottimo complice, una figlia grande che meglio non potresti sperare e un figlio piccolo che in questa occasione potrebbe sorprenderti in positivo… dai loro una chance, condividere le tue paure non ti rende una persona debole, solo consapevole che era meglio se non accadeva ma ora che siete in ballo, si reagisce.. mica stai nell'angoletto a piangerti addosso senza far nulla…insomma, come sul lavoro… Un abbraccio, scusa la logorroicità… Laura

  15. Posso dirti solo in bocca al lupo.Ti conosco solo per quello che scrivi, ma ritengo che ce la farai PER FORZA!E se la paura ti assale e ti prende il panico.. beh, non succede niente è normale. Non devi essere dura per forza.Prima o poi passa..Quasimamma

  16. FORZA, FORZA, FORZA…..Ci sono passata, sò cosa è la paura, ma TU sei una grande, combatti e coraggio….noi siamo tutte qui con te….facci sapere!!!

  17. Cara Emily,ti ho pensato sempre in questi giorni, sai?volevo solo dirti che anch' io sono qui e dico una preghierina per te…so che non sei credente, ma io sì e cercherò di mandarti più coraggio e forza possibile per questi giorni pieni, intensi, psicologicamente e fisicamente emotivi.Ti voglio bene, anche se non ci siamo mai viste (così strana questa cosa…).In bocca al lupo roccia!Un abbraccio inco-raggiante!Giulia da Modena

  18. Emily , non sono brava con le parole , ma sono certa che quella dottoressa ha assolutamente ragione : supererai ogni cosa e tornerai piu' un forma ( e str… 🙂 ) di prima !Un grosso grosso in bocca al lupo.( Dio che banalità ho scritto … comunque fidati ! )

  19. Emily sei veramente una grande,sul serio.Abbi paura. E' normale, è sano.Non si deve essere forti per forza.Ti abbraccio.

  20. in bocca al lupo e un abbraccio grandemeglio affrontare tutto e subito, piu' si ha tempo di attesa per pensare e piu' la paura monta, per lo meno per me e' cosi'

  21. Eccomi, per ultima come il solito… allora mi unisco alle altre e tengo le dita incrociate e ti pensonoi siam qui per te, e non abbiamo paura con te!un abbraccio fortissimobianca

  22. No, tirala fuori tutta la paura, butta fuori tutto… lascia che le persone a te care ti stiano vicine!
    Ti abbraccio, supererai tutto e dopo sarai più combattiva di prima!
    ;-))

  23. sii come vuoi essere. come ti senti di essere. e di voler essere.in totale sincerità con te stessa.ti penso.

  24. Ciao Emily,anche se non ci conosciamo se tu fossi qui ti abbraccerei. Perché mi hai dato tanto facendomi leggere le tue belle storie, e vorrei essere vicina come si fa con un'amica. Stai tranquilla, e in bocca al lupo,ciaochiara

  25. Lo sai, sai già tutto e ci stanno tutte le emozioni che stai provando.E sai anche che ho una memoria di ferro

  26. Cosa posso dire se non tantissimi in bocca al lupo e siiii forteElisa

  27. che dirti in bocca al lupo, sei una donna coraggiosa, sii forte, ma anche no, alle volte bisogna anche lasciarsi andare…ti abbraccio forte!!!

  28. l'atteggiamento che adotti è il migliore. Vinci tu, mica tutto il resto!

  29. Sei una ragazza in gamba e ce la farai anche in questo frangente.Ha ragione la presidente dell'associazione a dirti di non aver paura e di pensare positivo. E' importante affrontare questo momento con fiducia e ottimismo.Io ho molte amiche che hanno subito la tua stessa trafila e tutte hanno ripreso la loro vita con pienezza e serenità.Un abbraccio

  30. Arrivo tardi, ma forse non troppo. Solo per dirti che sono certa che affronterai anche questo con coraggio e determinazione. Paura e sconforto arrivano e passano, tu resisti. In bocca al lupo! Laura.ddd

  31. Lo stavo pensando anche l'altro giorno al telefono…una ha i cavoli suoi per la testa e deve stipare cibo nel freezer, parlare con i professori, fare i regali aziendali.Ma insomma ste povere mamme, non hanno nemmeno il diritto di prendersi un time out? O siamo noi che non siamo capaci?Cmq meglio andare in ospedale serena per tutto il resto.BAcioni.M di MS

  32. So che sono una commentatrice molto sporadica e probabilmente non ti ricordi di me (quella che segue la tua vita come una telenovela!) ma tenevo a farti sapere le tue parole mi hanno raggiunta e faccio il tifo per te.Baci e in bocca al lupoV.

  33. Uhhh, vengo qui sporadicamente e mi spiace vedere che una stupida risonanza butti tutto a carte 48. Però sono sicura che ce la farai.
    duri i banchi

  34. Un abbraccio…a volte le parole restano in gola, anzi sulla punta delle dita! Si vorrebbe dire qualcosa di speciale, ma…meglio un abbraccio, anche se virtuale!
    A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...