è necessario anteporre sempre il bene dei figli a quello dei genitori?

lo dovevo immaginare che c’era il contrappasso, Re Mida non poteva arrabbiarsi davvero col figlio.
venerdi mattina decidiamo: alla sera prendiamo il camper, portiamo figlio piccolo da mia madre, figlia grande da un’amica e noi due ce ne andiamo belli belli a catez, in slovenia, dove ci sono delle terme favolose.
il programma è bagni, nuotate, relax, libri e…vabbè anche il resto s’intende.
ho bisogno di prendere le distanze dal piccolo, mi ha fatto talmente inviperire in questi giorni che ne ho le palle piene: si può dirlo dei figli? evvabbè dico quello che mi pare.

ma un’ora prima di partire (camper caricato, spesa fatta, organizzato con mia madre, giro in biblioteca….) lui mi dice che ci ha ripensato, figlio piccolo è taaaaanto fragile, chissà come interpreterebbe questo allontanamento, chissà come lo vivrebbe…( per quello che è cioè che ne ho pieni i maroni) e che quindi è meglio stare a casa con lui, fargli sentire il nostro affetto….

ok sono un mostro di madre, ma sono ancora inferocita e sono passati due giorni.

io ne avevo bisogno, mi sento prosciugata come una prugna secca, ho male dappertutto ci contavo di farmi fare fanghi e massaggi. ho bisogno di ritrovarmi con mio marito, in questi mesi sono battaglie continue per tutto, cominciamo al lavoro e finiamo a casa.

e invece a casa.

gli ho mollato i compiti da fare, ha urlato tutta la mattina.

figlio piccolo se ne frega, guarda la televisione con la sua solita aria straffottente, io non gli rivolgo parola.
i miei figli sono la cosa più importante, lo saranno sempre. ma il mio istitnto di sopravvivenza mi dice che se non sono capace di darmi dei limiti finisco al manicomio.
non credo che sarebbe morto due giorni da mia madre, non credo che avrebbe sofferto, probabilmente aveva bisogno di prendere aria anche lui da noi. e invece eccoci qui, tutti asfitticamente vicino.

e io ho voglia di prendere la mazza da hockey e spaccare la televisione, che non ne posso più di trasmissioni caxxate

Annunci

26 risposte a “è necessario anteporre sempre il bene dei figli a quello dei genitori?

  1. Sì Emily ti do ragione quando accadono litigi pesanti si ha davvero bisogno di distanze per rigenerarsi e vedere le cose con più lucidità..però a questo punto i compiti di figlio piccolo mollali a Re Mida e senza farti scaricare nessuna colpa visto che tu una soluzione l’avevi proposta…..a quando il prossimo giro le tue amiche solitarie?

  2. Carissima, leggendo questi tuoi alti lai verso figlio piccolo & Co. ho ripensato alla mia storia con il bartender ed quella di mia sorella con il suo n. 2(di tre).

    Non sai quanto ti capisco!!!

    Probabilmente non servirà ad un fico secco di niente ma io posso assicurare a Re Mida che quella che sembra aver intrapreso è la strada peggiore per ottenere che figlio piccolo smetta di fare il fesso.

    Se c’è una cosa di cui mi pento per quanto riguarda l’educazione dei miei figli, ma in particolare di n. 1, è proprio il fatto di non aver saputo sopportare i SUOI momenti di tristezza/frustrazione/rabbia a fronte delle MIE punizioni. Alla fine mi facevo intenerire oppure stavo così male io all’idea di lui in qualche situazione (senza macchina sotto il super temporale, a casa mentre i suoi amici festeggiavano, e via elencando) che preferivo retrocedere dalle mie posizioni o non punirlo troppo. Morale: lui sapeva per certo che dopo le sfuriate sarebbe tornato il sereno senza che da parte sua fosse necessario fare molto più di un plissè.

    Ricordo una donna originaria della Bretagna con cui mi trovai a dissertare di parenting che un giorno mi disse ‘voi italiane non siete in grado di sopportare la sofferenza dei vostri figli, e facendo così li rendete dei rammolliti’. Credo che ci fosse andata abbastanza vicina.

    Secondo me tu hai ragione nelle tue prese di posizione precise ma se Re Mida non collabora davvero serviranno a poco. Per quanto riguarda lo specifico della tua domanda, io ricordo un amico che mi diceva ‘L. è stato bocciato per l’ennesima volta e pertanto non andrà in ferie. Quindi noi staremo a casa perchè lui è in punizione. Noi ci toglieremo l’unico periodo di relax durante l’anno ed a lui non importerà un fico secco perchè tanto la sua vita non cambierà più di tanto’. Aveva perfettamente ragione.

    Coraggio, insisti con Re Mida e non aver paura di passare per mamma Crudelia

    /graz

  3. mioddio quanto ti capisco, questi giorni sono stati deleteri anche per me, parlando di figli.

    TuttoDoppio+1 sloggata

  4. Non ho letto i post precedenti e andrò a farlo, ma avevi ragione tu, se potevate andare a svagarvi, a disinnescare la miccia, dovevate farlo. dovete sfruttare questa fortuna, noi purtroppo non abbiamo nessuno a cui lasciare i figli…allontanarvi un po’ serve a vedere le cose in prospettiva, sia per voi che per il ragazzo!
    Riprovaci la settimana prossima, un bacio extramamma

  5. AGRI  sono proprio depressa….vedo le mie vacanze sfumare, il mio relax meritato trasformarsi in un continuo lavoro, mi sono presa due casse di spianaci e 2 di porri tanto x aver qualcosa da fare…
    niente giro con le amiche, alcune sono licenziate, 2 in cassa integrazione…..che periodo faticoso!

    ELIAG  è vero.
    la sofferenza dei nostri figli è insopportabile, x quello che ci facciamo mettere sotto i piedi, scambiando capricci x sofferenza. nn riusciamo a vederli x quello che sono e nn riusciamo a prenderne le distanze.
    nn voglio aver rimorsi quando sarà grande, xkè le cose da fare le vedo adesso ma è impossibile con un marito che rema contro e pensa sempre che sia un essere da scusare e giustificare.
    nn so proprio più che fare

    TUTTODOPPIO  dai!!! i tuoi sono ancora piccoli!!! ne hai di tempo x arrabbiarti!

  6. EXTRAMAMMA  a quanto pare avevo voglia solo io di stare con mio marito, visto che lui sembra felicissimo di questa soluzione.oggi hanno lavorato in camera del figlio, con un ragazzino scocciatissimo ad ogni proposta eun padre al limite dell’entusiasmo x ogni cosa.
    nn so sto diventando acida, ma ne avevo proprio bisogno

  7. Non dirmi così che già mi tremano le gambe! 🙂

    Sempre TuttoDoppio+1
    sempre sloggata (che pigra)

  8. beh, che dire, io ai miei figli, mugugnando tra i denti per non dare il cattivo esempio, do dei rompic***ioni dieci volte al giorno, penso che in una situazione come la tua, dire che ne hai le palle piene sia il minimo. 🙂

  9. TUTTODOPPIO  probabilemnte quando arriveranno problemi più gravi, quelli che sento dalle mie amiche (droghe alcol, cattive compagnie, sesso precoce, fallimenti scolastici, problemi con le autorità…tanto x dirne un po’) questi di oggi mi sembreranno caxxate.
    oppure mi ricorderò di questi anni e capirò che dovevo far di più.
    x quello sono incaxx, sento che abbiamo la possibilità di cambiare il futuro e nn so come fare

    MAMMATUTTOFARE  nn ti dico io in questi giorni, cosa mi esce dalla bocca….oggi ho detto una cosa a mio marito che ha sconvolto anche me, ma me l’ha tirata fuori dalla bocca!!!!

  10. Ok…siamo alla frutta. Non ho proprio parole….

    Quindi ti passo un consiglio in alternativa alla precedente:

    Ti metti al computer e scrivi una lettera alla famiglia in cui dichiari che a causa del mancato impegno nei confronti della famiglia anche tu sciogli qualunque impegno.

    In parole povere

                                TU FAI LO SCIOPERO

    – non lo svegli al mattino: ci penserà il papà se proprio insiste
    – non lo porti a scuola : ci penserà il papà se entrambi ne avranno voglia
    – non gli fai fare i compiti: ci penserà il papà, comodamente alla sera oppure se lo viene a prendere a casa e se lo porta in ufficio
    – non gli farai da mangiare, nè farai la spesa
    – non gli laverai i vestiti e lo stiro è abolito
    – non pretenderai alcunchè da lui, soprattutto la doccia
    – niente scarrozzamenti da amici
    – niente acquisti di alcun tipo per lui, manco finisse per uscire in mutande e pure quelle bucate.
    Il tutto col sorriso sulle labbra.

    Se dopo due settimane almeno il piccolo non viene ad OREMUS ti resta il collegio ma mi raccomando scegline uno a prova di cuore debole di padre.

    Prima fai una bella riunione; avvisali tutti per bene ed assicurati la complicità (nascosta) di tua figlia.
    Non mancare di sottolineare che quando avranno voglia di prendere impegni (banali come essere responsabili nei confronti della propria famiglia) tu sarai disponibile al colloquio ma che le loro proposte devono avere forma espistolare ed essere sottoscritte, meglio se col sangue.

    Se ancora non funziona io ho sempre un divano letto. Ci sono 150 chilometri di distanza non potranno chiamarti   per inezie.

    cognatamancata

  11. Mi spiace! Avevo già detto in un post precedente che il successo della punizione si basava sulla resistenza del padre. Secondo me tu dovresti importi su tuo marito: il ragazzo sa che il padre alla fine molla e quindi la madre è costretta sua volta a cedere. Tra amici e conoscenti ho notato che dove ci sono padri "deboli" e ragazzini/e "svogliati" anche se la madre è un cerbero non serve a nulla perchè sono consci che alla fine il padre cederà e la madre per la tranquillità famigliare si adeguerà.
    Lorma

  12. Guarda, darling, l’elenco di cognatamancata dovresti stampartelo a lettere di fuoco nella capoccia ed agire di conseguenza. Non dimenticare il sorriso sulle labbra, mi raccomando.

    E non ti far passar la voglia

    /graz

  13. Sei troppo oltre il limite di rottura con te stessa. A volte i pensieri e le preoccupazioni torturano la mente più della tortura fisica. La delusione più grossa che si possa subire è quella di vedere quello che per te è il tuo cucciolo diventare una persona che ti sembra di non conoscere. Però ci succede accidenti. Mi spiace per la decisione che ha preso tuo marito che non tiene conto di te, di VOi. Io concordo. Vi avrebbe fatto bene un po’ di lontananza, forse avreste rivisto le cosein modo diverso e vi sareste ricaricati per affrontare un periodo con figlio piccolo che si preannuncia molto difficile. Bah. Patrizia

  14.  io mi sono rivista in Re Mida! Ho alzato gli occhi dal portatile e ho guardato mio marito raffreddato, stanco (1000 problemi), e deluso (il Bologna ha preso 4 goal) e gli ho lanciato un…w.e. alle terme??? Mi ha mandato giustamente in quel posto, è tanto che me lo chiede ma per me non è mai il momento opportuno… 
    Mannu

  15. Ciao Emily!

    oh no!!! pure tuo marito che fa la banderula no eh!!! lo preferivo quando era coerente……..almeno……

    anyway…..la risposta alla domanda che poni per me e’ "dipende"…..e nel caso specifico, non vedo come prendersi un po’ di tempo per se’ (poi un weekend, mica 6 mesi) per ricaricare le pile sia dannoso per tuo figlio……perche’ se tu non stai bene, anche loro non posso stare bene……il tutto sta nel metterlo il quella tesa dura di tuo marito……
    facile eh?

    cmq fossi in te, il prossimo weekend me ne andri io……lasciali da soli…….che tanto sopravvivvono bene anche se vogliono farti credere di no. Prenditi su un bel libro, o un’amica, e vai. Cosi’ non hai il problema di organizzare nulla, perche’ ci pensa tuo marito…..no?
    va’ a farti coccolare bene bene, perche’ e’ IL momento….

    Riguardo a tuo marito, ho come l’idea che il figlio fosse una scusa per non passare un po’ di tempo con te. Forse aveva paura di litigare, o di sentirsi dire cose che non vuole ascoltare……io l’ho letta cosi’ piu’ che una grade preoccupazione per il figlio. Per questo che fossi in te, andrei da sola……….e vedrai quanto starai bene!!! 

    Good luck!

    Eli 

  16. Penso anch’io che sia stato uno sbaglio. Se senti il bisogno di staccare, magari per stare un po’ con tuo marito a parlare di altro, penso sia un segnale da non sottovalutare. E non credo che crei traumi a tuo figlio.
    Quest’estate ho avuto un problema simile: non sopportavo più Amelia (3 anni e mezzo!), l’ho potuta mandare al mare con i miei ed è stato utile sia per me che ho staccato sia per lei che si è divertita e non mi ha vista toccare il limite.
    Mi dispiace non poterti offrire ospitalità per il prossimo we, perché siamo via, ma la prossima volta salta sul primo treno e vieni a rilassarti qui: al castello di PV ci sono due belle mostre e poi c’è Milano vicina 🙂

  17. Penso anche io che avreste fatto bene a partire, a volte ci vuole. Dai non scoraggiarti però, organizza per il prossimo week end!
    Abbraccio 🙂
    Renata

  18. no, non é necessario, ogni tanto dobbiamo prenderci i nostri spazi e vaffan tutto il resto!!
    cercadi rifarti il prima possibile, e dillo chiaro a RE Mida!!!!

  19. quella dello sciopero mi sembra un’ottima soluzione, ogni tanto lo minaccio anch’io… "purtroppo" i miei sono ancora troppo piccoli perché io faccia un vero e proprio sciopero, ma se continuano così (soprattutto n.1) prima o poi lo faccio
    e riguardo al marito… la prima volta che ho chiesto io di far dormire n.1 dai nonni (nonché suoi genitori) ero reduce da 5 notti in bianco e 5 giorni di lavoro, col pupo influenzato di stomaco e di pancia… il marito era in trasferta e aveva TANTA voglia di rivedere il suo cucciolo… io invece avevo solo voglia di dormire! sai cosa? mi son beccata del "cuore di pietra"… perché lasciavo un weekend dai suoi un bambino che era solo più convalescente, sfebbrato, ma ancora tanto rompicoglioni (scusatemi la sincerità)
    e comunque è andato dai nonni, ma io me la sono legata al dito…
    Quindi, per quel che vale, tutta la mia solidarietà!
    Monica

  20. E avresti fatto bene a prendere la mazza, darla sulla testa del padre, poi del figlio e per ultima sulla televisione

  21. Ehi Emily!
    Ma ti ho sentito alla radio!!!! Hai fatto troppo bene a prenderti un giorno tutto per te, buone terme!
    Ciao ciao Maddalena
    P.S. il corso di dizione è proprio servito, l’accento veneto non si sente proprio!

  22. sei stata brava…
    io visto il cambiamento di vento, avrei lasciato le redini a ReMida e sarei scappata dalla prima amica compiacente giusto per non stare in casa, non sentire lamenti e per non avere voglia di usare la mazza da hockey…

  23. UAZ! Questa volta l’ha fatta davvero grossa.O_O
    Io non sono di sicuro la madre talebana, però da quello che racconti, figlio piccolo aveva bisogno di una dimostrazione di illuminata autorità genitoriale. E ci eravate quasi riusciti.

    A questo punto figliopiccolo ha avuto invece la dimostrazione o la conferma del fatto che qualsiasi punizione stabilita da te, madre, potrebbe in qualsiasi momento essere annullata dal prode papi, per cui se non ti ascoltava prima, figuriamoci adesso…

    A questo punto io dispenserei Remida dal frequentare qualsiasi corso serale, per dedicare le sue serate, TUTTE le sue serate, alla correzione e/o rifacimento compiti e/o studio con figliopiccolo. Un sorta di RITO POSTPRANDIALE QUOTIDIANO irrinunciabile e inderogabile. Chi lo sà, magari dopo i primi scleri ne potebbe anche uscire qualcosa di buono, a patto che nenache una sera venga saltata, solo il sabato sera, toh.

    E tu te ne tiri fuori. E succeda quel che deve succedere,  veramente a questo punto.

  24. COGNATAMANCATA  ti ho preso in parola eheheheh

    LORMA  il problema credo che sia tutto qui: che nell’educazione dei figli (succede solo a me?) si scontrano due toerie educative e nn sempre coincidono. e poi spesso si è d’accordo nella teoria ma nn nella pratica!

    ehhhhhh  GRAZ l’ho presa in parola….e con una risata sulle labbra!

    PAT  so che tu mi capisci e grazie x l’incoraggiamento di questa mattina! nn sembrava ma ne avevo bisogno!

    MANNU  lo aveva proposto lui!!! il come il dove e il quando, io dovevo solo organizzare i figli e il camper. x quello è stata una doppia delusione!

    ELI…. appunto…è quello che ho fatto. e quanto sto bene ora? tanto! e quanto lo pagherò? tanto! e quanto me ne frega? niente! sono davvero un mostro,lo so

    LANTERNA sei un tesoro, queste mamme blogger sono favolose! hai ragione, i figli sfiniscono e abbiamo bisogno di staccarci. e penso che sarebbe una buona occasione x ritrovarci come donne, ogni tanto

  25. RENATA  è esattamente è quello che ho fatto!!!!

    ALLE hai ragione, e a volte un bel vaffa è quello che ci vuole

    MONICA  è esattamente questo di legarsela al dit che nn voglio più fare! il rancore di queste situazioni mi distruggono, mi avviliscono e mi riducono in un essere odioso. io invece nn sono così!!!

    ZIA CRIS hai ragione!!!! ma secondo me la mazza è troppo fragile!

    MADDALENA  ….ma sei sicura che fossi io??? azzarolla!!!! evvabbè dai…ma adesso che sai il mio nome…shhhhhhhhh

  26. E comunque per ReMida è più semplice comportarsi così, portandoselo dietro che mettersi lì a discutere con lui e fargli capire come stanno le cose. E’ più semplice dire sempre sì che anteporre qualhce sano no, un no implica delle spiegazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...