panico da celebrità

“complimenti Emily, sei stata citata da Repubblica! “

“brava Emily adesso tuo marito saprà che le sue gesta sono conosciute a tutto il web!”

“complimenti Emily, sei diventata una influente mamma blogger!”

apro il blog e mi trovo questi messaggi nei commenti e nei pvt.

un brivido di panico mi attraversa la schiena: non è possibile che succede? sono inchiodata in ufficio, aspetto una persona, ma il bisogno di leggere subito il giornale mi fa andare in tachicardia. lo sapevo, lo sapevo questa storia non poteva durare, era troppo bello avere un posto tutto mio dove scrivere quello che mi passa davvero per la testa. mi immagino mio marito, i miei figli, i dipendenti, i parenti, i vicini, le mamme di scuola che leggono il blog e mi gira la testa, mi sento nuda di fronte alle persone da cui di solito mi nascondo. immagino quella criticona di mia sorella, che si studia Repubblica pagina per pagina, vedere il servizio sulle mamme blogger e pensare: “ma mia sorella non ha un blog di cui non vuole dirci niente? vediamo un po’…..” oddio

chiamo il mio amico Corr per chiedere aiuto, lui mi dice che sto andando in panico, apre il giornale cerca di capire cosa c’è scritto, se posso essere riconosciuta. Poi la cosa si chiarisce, insomma hanno riportato il sito ma era anche sbagliato, dai, è più facile che vinci all’enalotto che qualcuno ti riconosca.

passo il resto della serata a fare piani: cancello tutto quello che ho scritto di compromettente (praticamente tutto), e comincio a diradare i post….quando comincio a ragionare con calma mi chiama una delle poche persone della mia vita reale che conosce il blog e scrive: “misericordia cancella i miei commenti! qui andiamo nei casini tutti quanti” ah grazie, adesso mi sento meglio

ok mi sono spaventata ma ho pensato una cosa: credo che sarebbe ora di perdere un po’ di questo autocontrollo che mi sono imposta da anni. e a quanto pare lo dovrò fare con chi, prima o poi, scoprirà questo blog…nel frattempo, nessuno tocchi il mio non luogo del cuore

Annunci

15 risposte a “panico da celebrità

  1. Eh bella storia questa. Dai, spero che non ci arrivi nessuno a romperti le uova nel paniere. Io, per esempio, quando commento da Elasti non metto l’indirizzo del blog che lì c’è troppa gente che circola, pure mia sorella e mia figlia, per dire. Che dici, debbo cominciare a farlo anche qua??? ;-))

    /graz

  2. ne ho letto in giro nel web e sono andata a leggerlo….beh ma ci sono le solite “note”….oppure sei anche tu una famosa in incognito? ^___*

  3. Anche io sono in incognito, speriamo bene…

  4. Ho letto l’articolo quand’è uscito, l’altro giorno, con la citazione di Crosetti riguardante te e penso che tu possa continuare a scrivere con tranquillità.
    Chi non è al corrente del tuo blog, probabilmente ne rimarrà ancora all’oscuro…
    Ciao!

  5. L’ho appena letto è anche online!
    ma sì stai tranquilla chi non è a conoscenza del tuo blog non può risalire a te!
    certo che mi sono venuti i brividi…è vero che si sceglie di scrivere in un blog che è in rete e quindi alla mercè di tutti però a me spaventa molto l’idea che qualcuno senza dirmi nulla mi citi su un autorevole quotidiano! anch’io a volte mi sfogo per quanto riguarda il lavoro e non scrivo cose sempre belle, anzi….
    non vorrei mai mettermi nei guai!!

    scarlett

  6. mia mamma mi ha passato l’articolo e sono stata contenta di trovartici …. è un pò fiera … cavoli!! la emily la conosco anche io :-))

    però credo che tu possa stare tranquilla!

  7. GRAZ io ho smesso di commentare da elasti x lo stesso motivo e mi dispiace xkè ci siamo conosciute ed è un peccato nn comunicare ma sta diventando troppo famosa e il rischio di essere letta da tante persone aumenta.
    qui penso che tu possa star tranquilla eheheheh

    AGRI tranquilla nn sono famosa ne dal vivo ne dal web, sono solo io che difendo la mia piccola isola che nn c’è fino ad arrivare ad essere paranoica!

    CAUTE hai ragione ma è vero l’inverso che se una persona mi conosce e legge il mio blog capisce subito che sono io, ecco quello che temo. se mia sorella che si studia repubblica nei minimi dettagli o mia madre che lavora in biblioteca e si legge tutti i giornali e che sanno che ho un blog vanno x caso a curiosare, mi riconoscono dopo pochi post e questo mi getta nel panico. ma è un rischio che devo correre altrimenti nn mi resta che chiudere tutto

    ISIDE quando inizi a scrivere nn hai la minima idea di iniziare un’avventura del genere, fatta di persone vere con cui scambiare emozioni vere. nn hai idea che nel giro di poco conoscerai davvero queste persone e che diventeranno tue amiche x davvero, ma che rimangono cmq tante persone che leggono e di cui nn sai nulla. spesso presto il mio pc alle dipendenti: e se avessero già da tempo scoperto il blog? che figura ci faccio?io sono molto diversa nella realtà dalla donna ansiosa incazzosa irritata stanca depressa e godereccia ( pensa ai post sul sesso agh!) che ne esce da qui.

    yeahhhh PONTI anche io sono fiera quando vedo le mie amiche citate nei giornali!!! grazie di eserlo tu di me…che effetto!!!

  8. io sono molto orgogliosa e felice per te, pero’ ti capisco, credo che prima o poi puoi rincorrere nel casino, pure io che comunque non sono mai citata ho un sacco di visite e gente che mi ha detto che mi legge e a cui io non ho neppure detto che ho un blog, mi ha scoperto per caso e mi hanno riconosciuta ecco, quindi…non voglio spaventarti, pero’ se non leggono il tutto forse é diffiicile riconoscerti, eppoi sai cosa ti dico? chissenefrega!! in fondo é un luogo magico perché rovinarlo? bacioni..

  9. Ma il mio commento? :O
    Dicevo, grazie per il commento. E’ così difficile trovare qualcuno che sa gioire sinceramente! 😉
    Un abbraccio.
    Silvia

    PS: Agrimonia, non ci sono le “solite note”, ci sono citazioni sparse anche per chi non era mai stato citato fino ad ora. 😉

  10. Credo che paradossalmente scrivere su nonsolomamma sia molto più “sicuro” che scrivere altrove. Ci sono talmente tanti commenti che spuntare fuori in quel mare è praticamente impossibile.
    Comunque, anche secondo me puoi stare tranquilla.
    Ci sono così tanti blog in rete. Ma così tanti!!!

  11. ALLE tu hai conosciuto mio marito, sai che nn è il tipo che gradirebbe sapere cosa scrivo qui ed essere riconosciuto.
    grazie x avermi detto che ti hanno riconosciuto, adesso sono proprio tranquilla!

    SILVIA ovvio che sono felice, mi irritano solo i successi facili, ma quando vengono x le proprie azioni c’è solo da congratularsi!
    hai ragione, l’articolo era scritto bene anche se io c’entravo proprio poco: i vostri blog sono rivolti soprattutto alle neo mamme, spannolinamenti e pappe sono argomenti molto richiesti, qui da me non di sicuro. ma ovvio che mi ha fatto piacere! anche ansia ma nn importa

    insomma LGO è tutta una questione di numeri. a volte mi capito di scoprire un blog da un commento che la blogger ha scritto su un’altro blog, mi piace quello che ha risposto e vado a leggere il suo blog. ovviamente queste probabilità aumentano in un blog come nonsolomamma…o no???

    GRRRRRRRR COGNATAMANCATA nn ho cancellato niente hai visto, affonderai con me eheheheheh

  12. Non sottovalutare tuo marito. Certo, può incazzarsi, sentirsi sputtanato, prendersela. però mi sembra anche un ragazzo intelligente e quindi a un certo punto se si rilegge certi post che ho in mente io, capisce che lo ami da matti e capisce anche con quali atteggiamenti ti fa soffrire. Insomma, rischi ti sorprenda con effetti speciali.

    Certo, è vero pure che vota chi vota, quindi forse così intelligente non è:-)

    Dai, cocca, tirati su, se ti hanno citata è perché scrivi bene.

    Mammamsterdam

  13. Barbara mio marito è abiutato a farsi prendere in giro in casa, a ridere dei suoi errori e di se stesso, ma quando siamo con degli estranei questo nn succede mai, gli da proprio fastidio. se si tratta di lavoro diventa una bestia. nn credo che mi siorprenderà, ormai comincio ad essere disillusa degli uomini. ma sarà il periodo

  14. niente panico e tanti complimenti… anche se ci sono citazioni del tuo blog a piene mani, dubito che il tuo ReMida riesca a ritrovare le tue pagine, non c’e’ niente nell’articolo che permetta di riconoscerti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...